U LIÈBBRE CA SE N’AVÀJE SCAPPOTE - LA LEPRE CHE ERA SCAPPATA

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

‘Ngére na vuòlte trè frote: du allaniude ed iune spegghjote. ‘Ngote a la matéine s’avàine acquecchjote pe nu fatte c’avàine arecapetote. Ed’ assièrne da fore ala cetode pe sci’ a cacciiò u lièbbre ca se n’ avàje scappote.

Mo’nge velàje nu fecèile. E scièrne a tezzuò a na rnassaréje. Decièrne: “Massò, ne dè nu fecèile pe sci’ a sparò u lièbbre ca se n’é scappote!”. Respennéje u massore: “Ddo ne stàune tràite: du vacande ed iune scarecote!”, “Méh! mo ne pegghjome cure scarecote” – deci’ Anduònje.,u granne. E se pegghjièrne u scarecote e... sparièrne u libbre ca se n’avàje scappote.

Mo s’u avàin’a cosce e’nge velàje la pignote. Scièrne a tezzuò a n’alt’ a massaréje e le decièrne: “Ccè ne la dote na pignote, ca hornm’ a cosce u lièbbre sparote, ca se n’ avàje scappote?”. Chire de la massaréje le respennièrne: “Ddo ne stuònne tràite: do so ruòtte ed iune è tott’a sfennote!”, “Mèh mo ne pegghjome chèr’a sfennote”- - deci’ Torucce, u mezzone. E se pegghièrne chér’a sfennote e quescièrne u liébbre ca se n’avàje scappote.

Chire ca se mangièrne la carne stièrne bbune, ma, u peccenunne Savenudde, c’asseppò u bbrode, stétte malote. “I-i- ih! Maduònne! -- disse u prime frote-e rnmo curn’hornm’a fo a prettò u malote a la cetode pe ffàue vesetò?”. Allore scièrne a n’alt’ a massarèje pe d’ acchjò nu ciucce... e prettò a u mideche u malote. “Ne dé nu ciucce-decièrne a u masssore-pe prettò a u mideche nu malote.. ca s’e veviute u brode du lièbbre cutte, sparote, case n’avàje scappote?”. “Dà ne stuònne trite - - disse u massore-do mertizze ed iune tutte squerciote!”. “Mèh! mo ne pegghjome u squerciote” - decièrne le du frote. E se pegghièrne u squerciote e... s’abbiièrne a la cetode

Arrevote ca fuòrne sott’u Veccièttue, s’aresettièrne ‘mbacce a u pelàune e... scièrne a u mideche. “Dottò! - decièrne - --ccè u vesetèisce cusse malote ca s’ è veviute u brode du libbre sparote, cutte, mangiote, ca se n’avàje scappote?”. ‘Vesetò cusse malote!? – dici’ u mideche e, ammenazzò de cope - E... le trennèise?”. “Né-e-eh! Trennèise e trennéise! - decérne chire, remose ‘mbéise - Dottò, ce ammire la mone d’inde u prèise, àcchje denore e... paravéise!”. E u allassièrne dà cume nu’mbatuèite.

Vi erano tre fratelli: due ignudi ed uno spogliato. Verso l’alba si erano riuniti per un caso loro capitato. Ed uscirono fuori della città, per dare la caccia alla lepre, che era scappata. Ora occorreva un fucile ed andarono a bussare ad una masseria. Dissero: “Massaro, che ci presti un fucile, per andare a sparare una lepre, che è scappata? “. Il massaro rispose: “Qui ne abbiamo tre: due vuoti ed uno scarico “. “Beh! Allora prendiamo quello scarico!” disse Antonio, il maggiore. E presero quello scarico e spararono la lepre che era scappata. Ora bisognava metterla a cuocere ed occorreva una pignatta. Andarono a bussare ad un ‘altra masseria e dissero: “Ce la date una pignatta, per cuocere la lepre sparata, che era scappata?”. Quelli della masseria risposero: “Qui ce ne sono tre: due sono rotte ed una è tutta sfondata!”. “Beh! Prendiamo quella sfondata!” disse Salvatore, il secondo fratello. E cossero la lepre che era scappata.

Quelli che mangiarono la carne stettero bene, ma il piccolo, Savino, che sorseggiò il brodo, stette male. “Oh madonna! — disse il fratello maggiore — Ed ora come faremo per trasportare l’ammalato alla città e farlo curare?”.

Allora si recarono ad un ‘altra masseria a cercare un ciuco, per trasportare l’ammalato. “Ce lo presti un ciuco — dissero al massaro — per condurre dal medico l’ammalato, che ha bevuto il brodo della lepre che se n ‘era. scappata?”. “Colà ce ne sono tre: due mezzi morti ed uno mezzo scorticato!” rispose il massaro. “Beh! Prendiamoci quello scorticato! “, dissero i due fratelli. Presero quello scorticato, e si avviarono verso la città.

Giunti che furono vicino all‘abbeveratoio sotto il Buccettolo, si rassettarono ed andarono dal medico: “Dottore — dissero — che ce lo visiti questo ammalato, che ha bevuto il brodo di una lepre, che era scappata? “. “Visitare questo ammalato? — disse il medico — ... e tentennò il capo. E il denaro?”. “Denaro e... denaro!” — risposero quelli, rimasti interdetti - Se rimesti con la mano in un càntero, troverai denaro e... paradiso! “.

E lo lasciarono là come un allocco.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno