LA VUÒZZE SÉNZ’UGGHJE - LA “VOZZA” SENZ’OLIO

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Patrune Mecheléine tenàje térr’ assé e, quanne prettàje le zappatìure a stafore, faciàje la squadr’ a gruòsse cu cingh’ ùmene e parécchje uagniune, peccé chiss’ ùteme fadegàine de cchiue e se pagàine de méne.

Na sàire disse a Ciccille u Vràuche : “Vo me premmitte mrnézze a Porcastidde n’alte quatte scernatire e le sòlete cinghe uagniune ca se vé a La Maregùgghje a fo re fatèiche; se tratte de trè di a stafore”. U fattàure acchjò l’opéràje, preparò la sacchiètte de la pagghje e de la biòrne a la mìule, u belzeniètte pe cosce re leghìume, etuttel’occorriènde pe scf a stafore. Arrevote a La Maregùgghje , attaccò nnande a la casièdde la mìule; l’alte appeccièrne u fuche e mettérne a ccosce re fofe; nu uagnàune ogn’ e tande sciàje a condrollò u fuche, l’acque e la chettìure.

A mézzadéje s’alzàje mone e nnanz’a la casièdde, le uagnìune, assise a le chjanghìune. faciàine u prime circhje e, chjù a re llaghe, u circhje de l’umene. Ogn’e d’ìune s’agne u gravàttue de petrudde e u fattàure faciàje re pparte: a le uagnìune du cuppin’ appedìune: iune de fofe ed’ ine d’acque; all’ùmene tré cuppine appedìune, iune d’acque e dù de fofe. Po le gravàttue se mettàine ‘ndièrre, arreteddote cume stàine,. e u fattàure cu la vuòzze quenzàje d’ùgghje re menistre e, pe fo la mesìure, facije tré géire sop’a re gravàttue e decìàje: “Pole, Vetitte e Grìume... Pole, Vetitte e Grìurne... Pole, Vetìtte...”.

Quann re d’ùgghje r’aminenàje patrune Mecheléine, ca ére nu avanùzzue de prim’a catègorèje, cusse deciàje: “Patre, Figghje e... Spirete Sande! Patre, Figghje e... Spirete . Re d’ùgghje cadàje cume a nu file de spoche da la vuòzze solamiènde a Patre e Figghje, peccé a Spirete Sande passàje apprirse e u file de re d’ùgghje manghe cadàje.

L’opèràje c’avàine stote fore c’u patrune Mecheléine deciàine ca cure ammenàje re d’ùgghje sénz’a Spirete Sande e, spècialmiènde a le uagnìume re d’ùgghje na ‘ngadàje pròprje pe nnudde. Le uagnìune ca sciàin’ulme: “U patri, - deciàine - amméine nu picche d’ùgghje ca manghe n’è sciute”. E ccure, sicche: “Duòppe... ce n’avanze!”. “Mo, rninangiue nu alte féile, patrune Mechelé!”.

Deciàje nu alte. E cure pruònde: “Re gammitte rnang’honne arrevote a fo r’ aléive! “. Cérte vuòlte u patrìune mettàje a ccosce fofe nu picche qu-redèile e, pe farre cosce, ammenàje ind’u helzeniètte nu zippe de salemmièndre. Re fofe quesciàine, ma érene amore a mangiò.

Cuss’avaruzzue, attrote de vressidde, le zappatìure u tetuièrne: “La vozze sènz’ugghje”.

Padron Michele possedeva molti campi. Quando aveva da lavori in campagna, predisponeva un bel gruppo di operai che restassero nelle sue terre per molti giorni. Il gruppo era formalo da quattro o cinque uomini ed anche da diversi ragazzi, in quanto questi ultimi lavoravano di più e con una paga inferiore.

Una sera padron Michele disse a Francesco U Vràuche : “Trovami altri quattro operai giornalieri e i soliti cinque ragazzi, per andare a La Marguglia e restare là tre o quattro giorni. Il fattore trovò gli operai ed i ragazzi, preparò il paiolo per cuocere i legumi, la “vozza” dell’olio, il sacco della paglia e della biada e tutto l’occorrente per persone ed animali.

Una volta nei campi, si legava i/ mulo vicino al trullo, si accendeva il fuoco, si mettevano a cuocere le fave e si dava ad un ragazzo l’ incarico di attizzare di tanto in tanto la brace, di controllare l’acqua e la cottura dei legumi. A mezzogiorno gli operai sospendevano il lavoro si sedevano sui sassi, disponendosi in due cerchi, quello interno era formato da ragazzi.

Ciascuno riempiva di pane la propria scodella ed il fattore distribuiva la minestra: ai ragazzi, due mestoli ciascuno, uno di acqua ed uno dì fave, agli uomini invece, tre mestoli ciascuno, uno di acqua e due di fave. Poi ognuno poggiava per terra la propria scodella ed il fattore con la ‘vozza” ne condiva il contenuto. Per una distribuzione equa dell’olio, eseguiva tre cerchi su ogni scodella dicendo: “Palo, Bitetto, Grumo…Palo, Bitetto e Grumo…”.

Quando l’olio veniva versato da Padron Michele, avaraccio di prima categoria, questi soleva dire:”Padre, Figlio e…Spirito Santo! Padre, Figlio e…Spirito Santo! Padre…”.

L’olio cadeva come filo di spago dalla “vozza” ed il padrone, al secondo filo, passava avanti e dopo”Padre e Figlio” il terzo filo, quello dello Spirito Santo, andava a vuoto. Gli operai, che avevano lavorato alle dipendenze di padron Michele dicevano con ironia che versava l’olio senza “Spirito Santo”. Soprattutto nella scodella dei ragazzi l’olio scendeva a stento.

Alcuni osarono dire: “Padrone, versa un po’ d’olio che non è caduto affatto nella mia scodella!”. E quello secco: “ Dopo se avanza!”.

E quello pronto: “ Le olive non sono ancora giunte a maturazione!”.

Spesse volte il padrone metteva a cucinare fave poco cotte e, per facilitarne la cottura, metteva nel paiolo un piccolo tralcio. Le fave cocevano, ma erano amare al gusto. A questo avaraccio i contadini finirono per affibbiare l’agnome di “ vozza senz’ olio”.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno