Social

Ruvo di Puglia - mercoledì 15 febbraio 2017 Attualità

Oggi in diretta su Rai 1

"La prova del cuoco", Michelangelo Sparapano di nuovo protagonista. Le immagini

Ha affrontato contro la Sicilia la semifinale della gara dedicata allo street food, preparando il tipico ragù di carne da gustare in un fragrante panino

Michelangelo Sparapano © RuvoLive.it
di Francesca Elicio

In diretta su Rai 1 alle 12, Michelangelo Sparapano ha affrontato durante la trasmissione quotidiana "La prova del cuoco" la semifinale della sfida tra ricette regionali dedicata al cosiddetto "cibo da strada", la "Mainardi on the road".

Contro l'arancino del concorrente siciliano Joseph Miceli, ha proposto la braciola, il ragù di carne tipico pugliese.

«Come si rende un piatto come il ragù street food?», ha chiesto la conduttrice Antonella Clerici. Ebbene la particolarità sta  nel metterlo in un fragrante panino svuotato della mollica.

Vitello, lardo, canestrato, sale, pepe, aglio, prezzemolo, pecorino e formaggio grattugiato, oltre che passata di pomodoro e il classico filo di cotone che lega questi involtini (da lui sostituito con un stuzzicadenti). Una michetta di semola, che non si indurisce mai troppo, scavata; e gli involtini pugliesi, le braciole, al suo interno. Risultato assicurato.

Questa particolarità però non è bastata per vincere. «Due piatti unici, che si trovano a pari livello» ha commentato il giudice supremo Andrea Mainardi.

Nonostante la sconfitta in semifinale, Michelangelo Sparapano ha l’onore di aver portato un pezzetto di Puglia nel resto d’Italia. E chissà che adesso anche qualche lombardo o veneto non provi ad assaggiare le nostre braciole.

Lascia il tuo commento
La pubblicazione dei commenti deve rispettare alcune Regole di buon costume e rispetto nei confronti degli altri
Clicca qui per maggiori dettagli
Commenta
  • Violano la legge sulla stampa
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Sono scritti in chiave denigratoria
  • Contengono offese alle istituzioni o alla religione di qualunque fede
  • Incitano alla violenza e alla commissione di reati
  • Contengono messaggi di razzismo o di ogni apologia dell’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto ad altre
  • Contengono messaggi osceni o link a siti vietati ai minori
  • Includono materiale coperto da copyright e violano le leggi sul diritto d’autore
  • Contengono messaggi pubblicitari, promozionali, catene di S. Antonio e segnalazioni di indirizzi di siti web non inerenti agli argomenti trattati
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono.
Chiudi Non visualizzare di nuovo