NA VUÒLTE SE ‘MBÉNNE COLE - UNA VOLTA, S’IMPICCA NICOLA!

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Cure galandome de Clète, ca faciàje famigghe a cchire de Fasunne , tenàje nu figghje picch’a ‘nziste e menghiérlidde. È resapìute ca le figghje assìule, a stò mmézze all’abbennanzje e, crescìute ind’a la vammosce, fàscene granne e papelìune, ma so séinbre n.innille, nu picche peccìuse e chjangiuinde; ind’a la cose po, so préténzioniste cume a le meninne de la miènne.

Cusse figghje assìule, ca se chiarnàje Necole, alte na ‘nzapàje fo ca scissinne geranne e devertiènne cu le cumbagne e re uagniuònere. Deciàje attàneme quanne nascibbe e me mettéje u nàume d’u frote granne, ca ére nu prépotiènde imbossibble: “La tièrre è quecièvue, ma le Necole so quredèile”.

E, Necole, u figghje de Fasunne, devendò u prime magabbunne du paéise. Stramone da la cose, avàje pegghjote a scialò trennèise a palote cu fièmene e cumbagne... ca su avàìne accarugnote bbune-bbune. Avàje fatte granne e le sinze na le mettàe angore. Arrevò la dje ca nu ‘nzulte se prettò u’ attone a Ze Menunne e u sbandote de Necole remani assìule cu ttande de propriétò fatte cu sanghe e c’u sedàure da patrune Cléte e totte la gennèime de le Fasunne, babbune e tataranne combrése. ‘Nge velièrne picch’anne pe vedesse sci la proprietò ‘mbaprafiume: le suòlte speccièrne, u fattàure faciàje le còmete siue e I’operàje arraffàìne a cchjd ccè ppute; e... se vedèje abbannò la harracch’a ‘ngudde.

S’acchjò assise ‘ndièrre quose-quose sénz’a sapièrre, u povre fàtue. Sci tand’ abbasce a frettìune, ca picche mangàje, pe vedièsse scéje càsere pe càsere a cercò la lemuòsene. Frodote e abbandenote, u sciaurote decedéje de fall’a frenniute... e la facéje la fessaréje. Attaccò la zàuche a u trove cchjù ilte de la suppigne e s’ammenò u chjappe ‘nganne. Cume s’ammenò a u iunne a pide cucchje da sop’ala scole, u trove, ca ére vacande, se spezzò e Necole s’acchò ndièrre sénz’a sapàje come.

Da u trove spezzote le cadi’ ngudde na granenote de denore: carréine, uònze, dequote. tarf e trennèise a trarnote. U rembambèite de Necole, a u’azzupper remani’ stente e manghe se renn’ cunde d’u fatte. Da u trùgnjue angore ‘ngocch e ‘ndrennàise ca retuàje ‘ndièrre. Quanne se vedi’ atturn’ atturne chèr’ a scettote de suòlte, se menò la mone ‘nganne pe sendi’ la zàuche. Alzò re d’uòcchjere decise a u fatte siue…e cercàje nu alte trove.

Le denore, ca da na vanne avàine stote la dannazziàun’a a sàue e da l’alte l’angalirje ca na u’allassàje, le fecèrne cangiò penzire. A vedasille sparnezzpte attturne, l’attandò cu re ddo mone, l’ammenò pe d’arje pe vedasille chjove ‘ngudde e disse: “Na vuòlte se ‘mbenne Cole!”.

Quel galantuomo di Pietro, della famiglia dei Fasunne , aveva un figlio poco energico e sciocchino. Si sa che i figli unici, vivendo nell‘abbondanza ed essendo allevati nell‘ovatta, crescono semplicioni e rimangono “figli di papà”: fuori capricciosi e piagnucolosi, ma in casa prepotenti ed esigenti come lattanti. Questo figlio, che si chiamava Nicola, non faceva altro che andare girovagando, divertendosi con amici e ragazze.

Mio padre, allorché mi impose il nome di suo fratello maggiore, chiamato anche lui Nicola e per di più grande prepotente, disse: “La terra produce legumi cotto, ma i Nicola sono poco cotto”. E Nicola, il figlio di Fasunne, divenne presto il primo vagabondo del paese, sciamannato e fannullone; poco legato alla famiglia, scialava denaro a palate con donne e compagni, che se l’erano conquistato ben bene.

Era cresciuto negli anni e non metteva. ancora giudizio. Capitò un giorno che un infarto mandò suo padre al cimitero; il povero Nicola rimase solo ma con abbondante proprietà, raggranellata con sudore e sangue dai padre Cieto e da tutta la generazione dei Fasunne.

Passarono pochi anni e Nicola si vide la proprietà andare in fumo: la moneta si esauri’, il fattore faceva i suoi comodi e gli uomini d i fatica facevano a gara ad appropriarsi dei suoi beni. Fu come se la casa gli fosse crollata addosso: il povero fesso si trovò deprivato di tutto senza accorgersene. Si ridusse ad un tale stato di povertà che poco mancò andasse a cercare l’elemosina di casa in casa.

Vistosi defraudato ed abbandonato, lo sciagurato decise di compiere un atto inconsulto: legò la corda alla trave più alta della soffitta, sali’ su di una scaletta e s’infilò il cappio alla gola. Appena si lasciò andare a piè pari dalla scaletta., la trave che era vuota si spezzò e Nicola si trovò per terra senza rendersi conto del come.

Dalla trave spezzata gli cadde addosso una pioggia di monete: once, ducati, carlini, torte tornesi in abbondanza. Ancora stordito dalla caduta, non credeva ai suoi occhi. Il tesoro della trave si sparse tutt‘intorno nella soffitta. Nicola portò la mano al collo e tastò la corda. Sollevò gli occhi, nell’intento di individuare un ‘altra trave dove attaccarla... ma il piacere di possedere quel denaro, che giaceva sparso per terra, gli fece cambiare parere.

Toccò le monete con le mani, le lanciò in aria per vedersele piovere addosso e disse: “Una sola volta s ‘impicca Nicola! “.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno