Russia 2018

Coppa del Mondo, ricordi e consigli per elaborare il lutto

Oggi alle 17 il calcio di inizio. Brevi racconti per seguire il mondiale orfano degli Azzurri

Ruvo di Puglia giovedì 14 giugno 2018
di Cantatore, Albanese, Palmiotto, De Ceglie
Tifosi azzurri delusi
Tifosi azzurri delusi © Dirittodicritica.com

Questo pomeriggio alle 17 Russia e Arabia Saudita daranno il via alla coppa del mondo di calcio. Questo sarà il terzo mondiale (se ci mettiamo anche Uruguay 1930) su 21 edizioni al quale non partecipa la nazionale italiana (l’altro fu quello di Svezia 1958). La tristezza, in alcuni casi la rabbia, per non poter vivere uno dei momenti in cui ci riscopriamo nazione è ancora tanta. Eppure mai come in questi casi è necessario riuscire a elaborare il lutto. Ecco alcuni suggerimenti.

Gufare Germania e Brasile di Giuseppe Cantatore

Una ciambella senza buco. Una carbonara senza guanciale. O, per i più romantici, un cielo senza stelle. Ecco cosa sarà il mondiale senza l'Italia. Altro che il più bello del mondo, come si affannano a ripetere da mesi i soloni della Fifa. Perché sì, in campo scenderanno (quasi) tutti i più grandi talenti calcistici del globo. Ma, in fondo, senza di noi non sarà la stessa cosa. Dove lo trovate, per esempio, un altro Paese che festeggia nel centro della città con decine di tifosi a bordo di un tir, come avvenne qualche anno fa a Corato? Passione con un pizzico di follia. Stavolta, invece, profilo basso. Mi raccomando, sobrietà. Sobrietà? Ma davvero? Ok, va bene. Smettiamola di prenderci in giro. Ci brucia. E ci brucerà ancora di più ogni volta in cui, per il prossimo mese, accenderemo la tv e vedremo rotolare un pallone. Facciamocene una ragione. E finiamola anche di cercare motivi per non soffrire. Semplicemente non ce ne sono. Coraggio, allora: prepariamoci a tifare Arabia o Marocco. Vanno anche bene l'Islanda o il Perù. Meglio ancora Panama. Oppure gufiamo Germania e Brasile. Nella speranza che arrivi presto il 15 luglio.

Sopravvivere grazie ai ricordi di Elena Albanese

Per chi, come me, è nato sul finire degli anni ‘70, il primo Mondiale della vita è stato un Mondiale vinto. Il ricordo che ne ho è rappresentato da noi cuginetti in fila davanti alla tv appositamente trasferita nella casa al mare (ché ci si poteva permettere un mese di ferie) a cantare l’Inno nazionale con la mano sul cuore. Senza capirne esattamente il motivo, ma con quella sensazione mai del tutto svanita di far parte di un tutto, di condividere uno scopo e di celebrare in qualche modo una vera unità nazionale. Poi ci fu Italia ‘90, quella della mascotte Ciao scelta con un sondaggio sulle schedine e delle partite allo stadio San Nicola. Il 9 giugno, quando nelle Notti magiche brillò per la prima volta contro l’Austria la stella di Totò Schillaci, festeggiavamo un matrimonio in famiglia. La sala ricevimenti era grande e lussuosa, ma per due ore ci ammassammo in una piccola stanzetta per tifare, inveire e infine abbracciarci. La finale di Usa ‘94 fu la prima vista con gli amici. “Perché piangi?”, mi chiese il ragazzo che mi piaceva dopo il rigore alto di Roberto Baggio che ci condannò all’amara sconfitta quando già eravamo pronti a sventolare le bandiere. Rigori, gioie e dolori di noi italiani, vissuti sempre in piedi come se fosse ciascuno di noi, di volta in volta, a doverli tirare o parare. Fino all’urlo liberatorio di 12 anni fa - già 12?! -, che si riversò nelle strade delle nostre città sulle melodie indimenticabili dei White Stripes e della “squadra fortissimi” del nostro Checco Zalone. Una squadra talmente bella da essere diventata un complimento, quel “sei la Nazionale del 2006” cantato dai The Giornalisti. E quest’estate che faremo? Niente ricordi, niente aneddoti, niente pizze in campagna e dibattiti in ufficio o sulla spiaggia. Sopravviveremo in apnea fino agli Europei. Forse.

Giocare al Fantamondiale di Nicola Palmiotto

Niente bandiere per le strade. Niente adunate davanti alla tv. Niente euforia e attesa. Eppure c’è un modo per riuscire a superare la tristezza di un campionato del mondo di calcio orfano della nazionale azzurra: giocare al fantacalcio. Costruire la propria fantanazionale in cui schierare gli assi del calcio mondiale, come Cristiano Ronaldo e Messi, e sfidare gli amici ha il potere di farvi dimenticare le pene di questa maledetta estate 2018. Grazie al Fantamondiale come per magia anche un Australia-Perù può diventare una partita che ha un suo perché. Per non parlare della tensione che vi assalirà quando scenderanno in campo le big come Brasile e Argentina, che potranno perfino fare scattare un litigio con i vostri congiunti: voi vorrete rimanere sul divano a sperare in un gol di Neymar contro il Costarica mentre loro non capiranno perché lo facciate. Ma per alzare metaforicamente la coppa del Fantamondiale val bene questo e altro: perfino fare il tifo per Germania o Francia.

Borsa merci tricolore di Donato De Ceglie

Il venditore ambulante ai crocicchi delle strade centrali del paese ha un bidone colmo di bandiere tricolori, alcune bicolore, altre monocolore, altre ancora sbiadite o strappate ma tanto non se ne accorgerà nessuno. La solitudine delle bandiere italiane, né appese ad un balcone per una (mela) marcia su Roma, né svolazzanti in corsa né utilizzati come para-voyeaur per chi conserva ancora il sacro ardore della camporella. Bandiere vendute direttamente a mezz'asta per lutto sportivo. Costo: 0.89 centesimi - 0.90 centesimi Trombette a sfiato, malfunzionanti. Tipologia d'utilizzo: il tifoso senza squadra da tifare proverà ad esultare inutilmente, sulla scocca della trombetta troverà le istruzioni da seguire in caso di malfunzionamento. Il tifoso senza squadra sviterà la bocca della trombetta e poggerà le narici sulla fuoriuscita di gas inalando composto gassoso narcotizzante. L'effetto avrà durata di circa 40 giorni. Costo: 1.50 euro - 2 limoni. Sciarpe tricolori di lino misto seta, utili per la panificazione. Fare il pane è l'arte del saper aspettare. Utilizzate solo grano italiano, impastate con tutta la rabbia che avete ed anche un po' di noia, inglobate acqua ed il vostro spirito da tecnici. Lasciate a riposare il pane per un'estate nelle vostre sciarpe. A fine agosto, ad inizio campionato, comprate 150 grammi di coppa, un biglietto per uno stadio qualsiasi, ed è subito di nuovo calcio. Costo: 3 euro - da valutare andamento tariffe salumi.

Lascia il tuo commento
commenti