Memorie e Folklore

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

Eje so de Rìuve e tiènghe la copa toste, viva la banna nuoste! viva la banna nuoste!


Io sono di Ruvo ed ho le testa dura. Viva la banda nostra! Viva la banda nostra!

Cure azzoppò quante nascèje


Quello urtò quando nacque

Sott’u cappidde stè l’uomene


Sotto il cappello c’è l’uomo

Povre a cchèr-a cose addò cappìde na ‘ndrose


Povera è quella casa dove non entra il cappello

Iun’assudote e cìnde pe la strote


Uno stabile e cento per la strada

L’arte d’u galasse mangiò, véve e stò a la spasse


L’arte del gradasso mangiare, bere e andare a spasso.

U sbreffàun, iesse da u spetole e trose ind’a sand’Angjue


Lo sbruffone, esce dall’ospedale ed entra in Sant’Angelo

Bune-bbune, scazze u trune


Mogio-mogio, schiaccia il trono

Cure taddàune téne la cope d’astàune


Quel tanghero ha la testa dell’astòre

Cum’u véide u scrive


Così come lo vedi, lo puoi descrivere

Na ‘nzì facienne u mescerudde!


Non fare la vittima!

Térre a palme, ùmene a volondò


La terra a palmo, gli uomini secondo la volontà

U facce tuste cambò na dì de cchjue


Lo sfacciato visse un giorno di più

Quenzìgghje de vìcchje, aiùte de ggiùvene


I consigli dei vecchi sono un aiuto per i giovani

Ce te pigghje chér’a bbone l’éd-a miette u uard?òne; ce te pigghje chér-a brutte te la desprézzene tutte ; ce po téne la propriètò arranget’a cummannò; ce proviedde te la pigghje cor-a-ccore e tand-a figghje


Se sposerai una avvenente, dovrai metterle un guardiano; se sposerai una brutta, te la disprezzeranno tutti; se poi sarà ricca dovrai limitarti a comandare; se sposerai una povera, Tanto amore e tanti figli

Nge vole l’uomene pe fo le fegghje


Occorre l’uomo per avere figli

L’uomene ‘nzerote, è mmizze ‘nguajòye


Quando l’uomo si sposa, s’è mezzo inguaiato

Omene pelìuse, òmene ferz?ute


L’uomo peloso, ha forze poderose

Ciuoccere e megghjre, tráttele a na manîre


Ciuchi e mogli, vanno trattati alla pari

E’ inùtele ca te mitte ra pavére! Tannde, si ssémbre chére


E’ inutile che metti i paraocchi! Tanto, sei sempre tu

Na ‘nzînd-a fo pavére pinze siembre a la megghjére


Non fare l’imbecille pensa piuttosto a tua moglie

Ce re cause ‘mzime érene bbone spartàime pure re megghjre


Se fosse un bene avere cose in società, metteremmo in comune anche le mogli

lune ne pienze, e cînde ne fosce


Una ne pensa e cento ne combina

La ricchiezze da Minge Vetàune: la scemmiende e la patràun


La ricchezza di Vito - Domenico: la giumenta e la moglie

Lìnue de fiche, male maréite pon’àsceme e mir’acéite


Legna di fico, cattivo marito, Pane azzimo e vino acescente

U màsque ammammàisce e la fiemene attanàisce


Il figlio maschio somiglia alla mamma e la femmina somiglia al padre

A cchire sénz-a figghje na ‘ngercò mé, né suolte e né quenzigghje


A chi non ha figli non chiedere mai soldi o consigli

Pòvre ad’idde ce métte ‘nzenzigghje mmézze a la figghje


Guai a colui che mette dissidi tra i figli!

Ce vìdue t’avéss’arecapetrò ov-a iesse cu na bbon-a propriéto


Se ti dovesse capitare una vedova che porti almeno una buona proprietà

Ci résce u fiume, résce re ccuorne


Chi sopporta il fumo, sopporta le corna

L’uomene, o tûrte, o brutte abbas-ca te frutte


Anche se il marito è sciancato e deforme, l’essenziale è che produca

Ce na ‘nvù ca u marcite quante trose téne da déisce àlzete da sop’u préise


Se vuoi evitare cha il marito rientrando brontoli, alzati anche se sei sul water

Na ‘mbozze scì a la miesse, ca stoche zuppe; mo me ne voche a la candéine, chjone-chjone


Non riesco ad andare a messa, perché zoppico; ora mi dirigo alla cantina lentamente

Nan’è cumbagnéje, ce ma sté u ‘mbengiaùne


Non può dirsi compagnia se manca il giocherellone

Ogne e d’uomene téne l’àure de scemetùdene


Ogni uomo ha la sua ora di follia

U banghiette de Ze ‘Ngunne: idde u preparò e idde s’u mangiò


Il banchetto di Zio Domenico: lui lo preparò e lui lo consumò

E’ tàuve d’u stesse lignagge


E’ tavola dello stesso legname

Quante t’àcchje a mangiò, mange, quante t’àcchje a fadegò, fatéighe, quante t’acchje a fo léite, fusciatinne.


Se ti trovi a mangiare, mangia, se ti trovi a lavorare, lavora, se ti trova a litigare, fuggi

Ce vu iesse chjù apprezzate picche parole, ma ragumote


Se vuoi essere più apprezzato poche parole, ma ponderate

La grue-ssiezze è mmézz-a bellezze. L’altiezze è minghiérliezze


L’essere paffuto è mezza beltà l’eccessiva altezza è stupidità

U suzze vole u stuzze


Il pari esige l’uguale

U calandràune a svlamò, e la calandre ad’abballò


Il maschio s’affanna a cantare, e la calanbra se la balla

Sciàlpe a candò e zuppe ad’abballò


Il balbuziente è abile a cantare e lo zoppo a ballare

Vîcchje e frastîre, s’avàndene cume vuolene


Vecchi e forestieri si vantano come credono

Ci vole, vé e ci na ‘nvole, manne


Chi vuole va e chi non vuole manda

Addò téne re d’uocchjere, ddà téne re mmone


Ove posa gli ochi, li arrivano le mani

Pe canuosce ‘mbà necòe t’ed-a mangiò tré tùmelede sole


Per conoscere compare Nicola dovrai trangugiare tre tomoli di sale

Le tré despettïuse: cuicce, crope e prìvete; le tré settigghje: prìvete, mùnece e senz-a figghje; le tré fisse:ci fosce la spaïise e se la tremiende per la strôte, ci azzoppe de musse e se fosce la la resôte, ci spetetràisce e se treménde réte


I tre dispettosi: ciuchi, capre e preti; i tre astuti: preti, monaci e chi non ha figli i tre sciocchi chi fa la spesa se la guarda per la strada chi batte il muso e se la ride, chi fa peti e controlla chi lo segue

A ccure na le velàje iesse manghe puodece a la camméise


Non preferisco essergli nemmeno pulce nella camicia

U ciucce de mal-a credienze cume fosce, acchessì pienze


Il ciuco incredulo come agisce, così pensa

A u male penzande u male penzire le véne


Al maligno affiorano soltanto cattivi pensieri

Cléte, da nnamze s’acchjò réte


Cleto, stava avanti e si ritrovò dietro

Ci è malvagge a quarand’anne r’ov-a iesse fingh-a cambe


Chi è malvagio a quarant’anni lo sarà finché vivrà

Nan’avàje crédde a sûnne disse babbûne


Non dar credito ai sogni disse il nonno

Me pore a vedàje Cicchetignuotte ìnde a la buttigglje


Mi sembra di vedere un buono a nulla in una bottiglia

U besciàrde vole u’arecûrde


Al bugiardo serve buona memoria

Don Felippe parlàje idde-e-idde e se la ‘ndennàje cu le ridde


Don Filippo parlare fra sé e sé e se la intendeva con i grilli

Na ‘nzule, ma… sérve sûle!


Non solo, ma… chi sa chi!

Cure se fosce fatàje u mestazze!


Quello si fa puzzare i baffi!

E’ pegghiòte àsse pe feghïure


Ha scambiato l’asso con la figura

Cure veliesse do padde ‘mbîtte!


Quello meriterebbe due palle al petto

S’è rennutte a na pézze de préise


S’è ridotto ad un lurido straccio

S’è rennute a na misce!


S’è ridotto a carne secca

S’è menote ind’u feddàune


S’è cacciato in un grosso guaio

la zappe te fosce venì la rappe


La zappa ti fa venire le rughe

Pile ind’a re riecchje u partite devénde viecchje


Peli nelle orecchie, la parete diventa vecchia

La vecchjome è na caruoogne ogne e ddéje t’ésse na ruogne


La vecchiaia è una carogna ogni giorno ti porta un guaio

Ce more cu la raggione t’àgghje-a lassò la pippe e u bastone


Se morrò nel pieno delle mie facoltà ti lascerò le pipa e il bastone

Béll-a présienze, brutte testamiende


Il bell’aspetto, preannuncia un brutto testamento

Cure vole meréje senz-a sténne le pîde


Lui vuol morire, ma senza stendere i piedi

Mo ce more m’avit-a chjange


Dopo morte mi rimpiangerete

Cure è solamiènde nu appicce-a fuche


Quello è solo un piromane

S’è decise a chjandò la cepuòdde


Si è deciso a piantare la cipolla

Te vogghje bbéne cume a nu pore de scarpe vîcchje


Ti voglio bene come ad un paio di scarpe vecchie

Pore fàtue, ma fàtue na ‘nzò


Sembro stolto, ma stolto non sono

Cure azzoppò quanne nascéje


Quello urtò quando nacque

Cure è nu volt-a giacchette


Quello è uno che rivolta la giacca

Ad ogne e tevagghje, fosce nu fagghje


Ad ogni tovaglia ne combina una

U màsque téne la vàrve a puonge


Il maschio ha la barba e punge

Quanne nasciste tu, nascì la rose, nascì la pambanélle e la cerose


Quando tu nascesti, spuntò la rosa, crebbero i pampini e le ciliegie

La megghjére è mmizze pone


Brutta la moglie fa mezzo pane

L’altiezze è mézza-a bellezza, ce nan’è fatuiezze


L’altezza è mezza bellezza, a meno che non sia stoltezza

La belliezza è fetendiezze ce nan’è saggiezze


La bellezza è una schifezza se manca la saggezza

Bérafàtte finghe a la porte bbone finghe a la muorte


Che sia bella finchè si sposa che sia buona finchè non muore

Na ‘nfosc’àlte le signuréine ca miettese ‘ngergelléine


Ad altro non aspira la signorina che far berlicche

Pore a vedàje la pupe de Vesciegghje


Sembra vedere la bambola di Bisceglie.

E’ mmégghje a tenàje mizze rute réte ca mizze quinde nnande


E’ meglio avere mezzo chilo al deretano, anziché cinquanta grammi davanti

Vide Mataléne c’è tténe ‘mbîtte: pàrene mandéche, ma so saîtte


Osserva Maddalena cos’ha sul petto: sembrano manteche, ma sono saette

Virre-virre a cop-a sone pore a védaje na “quadrandone”


Coi grilli per la testa e il cervello bislacco sembra di vedere una “quarantana”

Re fiemene cu la Maduonne, le pasque cu Criste


La femmine con la Madonna, i maschi con Cristo

Fìmene e tàile na ‘nz’accàttene e llusce de cannàile


Femmine e tele non si acquistano alla luce delle canele

Nan’accattò ciuoccere a la staggione e mmanghe fiemene cu la qurandone


Non acquistare ciuche a primavera né femmine con la quarantana

Nan cemendò ciuoccere a la staggione na‘ndremiende fiemene a la quadrandone


Non solleticare i ciuchi in estate non guardare le femmine quando appendono la “quarantana"

Nan’accattò ciuoccere u màise de mosce, né fiemene la semmon-a sande


Non acquistare ciuchi a maggio, né femmine la settimana santa

Na ‘nghjamò cu la manuzze ca te véne c’u peduzze


Non chiamare con la manina, altrimenti si avvicina a cassettini

Quanne la zéite na respuonne a prim-a voce vol-a ddéisce ca u descurse na òe pïòsce


Quando la sposa non corrisponde al primo invito è segno che non è gradito

La fìgghje de la Quetiènne la pettò u Patrètièrne


La figlia della « Cotenna » la dipinse il Padre Eterno

Assé ca se love e ca s’allisce la fiemene pe d’ésse bbone hov-a nasce


Per quanto si possa lavare e agghindare la donna deve nascere bella

Mo-mo te l’ascìnne a Mariarose!


Ce ne vorrà per conquistare Mariarosa!

Fìmene e sardine se bbone peccenienne


Femmine e sardine sono buone piccoline

Pe la fémen-a bérafàtte u matremuonje sté fatte


Per la donna bella, il matrimonio è assicurato

Nesciun-a carne remone a la vecciaréje


Nessun tipo di carne resta in macelleria

Tré palme de tacchiette, tràide de petteniesse, vide la signure cum’iesse


Tre palmi di tacco, tre palmi di pettine, vedrai apparire una signora

‘Ngelesciòte u sochicche nûve, fosce mestréje e sfanziatûre


Indossato il soprabito nuovo si dà le arie e fa mostra di sé

L’òmene chjù amote è u prim’arrevote


L’uomo più amato è il primo che si è incontrato

Nan’avàje crédde a ffiemene quante chjenge ca re allarme so de gniuostre e u core te tienge


Non dar credito a donna che piange, perché quelle lacrime sono d’inchiostro e tingono il cuore

Quanne la vaiàsse se màine nnande fosce la parte de la quernàcchje-a bïànghe


Quando la pettegola anticipa le chiacchiere, assomiglia alla cornacchia bianca

La fiemene è cume la gatte: ‘mbréime t’allisce e ppo te gratte


La femmina somiglia alla gatta: prima ti accarezza e poi ti graffia

Me sì fatte na vedïute de cutte e de crïude


Hai fatto una figuraccia sia cotta che cruda

Chére se nn’hov’ascennïute c’u figghje de la mandenïute


E’ fuggita di casa col figlio della mantenuta

Patre, Figghje e Spìrete Sande so acchjote u fiesse ca me cambe


Padre, Figlio e spirito santo ho trovato il babbeo che mi darà da vivere

Accatte u ciucce pe scì a cavàdde


Se compro l’asino è per cavalcarlo

Auànne, zite-zéite, a u’ann-gevéne c’u maréite


Quest’anno col fidanzato il prossimo con il marito

E’ mmégghje nu marite zeppetille de nu cumbore ‘mbératore


E’ meglio il maritino che un amante imperatore!

Ce la pigghje ggiuovene, fatte gabbò, ce po è viecchje, fatte dotò


Se sposi una giovane, non avere pretese se poi sposi una vecchia, prenditi una buona dote

La femen-a féstaiòle cérche siembre u sciole-e-sciole


La donna festaiola cerca sempre divertimenti

La cos-a nove de la spesote: u prim’anne da la seroghe, u second’anne da la canote, u térz’anne da la ‘ngravedote


La nuova casa degli sposi: il primo anno dalla suocera, il secondo dalla cognata, il terzo dalla gestante

Ccé fàscene le prìvete ca megghjereme è bérafatte!


Come si agitano i preti perché mia moglie è formosa!

Chére canuosce re corre e re fescéje


Lei conosce fughe e scappatoie

Punde e tacche, tacche e ppunde e ppo vé vennienne fogliétte e bbuste


Su tacchi e punte, su punte e tacchipoi si riduce a vendere foglietti e buste

‘Nzùreme, mamme, ‘nzùremr zéje ca ddò remone vacancéje


Sposami, o mamma, sposami, o zia qui rischio di rimanere zitella

La bérafatte de ze Pasque è remose a la fras-che


La bella figlia di zia Pasqua è rimasta alla frasca

Proviedde e fegghjàstre remànen’a la frasc-cge


Fanciulle povere e privigne restano zitelle

E’ stote allassote cum-a la zite de Tratte


E’ stata abbandonata come la sposa di Toritto

Quanne la fiemene piecche u rome siecche


Quando la donna pecca il ramo secca

La fiemene quanne è sàule, la sope chjù long d’u dïàvue


La donna quando è sola, la sa più lunga del diavolo

Schiuche de tàvue, sciuche de dïàvue


Trucchi di tavola gioco diabolico

La fémen’assalïute gabbò u dïàvue


La donna da sola gabbò il diavolo

a fiemene è caposce de tutte fingh’a vieste la famigghje a llutte


La donna è capace di tutto anche a gettare la famiglia nel lutto

La facce-a migne-a-migne u cule trigne-trigne


Il viso mingherlino le natiche voluminose e semoventi

Ce u matremuònje ov’ariescïute re seroghe se n’honne avvertïute


Se il matrimonio è riuscito le suocere l’hanno constatato

‘Mbréime se spanne e se spanniecchje po se fosce na nanuiecchje


Prima si apre e si distende poi diventa una nanerottola

La fiemene è bbone vacandéje quann’è spesote è Dèscignote


La donna è bella da nubile quando è sposata è debosciata

Donn-a condrarje: l’acque mettàje a re gaddéine quante chjevaje


La donna volubile: portava acqua alle galline quando pioveva

Finalmiénde a scanze de tutte cum-a Rosine se ticche u tuppe


Era ora, a parte tutto, comara Rosa si tocca le crocchie

Da na descignote put’avàje’ngocche e càuse da na canariute na ‘nd’aspettò nudde!


Da una sciattona puoi sperare qualcosa, da una golosa non aspettare alcunché!

Chére se sarò mangiote u cule de la gaddéine!


Quella avrà mangiato il sedere della gallina!

Chère naséje cu la pepéje ‘mbonde a la liengue


Quella nacque con la pipita sulla punta della lingua (ironico)

Cum’Annéine e Mariànne vonne sièmbre cecerescianne


Le comare Anna e Marianna vanno sempre chiacchierando

Ind’a la strote de la Rignàuse svlamiescene spisse sénz’a càuse


In via Rognosa si schiamazza spesso senza motivi

Mmézze a Farmarasc-che fàscene ternescîdde vaiàsse e feminîdde


Al centro di Fondo Moresco fanno capannelli sguaiate e donnicciole

N’ûcchje a la gatte e u’alte a la sartàscene


Un occhio alla gatta e l’altro alla padella

La gatte, cume l’ammine e l’ammèine, sémbre de pide ‘ndiérre te véne


La gatta comunque la fai cadere cadrà sempre coi piedi per terra

Chér-a fiemene è na füéine nu cambanîdde de la Capeccéine


Quella donna è una sgonnellona, sboccata come quelle dei Cappuccini

Na fiemene e na papere reveltierne u paéise


Una femmina e una papera misero in subbuglio il paese

Trè fimene e ddò papere agniérne u mercote


Tre donne e due papere riempirono il mercato

Ce la quecéine vu salvò, mé da sàule l’éd-a lassò, pure ca vé a pesciò


Se la cucina vuoi salvare, non smettere di sorvegliarla anche se vai ad orinare

Na la pertò a fiste e festeggianne ce nan’ove settand’anne


Non portarla a feste e festini se non compie i settant’anni

Na la sì chjù tetiiànne, ov’arrevote a cinguand’anne


Non la stuzzicare più, oramai ha cinquant’anni!

Fogghje-a crïude e fémen’allanïude portene l’uomene a sebbeltïure


Verdura cruda e femmina nuda mandano l’uomo alla sepoltura

Fìmene e castagne: bboneda dore, inde magagne


Femmine e castagne belle di fuori, dentro bacate

Léite c’u megghire da la tàvue a u litte


Il litigio con la moglie dura dalla tavola al letto

Ciucce e megghjére trattele a na manere


Il somaro e la moglie trattali alla pari

Quanne u maréite è provîdde la megghjére nu cacce da u lîtte


Quando il marito è povero la moglie l’estromette dal talamo

Fiemene e ffuche, cemìndere quande chjù ppute


Femmina e fuoco, stuzzicali il più che puoi

Fìmene e mmïule, càrechele ‘nghïule


Femmine e muli, picchiali al deretano

Dengìdde tìue, prime ca te re disc’iedde


Rinfacciaglielo tu, prima che sia lei a farlo

A cose de galandome da la fiémene se métte mone


In casa di galantuomo la primogenita deve essere femmina

Á re casere de le galandûmene, préime la fiemene e ppò l’ùmene


In casa di nobili, prima le femmine, dopo i maschi

Ce bbune vu cambò da la fiemene éd’accumenzó


Se vuoi vivere felice devi generare prima una femmina

‘Mbréime a la guennielle e duoppe a la camméise


Prima alla gonnella, poi alla camicia

La fiemene a cinguand’anne ogn’e mattine s’alze cu nu danne


La donna a cinquant’anni ogni mattina si leva con un malanno

Quann’arréive a cinguand’anne scìttel’a mmore cu tutte le panne


Quando toccherà i 50 anni è da gettare a mare con tutti i panni

Quanne la fiemene na ‘ndéne ccé ffo pìgghje la chjànghe e mìttel’a strecò


Quando la donna non ha cose da fare dagli lo sfregatolo e mettila a lavare

Cos-a striette, fìmen-a ‘ngignàuse


Casa angusta, donna ingegnosa

Megghjère affaccendate sartàscene e carteddote


Quando la donna è in faccende prepara fritture e sfogliatelle

U calore d’u renzole, na ‘nfosce fréve caltore


Il tepore delle lenzuola non fa bollire la pentola

La gaddin-a ceneréine fosce l’uve ogn’e matéine


La gallina cenerina depone l’uovo ogni mattina

Chère na ‘nzope miette u file a u’oche


Quella non sa mettere il filo all’ago

La fiemene d’onore mangh’allasse u tüòre


La donna onorata non trascura i lavori al telaio

La fémen-a ruosse te manne a la fuosse


La femmina rossa ti manda alla fossa

Da léite, fiemene e ffuche fusciatinne quande chjùppute


Sta lontano dalle liti dalle femmine e dal fuoco

Prime c’arréive “mondemelàune” mangiatìue nu beccàune.Ca ce véne na bbon-a ‘ndzenzïàune, t’u mange nu àlte beccàune ca se nàune, idde mange e tu nàune


Prima che giunga tuo marito consumalo un boccone, perché se rincasa col buonumore, potrai gustarne ancora Altrimenti lui mangia e tu no

La viecchje na ‘nvelàje meréje pe ‘mbarasse n’alt-a cause la déje


La vecchia non voleva morire per apprendere nuove cose ogni giorno

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno