Blindata per evitare il parcheggio e il transito di automobili e furgoncini

Piazza Menotti Garibaldi “in catene”

I cittadini denunciano: «Il paletto esprime messaggio di chiusura, c’è bisogno di una sterzata». Intanto i candidati sindaco promettono cambiamento

Attualità
Ruvo di Puglia lunedì 25 gennaio 2016
di Raffaella Anna Dell’Aere
Piazza Menotti Garibaldi "in catene" © RuvoLive.it

Da un giorno all’altro, piazza Menotti Garibaldi è sulla bocca di tutti, a causa dell’installazione di paletti dal dubbio gusto artistico, collegati tra loro da catene.

La piazza, detta anche della “Torre dell’Orologio”, piccolo cuore storico nel centro ruvese, viene blindata per evitare il parcheggio e il transito di automobili e furgoncini. Il luogo è storicamente rilevante in quanto ospita, sul basamento della torre, un'antica lapide dedicata all’imperatore romano Gordiano III, che aveva concesso i benefici imperiali, nel terzo secolo d.C., alla città di Ruvo, a quell’epoca prospera e florida. Una soluzione dunque considerata affrettata e maldestra, irriguardosa del culto storico e architettonico della città, ma non solo, fautrice di una misera ideologia improvvisata che tende ad allontanare, a nascondere, ad escludere la bellezza portatrice di benessere emotivo, economico e comunitario.

Unanime la voce della cittadinanza che definisce la scelta delle “catene” paragonabile a un messaggio di chiusura contro il quale è necessaria e urgente un'immediata sterzata, al limite dello shock. Intanto i nuovi candidati sindaco promettono cambiamento in nome di nuove politiche di recupero e rilancio del centro storico, come afferma, tra gli altri, Antonello Paparella, esprimendo anche la volontà di predisporre una soluzione logistica per una nuova area parcheggi. Fioriere, paletti removibili collocati diversamente, panchine e telecamere sono alcune delle tante soluzioni proposte dai cittadini scossi per l’infausta scelta.

Metallici “cavalli di frisia” da abbattere, allontanare per sempre dalla logica rassegnata di una città che reclama a gran voce il colore di un nuovo corso storico che ne preservi e rafforzi la bellezza.

Lascia il tuo commento
I commenti degli utenti
  • Marco Armani ha scritto il 25 gennaio 2016 alle 12:50 :

    Propongo di cambiare nome alla Piazza, da Piazza Garibaldi a Piazza Dei Paletti Incatenati, oppure intitolare la stessa al progettista che ha avuto questa fantastica idea altamente distruttiva. Rispondi a Marco Armani

  • Reb Us ha scritto il 26 gennaio 2016 alle 07:40 :

    Oppure mettiamo in catene direttamente il progettista. Rispondi a Reb Us

Le più commentate
Le più lette