LA FIGGHJE DE LANARDE - LA FIGLIA DI LEONARDO

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Lanarde Garzetunne na mbetàje fo du de nu suòlte e se delatràje I’ àneme pe trò nnande e dò a mangiò a Rosèine, la megghjere e ad’Annamaréje, la figghj’assàule e ggiuòvene ce tenàje.

Nu virne cadi’ malote e se préoccupò de come s’ avàin’ a menò de namde chère quatte vigne sop’a Munzerèine e chère e ddo sartàscene de la Salevièdde. La figghje ca le stàje sèmbr’appirse, disse a u’attone: “Me pore ca tine do malatéje: la bronghèite e la necchiàreche de re vigne. Tatà, ne ‘nge penzò ce me la vàid’ èje’’.

La uagnàune pe la lebèrtò ce tenàje d’assi sàule, s’avàje appezzecote cu nu ggiuòvene zappatàure, po cu nu alte, po ce n’alt’e ddiue angore. Ne tenéje aggangiote quatte pe na ròcchje de timbe. Annamaréje disse a u prèine: “Ccé’nge la pute fo na scernote de zappe ad’attàneme ce stè picch’a bbune?”. La stess’a domande faci’ all’ alt’ e tràite, a timbe derrassote. Chire se menierne a la fatèiche e nescìune avi’ u coragge de. fo nu lavoro arrangiote; fadeghièrne de quite de quéite finghe a la Scqiuerescìute.

Ala scapùòte la uagnàune cercò d’ acchiasse cu d’ogn’e d’iune e l’ addemannò: “Cèd ‘ è ’ u fastidje de chèr’ a scernote’?”. U prèime respennèje: “A mmàiche mo s’addemanne la scernote? Mo ce ne spesome, dda remote... !“ U secuonde disse: “ Mo, mo, li da nanze… Ccè scernote e scernote!”. Annamarfe na’nze re faci’ disce do vuòlte e, facènne muèine e zièlle,le dètte nu vose appedìune. U tièrze: “Nù e nniue mo - respennèje –se fàscene chèsse domande?!” La stuòrje derò sevirchje. Na sàire le quatte ggiùvene s’acchièrne a premmiette mmèzze a la chiazze, pròprje cume a u fèghete d’u ciucce.

Lanarde disse a Mengucce ce u avàje viste parlò cu Annamarèje: “Chèr’ a dèje ca n’acchièmme sop’ a Re Mattine, te menive a squ-redezzò. Quande te ditte u patriune?”. A disce la vegetò, chèr’a vigne ère de la uagnàun’ a màje e manghe me pegghjbbe nudde!”. “ Cum’è? Cè ssi’ ditte?-appezzò re riècchje Carmenucce.. . “. Chére stè cu mrnàiche! “Gnornò-repegghjò Anduònje-chére tire a cuss’usse da tré mise”. Do se scuvri’ u fatte e ogn’e d’iune, ‘ngazzote, se la velàje mangiò. Ma chére pruònde, cu re cièlje ca sapàje fo, assequerò ad une a d’ìune ca cu l’alte ére nu fatte passote e achiuse.

Indande u attone guarèje e disse a la figghje a vedàje re tièrre béll’ aggestote: “Cume si fatte’?”. Chére allore chiamò u cchjù fadegatàure e: “Vèide -- disse -- c’attàneme te vole canuòsce...!”.... E s’u spesò.

Leonardo Garzetunne non riusciva mai a raggranellare due soldi e si lacerava l ‘anima, per tirare avanti e sostenere la moglie Rosina e la giovane figlia Anna Maria.

Durante l’inverno, il padre si ammalò ed era molto preoccupato per la coltivazione delle quattro vigne, nella zona di Monserino e dell’arida Salvilla . La figlia, che gli stava sempre vicino, disse al padre: “Ho l’impressione che hai due malanni: la bronchite e la malattia della terra. Papà, non pensarci, me la vedo io”

La ragazza, per la libertà di cui godeva nell’uscire da sola di casa, s’era legata dapprima con un giovane contadino, poi con un ‘altro e altri due ancora. Ne tenne legati a sé quattro con temporaneamente, per un buon lasso di tempo. Anna Maria disse a l primo: “Potresti spendere una giornata di lavoro per mio padre che sta poco bene?”.

La stessa proposta fece successiva ente agli altri tre in tempi di versi. Ed i giovani lavorarono un giorno ciascuno con grande impegno, fino all’’imbrunire. A lavori ultimati, la giovane cercò di incontrarli separatamente e chiese ad ognuno di loro: “Quanto è la spesa per la giornata che hai fatto?”. Il primo rispose: “A me osi offrire la paga della giornata? Quando ci sposeremo... la si trova!”. Il secondo: “Ma via! Lascia perdere... che giornata vuoi pagare!?”. Il terzo: ‘Tra di noi non si fanno di queste domande!”.

E l ‘ultimo osservò: “Se è vero che mi vuoi bene, questa domanda a me non avresti dovuto farla!”. Anna Maria non insiste e, facendo loro complimenti e moine, dette a ciascuno un bacio. La storia durò ancora a lungo. Ma una sera i quattro giovani si ritrovarono insieme in Piazza Castello a cercare lavoro proprio come “ al fegato del ciuccio”. Leonardo disse a Domenico poiché l’aveva visto parlare con Anna Maria: “ Un giorno ti ho visto a Le Mattine, che lavoravi sodo, quanto ti diede il padrone?”. “ A dire la verità quella vigna era della mia ragazze e non volli prendere nulla”. “ Cosa? Come hai detto?- tese le orecchie Carmine- Quella sta con me!”. “ Ma no!- intervenne Antonio- Anna Maria tira con me da tre mesi!”.

Cosi’ si scopri’ l’imbroglio e ciascuno andò infuriato dalla ragazza a chiedere spiegazioni. Anna Maria, per nulla imbarazzata, scherzandoci su, assicurò a ciascuno che con gli altri era un fatto passato e chiuso. Intanto il padre guari’ e vedendo le vigne ben coltivate chiede alla figlia: “ Come hai fatto?”. Anna Maria allora chiamò il ragazzo più lavoratore :” Vieni! - gli disse- che mio padre ti vuole conoscere1” …e lo sposò.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno