MÉZZ’A LÉIRE DE CAPIDDE - MEZZA LIRA DI CAPELLI

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Avàje assé ca Nanucce U Rièpue na ‘ngiàje a u varevire. Prettàje ngope na zàzzere, mo iove nu anne, e la megghére ogn’e ddéje le deciàje de scisse a tagghjò chire quatte pile fatue ca tenàje sop’a la checuòzze. ‘Nzuòmme na condràure, flnalmiènde, Nanucce se decedèje e se menò ìnd’a la varvarèje de méste Aruònze, rét’a la Chiazzuòdde.

S’assedéje e po addemannò: “Quand’é na tagghiote de capidde?” Mèste Aruònze, sénz’a veltò la cope e sénz’ alzò u rasìule, le respennéje: “Manghe na léire le vu dò?”. ‘Mba Nanucce allore se menò la mone ind’u vressidde, attandò cc’é stàj’inde e repegghjò: “Mo... fammille na tagghiote de mézz’a lèire!”. “Cume sarébb’a ddéisce? – faci’ pruònde u rnièste - ... o le tagghe o na le tagghje! Chisse capidde na’ nze puòtene mè e ppo mé tagghò a rnézzalèire. Do na stome a menò gamme a uére, care mba Nariucce!”. Ma cure, ‘nduste e senz’a facce, repegghjò: “Eje mo vogghje spénne mezz’a lèire!... ce proprje sì varevire, me tagghje le capidde finghe a mézz’a’ léire... Me fé, né cchjù né rnmne nu tagghje de cusse prizze!”.

U mièste, viste ca cure ‘nzestàje e na ‘nze capacetaje, senz’ a fasse veci la suste, dolce-dùolce le disse: “Mo, viandò, assidete ca le facèine chisse capidde de mezz’ a léire!”. Le menò u mannei1e ngudde, ngiù appendò cu nu spille rét’u quezziètte e disse a u uagnàune peccenunne: “Vingè, annùsceme la macheniètte d’u capecaràune da ddà!”. E le tagghjò a rasizze le capidde fingh’a u mmièzze d’u creduzze, a mon’a’ manghe. L’alt’ a mètò, chre de destre, ‘nge la lassò son’ a-sone cume stàje. “Écchet ‘e ddò, fatte… tutt’a ppuòste, mba Nanù...” deci mèst‘Aruònze, spendanne — spendanne u mannèile da nganne.

“Ma... - disse cure ammenànnese la mone da ‘ngope e tremendiènnese a u spiècchje- - ddo vàide ca manghe si specciote tutte! Stè l’alt’a mètò ca vol’èsse tagghjote...!”. “Mbè... ca segnerèje mezz’a lèire me vu dò -- repegghjò u varevire --- Mezz’a lèire huire... mizze tagghie!”.

Aruònze remani mbranote e, na nzapàje ccè ppisce avàj’a peggjò: “Homme fatte pròprje la varve de Sciabbiècche! Mo, me... tiggheme u rièste de le capidde, tàgghjeme! Ma u rnièste, squecciote, sénz’a dalle adiènzje, nu lecenziò e, calanne-calanne la vàuscj’a pesande: “Mo, ténghe da fo... ce pròprje l’ed’a tagghjò, vine la semmone ce trose e annùsceme na léire pe tagghjalle tutte!”

Arrevote ca fo a la cose, la megghjére, a vedièue a ccure stote, se faci’ na béll’ a resote e, cos’a-cose, na specciàje de tetuàue: “Zechelàune!... Zechelàune!... Zechelàune ca na ‘nzi’ alte!”

Era da tempo che Antonio U Rièpue non si recava dal barbiere. Aveva una zazzera che non tagliava da un anno, la moglie lo invitata ogni giorno a riordinare quei quattro peli nautili che portava sulla zucca. Arrivò finalmente il giorno in cui Antonio decise di andare da mastro Oronzo, che aveva la bottega dietro la piazzetta.

Entrò, si accomodò, poi chiese: “Quanto prendi per un taglio di capelli?”. Mastro Oronzo, senza girare il capo né sollevare il rasoio, gli rispose: “Neanche una lira vuoi dare?” Compare Antonio allora infilò la mano nel taschino…si rese conto di quanto possedeva e rispose: “Beh! Fammelo un taglio da mezza lira!” “Come sarebbe a dire?” - rimbeccò pronto il barbiere – “O li tagli o non li tagli. Questi capelli non si possono tagliare assolutamente per mezza lira. Qui non stiamo a lavorare per aria fresca, caro compare Antonio!” Ma U Riepue, senza scomporsi, con faccia di bronzo riprese a dire: “Io voglio spendere mezza lira! Se sei veramente un barbiere, mi tagli i capelli fino a mezza lira. Altro non cerco che un taglio di questo prezzo!”

L’artigiano, dal momento che quello insisteva né voleva convincersi, senza agitarsi, con molta calma rispose: “Siediti, facciamo un taglio da mezza lira! “. Gli avvolse ai collo con l’asciugamano, fissandolo dietro la nuca, e ordinò al garzone più piccolo: “Vincenzo, prendimi la macchinetta per tagliare i capelli!”. Ed eseguì una mezza rasatura dalla parte sinistra. L’altra metà della testa venne lasciata così come era.

“Eccoti servito, è tutto a posto, compare Antonio!”... disse il barbiere, mentre gli slacciava l‘asciugamano dal collo. “Ma. .. — osservò Antonio, passandosi la mano sul capo e guardandosi allo specchio — qui vedo, che non hai completato il taglio... rimane l’altra metà da. tagliare...!” “Beh! Voi, mezza lira mi avete dato - rimbeccò Oronzo - mezza lira, mezzo taglio! “.

Antonio rimase di stucco né sapeva che pesci prendere, allora aggiunse: “abbiamo fatto proprio come la barba di Sciabbiecche! Orsù, tagliami il resto dei capelli!”. Ma il barbiere, indifferente e seccato, lo licenziò scandendo le parole e abbassando la voce: “Per il momento sono occupato; se proprio li levi tagliare, vieni la settimana entrante e portami una lira per tutti i capelli!

Quando Antonio giunse a casa, la moglie, vedendolo in quello stato, scoppiò a ridere mentre ripeteva per la casa: “Avaraccio! ... Avaraccio!... Avaraccio!... Altro non sei”

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno