Social

Ruvo di Puglia - mercoledì 13 gennaio 2016 Attualità

Delibera in merito a tutte le questioni generali dell’Ente

Nuovo Consiglio direttivo del Parco dell’Alta Murgia, c’è anche il sindaco Ottombrini

La nomina è giunta dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare

Vito Ottombrini © RuvoLive.it
di La Redazione

Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del mare ha nominato, col decreto 283 del 21 dicembre scorso, i componenti del Consiglio direttivo dell’Ente Parco nazionale dell’Alta Murgia.

Si tratta di Michele D’Ambrosio, Nicola Dilerma, Vito Nicola Ottombrini e Cesareo Troia per la Comunità del Parco; di Francesco Tarantini per le associazioni di Protezione ambientale; di Maria Cecilia Natalia su designazione dell’Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca ambientale; di Michele Della Croce per il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali; e di Antonio Masiello per il Ministro dell’Ambiente.

«La presenza, dopo una lunga attesa, del nuovo Consiglio direttivo – ha dichiarato il presidente dell’Ente Parco Cesare Veronico – rappresenta un ulteriore stimolo a collaborare con le comunità locali, i Ministeri, le associazioni e il mondo della ricerca. Confido nell’apporto costruttivo dei componenti e in un confronto che abbia sempre come priorità la tutela e la valorizzazione del patrimonio comune.  A loro, a nome di tutto l’Ente Parco, l’augurio di buon lavoro e l’appuntamento alla prima seduta».

Il Consiglio direttivo delibera in merito a tutte le questioni generali dell’Ente, si esprime sui bilanci, sui piani e sul regolamento. Le nomine hanno durata quinquennale. La partecipazione alle sedute è a titolo gratuito e non dà diritto a corresponsione di compensi e gettoni di presenza. È riconosciuto il solo rimborso delle spese.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo