La nota

Siccità, Confagricoltura chiede l'intervento delle istituzioni

Nelle campagne si sono raggiunte punte di 35° di notte e picchi di 40° di giorno​. Il presidente Rossi: «Siamo di fronte a un problema gravissimo. Necessario mettere in campo azioni strutturali»​​

Attualità
Ruvo di Puglia venerdì 14 luglio 2017
di La Redazione
siccità © nc

La siccità e i picchi di calore che si stanno verificando ormai da giorni in Puglia e in tutto il Mezzogiorno determinano la necessità di un urgente intervento da parte delle Istituzioni per affrontare una situazione che, a detta degli esperti e secondo l’esperienza diretta degli agricoltori, sta perdendo velocemente i connotati della contingenza. È questo il grido di allarme di Confragricoltura Puglia contenuto in una nota.

Per ritrovare una situazione di uguale gravità - prosegue il comunicato -, è necessario risalire a più di vent’anni fa. Le temperature stanno registrando picchi fuori dal normale, con punte di 35 gradi nelle ore notturne, per superare i 40 gradi di giorno nelle campagne.

«Siamo di fronte a un problema gravissimo - afferma Donato Rossi, presidente di Confagricoltura Puglia - che non può essere affrontato soltanto con soluzioni tampone. È necessario mettere in campo azioni strutturali ed efficaci sul lungo periodo, perché il problema non sembra destinato a risolversi, ma ad aggravarsi».

La richiesta dello stato di calamità - Il primo e urgente intervento che Confagricoltura Puglia richiede è la dichiarazione dello stato di calamità. «Il fatto che gli invasi pugliesi continuino a essere relativamente pieni - dice Rossi - non è garanzia di salvezza delle colture. Il calore eccessivo sta letteralmente cuocendo i prodotti direttamente in campo. Penso agli ortaggi, alla frutta, all’uva da tavola».

Confagricoltura Puglia chiede inoltre che sia avviato un confronto fra le istituzioni, le organizzazioni e tutti i soggetti interessati perché si addivenga a un piano complessivo per affrontare in maniera mirata gli evidenti effetti sul territorio dei drastici cambiamenti climatici in corso.

«Bisogna intervenire con strumenti integrati - conclude Donato Rossi - che vanno dall’adeguamento dei Piani irrigui regionali a una revisione complessiva di forme d’incentivazione specifica in aggiunta a commisurate coperture assicurative. Persino gli strumenti previsti dal Psr 2014-202, rispetto al quale peraltro non si può fare a meno di stigmatizzare il ritardo nell’attuazione, risultano inadeguati alle esigenze che stanno sorgendo in questa particolare fase. Interventi studiati in modo compiuto e concertato: questo serve. E non c’è più tempo da perdere”.

Lascia il tuo commento
Le più commentate
Le più lette