Attualità
​«Siamo sicuri, in questo modo – dicono i promotori -, di compiere quanto don Peppino avrebbe voluto: niente fiori né manifesti, ma opere di carità​». Appuntamento domani nella chiesa del Purgatorio​