Il backstage

A Bari si presenta “Close to gente di Talos”

Il documentario del regista ruvese Giuseppe Magrone racconta i retroscena del Festival

Cultura
Ruvo di Puglia domenica 27 marzo 2016
di La Redazione
Close to gente di Talos
Close to gente di Talos © Facebook

Il momento in cui il trombettista prende fiato prima di suonare e non la sua performance, il lavorìo brulicante del dietro le quinte e non le luci e gli applausi dello spettacolo; i volti, le voci, le mani che costruiscono il festival, insomma: tutta la parte “posteriore” dell'evento e molto altro contiene il documentario “Close to gente di Talos”, firmato dal ruvese Giuseppe Magrone.

Il film verrà presentato mercoledì 30 marzo alle 10.30 nella Mediateca Regionale Pugliese, a Bari in via Zanardelli 30. Oltre al regista, interverranno il direttore artistico del Talos Pino Minafra, il responsabile della logistica Paolo Paparella e i giornalisti Ugo Sbisà della Gazzetta e Fabrizio Versienti del Corriere.

La sinossi

Il film nasce dall’esigenza di rappresentare la realtà che attraversa un festival musicale. I protagonisti sono dunque i personaggi che vi vivono intorno e lo creano, raccontati attraverso spaccati delle loro storie o catturati nella realtà frenetica dell'evento.

Il festival in questione è il Talos festival di Ruvo di Puglia, storico presidio del jazz, realtà di fama internazionale che tra le sue caratteristiche peculiari ha quella di creare attorno a sè una comunità, affettuosa e solidale, in cui nascono relazioni intergenerazionali umane prima ancora che artistiche, rapporti di amicizia tra musicisti di calibro internazionale e ragazzi normali che si consolidano nel tempo. È questo meccanismo che Close to gente di talos prova a raccontare, con la voglia di guardare la realtà dietro questo festival fatto di giovani, che al Talos non sono mai semplicemente spettatori. La musica è solo un pretesto per parlare di tutto: di cultura, di sociale, di politica, di mondo.

L'opera è prodotta da Magrone Produzioni con il patrocinio di Talos festival e Comune di Ruvo di Puglia.

I contributi

Nel film, tra gli altri, i contributi di musicisti del calibro di Louis Moholo – Moholo, Han Bannink, Keith and Julie Tippett, Pino Minafra, Carlo Actis Dato, Roberto Ottaviano, di gionalisti quali Gianluca Diana de Il Manifesto, Vincenzo Fugaldi, Corrado Beldì di Rolling Stone, Gerry Koster, Hazel Miller, Michael King e Francesca Patella.

Il regista

Giuseppe Magrone è un artista visivo e regista. Il suo lavoro attraversa le tematiche sociali e culturali andando a fondo nella "critica del ruolo sociale dell'uomo" nelle sue diverse forme. Espone in svariate mostre in Italia e all'estero, vincendo diversi premi.Con la sua casa di produzione firma regie video per Bud Spencer Blues Explosion, Ex Csi, Fast Animal and Slow Kids. Ha collaborato alla realizzazione di video per e con artisti quali Chiara Fumai e Adrian Paci. Ha firmato inoltre la regia di Born Free del duo Louis Moholo-Moholo e Livio Minafra, riscontrando ottime recensioni.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette