L'intervento dell'assessore dopo la polemica

"Ruvo, Carafa e la leggenda", Filograno: «In futuro evitare esibizioni con rumori assordanti»

Numerose le proteste, anche sui social, da parte dei cittadini per i "botti" della performance di domenica sera a cura dei ​“Pistonieri Archibugieri Santa Maria del Rovo” di Cava dei Tirreni​

Attualità
Ruvo di Puglia martedì 29 maggio 2018
di La Redazione
Ruvo, Carafa e la leggenda
Ruvo, Carafa e la leggenda © RuvoLive.it

Non poche polemiche hanno provocato in città e sui social i “botti” della perfomance dei “Pistonieri Archibugieri Santa Maria del Rovo” di Cava dei Tirreni, svoltasi domenica sera a conclusione della tre giorni dedicata alla rievocazione storica “Ruvo, Carafa e la leggenda”.

Numerose sono state le critiche giunte dai cittadini spaventati dai forti rumori, i quali hanno considerato la scelta dell’esibizione poco adeguata a un’Amministrazione che solo pochi mesi fa ha vietato i fuochi pirotecnici di fine anno per salvaguardare anziani, bambini e animali.

Considerazioni che hanno spinto l’assessore alla Cultura Monica Filograno a diramare una nota, in cui afferma che la manifestazione «era stata da noi autorizzata sulla base di una regolare istanza prodotta dagli organizzatori e di certificazioni del tutto regolari relative alla loro attività. Certo la richiesta parlava di utilizzo “a scopo scenico” finalizzata alla simulazione di una battuta di caccia e scontro e mai avremmo potuto immaginare che venissero sparati colpi così rumorosi e così insistentemente ripetuti. Ci scusiamo quindi con quanti possono averne ricavato disagio.

Precisiamo poi – prosegue -, che il parere favorevole rilasciato dai nostri uffici su questa esibizione non ha nulla a che vedere con l’ordinanza di divieto o limitazione dei fuochi d’artificio, la cui natura è comunque differente da quella dei colpi sparati a salve.

Tuttavia, alla luce dell’esito finale, pur molto applaudito dal pubblico presente, riteniamo che in prossime manifestazioni di questo genere sia preferibile evitare esibizioni che producano rumori assordanti, a salvaguardia della serena partecipazione di tutti».

L’assessore Filograno precisa inoltre che «la pavimentazione di piazza Matteotti è stata ripulita grazie all’intervento dell’Asipu avvenuto già lunedì 28 su nostra diretta sollecitazione e la pulizia terminerà con l’intervento di una società privata che gli stessi organizzatori hanno voluto contattare».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • anacleto berardi ha scritto il 30 maggio 2018 alle 15:06 :

    a me lo spettacolo è piaciuto. una cosa nuova, mai vista prima almeno da queste parti, almeno da me. certo rumoroso ma alla fine dei conti, non è che lo hanno fatto alle due di notte ...e poi, ma dai, ma chi se ne frega degli animali...ma che cazzo, dobbiamo vivere in funzione degli animali? quattro cani caconi e quattro piccioni diarroici? credo piuttosto che come al solito sia emersa la solita, invincibile, inespugnabile, inossidabile lamentosità congenita della comunità ruvese, cioè l'attitudine a lamentarsi di tutto, a trovare in tutto il lato negativo e a lagnarsene in modo professionale come una prefica. un atteggiamento limitante, una jattura per una comunità dalle grandi potenzialità, mai pienamente espresse e che al giorno d'oggi appaiono pericolosamente evaporare. Rispondi a anacleto berardi

  • Nicolangelo Paparella ha scritto il 29 maggio 2018 alle 06:02 :

    Se già c'era l'ordinanza del Sindaco,perché non ci avete pensato domenica? Rispondi a Nicolangelo Paparella

    Piero ha scritto il 29 maggio 2018 alle 19:24 :

    Colpi a salve e non fuochi pirotecnici il caos ed i rumori assordanti ci sono stati. Poiché in fase istruttoria é stato dichiarato diversamente come sostiene l'assessore allora credo sia proprio il caso di sanzionare i responsabili se non é stato dichiarato il giusto o in maniera difforme. No alla quaranta, no ai fuochi di fine anno poi chiediamo tolleranza per un evento ove il comune credo sia stato parte attiva. Bisogna dare l'esempio. Ancora una domanda quanto é costato alle dissestate casse comunali questo evento? Solo curiosità la mia. Rispondi a Piero