Innesti Estate 2018

Stasera il gran finale di “Vedo il mare laggiù”

Ultimo appuntamento con la rassegna curata da Kuziba teatro, che propone una camminata collettiva, uno spettacolo dedicato ai cavalieri dell’Orlando furioso e un pic-nic per ammirare le stelle nella notte di San Lorenzo

Spettacolo
Ruvo di Puglia venerdì 10 agosto 2018
di La Redazione
Cavalieri erranti. L'audaci imprese, l'arme, le cortesie, l'arte, gli amori
Cavalieri erranti. L'audaci imprese, l'arme, le cortesie, l'arte, gli amori © Cantieri teatrali Koreja

Nell’ambito di "Innesti Estate 2018", il calendario curato dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ruvo di Puglia, questa sera si terrà l’ultimo doppio appuntamento con la rassegna Vedo il mare laggiù - Avvistamenti teatrali, a cura di Kuziba Teatro.

Alle 20 Stranfieri, Stranfanti e Ratatuia, camminata collettiva da piazza Dante a piazza Donatori di Sangue a cura di Kuziba e Bembè.

All’arrivo, alle 21, Cavalieri erranti. L'audaci imprese, l'arme, le cortesie, l'arte, gli amori, spettacolo di strada di Cantieri teatrali Koreja.

In scena le maschere e i racconti dell'Orlando furioso, sfondo di un raffinato e divertente bestiario di duellanti allo sbaraglio, una marmaglia di guerrieri puniti e salvati. Orlando, il condottiero sbruffone che si muove ballando e cantando, Astolfo suo cugino, principe inglese, bello e affascinato delle donne, Bradamante, guerriera innamorata dell'amore perduto, Marfisa fiera regina delle Indie, amazzone errante con piglio femminista, Rodomonte il Moro, gigantesco condottiero veloce come un treno, poi Isabella, la fedele donzella che per amore ha perduto la testa, e le maghe Alcina, Logistilla e Morgana, tre sorelle che litigano tra di loro ma costrette a convivere in un solo corpo. Tutti guidati da Ippogrifo, un colosso alato dalle lunghe zampe. Un bambino, moderno Tintin, muove il gioco e la parata, lanciando il Dado umano, dispensatore di storie a ogni numero. Con loro l'Uomomusica: un insieme di metallo e ottone che suona per le pericolose vie dell'amore e della follia.

A seguire, per chi vorrà, pic-nic urbano di San Lorenzo; l’invito rivolto a tutti è a portare cibo e vettovaglie da condividere per stare insieme, coperte e stuoie per guardare le stelle.

Lascia il tuo commento
commenti