SANDE RUÒCCHE DE NÀIVE - SAN ROCCO DI NEVE

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Quanne la ggiènde cadàje malote, ducind’ anne fo, e se vedàje re ‘mbuòdde da ngudde, le venàje da vitò, le delìure a u viènde o tenàje u sciaimiènde, penzàje sùbbete a u colére, a la pièste e totte cchère malatèje ca faciàine tremuò de paghìure. Nu malote cu la sciuòlte chjamò sùbbete u dottore, ma cure disse: “Non’è nnudde... é solamiènde nu’mbarrazze”. Ma ind’a la strote de cusse malote, alt’a ggiènde se sendi’ mole e tutte penz.ièrne ‘a grusse ué. Figghje, maréite e vecèine penzérne allore de fo preghiere e la pregessiàune de penetiènze a sande Ruòcche. U Capitue de la chjsj’ a granne però na’ndiètte u acquessinde ad’ asséje sande Rocche d’arginde .

L’avetàcue du Larghe san Càrue e de re strote d’atturne, a la pagure de la pièste, viste c’avàje cadute la nàive e cresciàje a tuttafuòrze, penzièrne de fo nu sande Ruocche de nàive e prettàue ngèire ind’u quartire. La saire la ggiènde de mmèzz’u larghe penzò de métte a re sechìure sande Ruocche de nàive c’avàine fatte. Addò u mettéime, addò na u mettèime. ..?! Stàje nu furne vacande e u stepièrne dda n’inde.

La matin’a duòppe scérne a pegghjàue pe fo la pregessiàune. Tutte òre pruònde: la bbose cu le portatore, la ggiènde cu re cannàile pe sci’ appirse, re meniènne vestut’ a bi’ànghe e ad’ angelicchje. Nnanz’u furne s’avàj’ ammassote totte la ggiènde d’ u quartire. Accumenzièrne a candò, ma quanne u patrune du furne apri’ la puòrte, da u gattarìule e da sott’a la puòrte vediì scuòrre nu visciue d’acque. Penzò ca re quartore c’a stàin’inde s’avèssene petule mmecquò o ruòmbe, ma, cume le menò 1 ‘occhiote, re vedf sone e a ppuòste. L’ acque pèrò assàje addcrettìure da sott’ u sprettidde d’u furne. “Do nan’è càuse de quartore-penzò. 0 è seccisse nu uè o nu meràcue!

Apri’ e fumr, scuelquò inde... ma, s’ande Ruocche avàje sparescìute. Nnàh! — gredò nu scacchiatidde scappanne doffore a la mamme — Mà sande Ruòcche préime è fatte na pesciote scappanne e ppo se n’è scappote!”. Spambanièrne re d’uòcchjere tutte quande e accurnenzò u rescetizze. «Sande Ruòcche se l’ov’arnrnaddote - ceceresciàine - N’è fatte u scamboliètte e se l’è squaggbjote».

La nàive avàje chjetrote, ed ogn’e d’iune se retrò a la cose picche convinde de cusse fatte. Ce sande Ruòcche 1’avàìe scequote nu scarnboliètte, u fridde e la nàive scumbenièrne la malatéje.

Duecento anni fu, quando la gente si ammalava con macchie sulla pelle, con vomito, dolori di pancia e disturbi intestinali, pensava subito li colera, alla. peste e a tutte quelle malattie che facevano tremare di paura.

Un ammalato di quel tipo chiamò subito il dottore, che gli disse: “È cosa da nulla! Si tratta soltanto di imbarazzo di stomaco!“. Sennonché, nella stessa via dove abitava l’ammalato, altre persone accusarono malesseri simili e tutti paventarono gravi malattie. I familiari allora e i vicini di casa pensarono di elevare invocazioni propiziatrici e di organizzare una processione penitenziale con la statua di San Rocco. Il Capitolo della Cattedrale non ritenne comunque opportuno mettere a disposizione la statua d’argento del santo . Allora gli abitanti di Largo San Carlo e delle strade limitrofe pensarono di modellare, con. la neve caduta in quei giorni, l’effige di San Rocco da portare in processione per il quartiere.

Giunse la sera e la gente dei larghetto voleva custodire la s tatua di neve in un luogo sicuro. Ma dove metterla? Vi era là vicino un forno vuoto e la conservò là dentro. La mattina seguente, gli abitanti della zona. si recarono al forno, per predisporre la processione. Tutto era pronto: la base con i portatori, i fedeli con le candele per la sfilata, le bambine vestite di bianco o ad angioletti. Davanti al forno vi era una gran folla.

Iniziarono a cantare ma, quando il padrone del forno si avvicinò alla porta, vide scorrere dal pertugio del gatto e dalla soglia un rigagnolo d’acqua. Pensò alle quartare che vi erano nell‘interno... forse erano cadute e si erano rotte; però, appena apri’ la porta, le vide intatte e al loro posto. L’acqua scaturiva stramente da sotto la porta del forno.

“Questa non è acqua di quartare” – pensò - “… o è successo qualche guaio o si tratta di un miracolo”. Apri’ il forno, sbirciò all’interno…San Rocco era sparito! Nah! Gridò un ragazzino, correndo fuori verso sua madre – Mamma, San Rocco prima ha fatto la pipi’ e poi se ne e’ scappato!”. Tutti sgranarono gli occhi e cominciarono a mormorare, pochi convinti dell’accaduto. “San Rocco è sparito” – dicevano – “ci ha giocato un brutto tiro ed è scappato”. Le strade erano coperte di neve ghiacciata, il freddo era intenso e le persone, alla spicciolata, rientrarono nelle proprie case.

La gente ritenne che San Rocco avesse giocato un tiro birbone, ma la malattia scomparve ugualmente, sgominata dalla neve e dal freddo.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno