RE MMIRE A CONDRABBANNE - IL VINO DI CONTRABBANDO

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Nan’ov’assé ca é stote levote u dàzzje sop’a re mrnire. Pe chéss’a benediètt’a tasse seccedàine lèite ogn’e ddèje e se faciàine cérte trenguitte a le dazziire. Tone Mechéle tenàje la vanghe a la sciàise de la Chjazzuòdde e, quann’ére la fièste, assàje doffore re tàvue, le vanghe e vennàje mire a tramote. Le carnaiùle ca stàine a viènne mmèzze a la chiazze gredàine: “A u’arruste... a u’arruste!... a mangiò te vòne u guste...”. E qualch’e giovanuòtte speretìuse respennàje: “... e a pagò te vòne la suste!”. U addàure de re ghjemmerièddre, de le fecatidde, de re brasciole agnàine la chjazze e te faciàne veni’ l’angalirje. Appeggive a rnmire e t’aggevàje ca ére nu piacére.

Quanne la candèine de Tone Mechéle se svacandàje de mire, s’accattaje qualch’e quindalagge da le propriétarje e pe sfescéje a le dazziire, s’accattàje nu picche la vuòlte, a quartore a quartore, a garafiune a garafiune. Rip’a-réipe a le fabbrecote le uagnìune faciàine “u vo e vvine” da Tone Mechèle a u propriétàrje. Le dazziire però nan’érene da méne. Te le vedive asséje nnanze allanzecreddìune da totte re strote; paràine camenò a la squerdote, ma re d’uòcchjere sémbre pundote a la vanghe e re candèine.

Cérte vuòlte arrevàine le frisc-che a re riècchje... ca le’mhome honne sémhr’acchjote a cusse munne, spècje chire ca se velàin’arruffianò le dazziìre. Angeludde. nu spendenastre de la vanghe c’avàje fatte già quatte viàgge c’u garafàune ind’u sacche, se vedi’ sequetò da le dazziìre ca faciàine la marasciàule atiurne a u ceddore de patrune Faiéle, addò u uagnàune avàje agniute. Penzò allore de falle fisse.

Svacandò re mmire e u garafàune u agnèje da u catabbirre de patrune Faièle, menò la giaccliitte sop’u garafàune ed’assèje. A despitte, sci’ a passò proprje da nande a le dazziìre ca s’avàine appustote a u spendàune d’u alte palazze. Cume I’ arrevò nnande, fo fremmote, ma Angeludde faci’ finde de na’ nvedièlle e sequetò a sci’ nnanze.

“Uagliò, firmete! - decérne chire afferrànnele nu vrazze - Mo vedèime ccè ppurte!”. U uagnàune respennéje: “Nudde! Ccé sciot’acchjanne? . “Ccè nnudd’e nnudde! Mitte ndièrre c’homm’a vedàje...”. “Ce re velite proprie sapàje... chièsse é…”

E u dazzìre, cadènzanne la vàusce, specciò de déisce: …... mire! Cé alte post’iésse’?! T’homme fatte la puòste e te stàime ad’ aspettò...”. U alte repegghjò: “U segniurèine l’é fatte franghe chjé de na vuòlte... ma mo, sé ccé sté de nuve? Mitte’ndièrre u garafàune c’homm’a fo u verbole”. Angeludde se levò da sop’u muse-che u garafàune e u fasci’ azzeppò a u tagghje d’u cordone.

Chére ca stàje ind’u garafàune accumenzò a scuòrre ind’a la queniètte. Passièrne du zappatìure e decièrne: “Ccé fiii-te!”.

Non è da molto tempo che è stato eliminato il dazio sul vino. Per quella benedetta tassa, accadevano liti ogni giorno e si perpetravano trucchi di ogni genere contro i dazieri.

Padre Michele aveva una bettola verso l’uscita della piazzetta e, nei giorni di festa, metteva fuori tavole e panche e vendeva vino in abbondanza. Gli altri venditori della piazza gridavano; “All’arrosto!... All’arrosto!... A mangiare ti viene il gusto!... A mangiare ti viene il gusto!... “. E qualche giovanotto spiritoso aggiungeva: ““... e a pagare ti viene la rabbia!”. Il profumo degli involtini, dei fegatini e delle braciole riempiva la piazza e stuzzicava l’appetito. Il vino, che si beveva insieme, giovava che era un piacere. Quando Padre Michele esauriva la riserva di vino, ne comprava alcuni quintali dai proprietari, riti randoli un po’ per volta con quartare e caraffoni, per sfuggire al controllo dei dazieri.

Rasente i fabbricati, i ragazzi facevano la spola dal proprietario alla bettola. Ma i dazieri non erano da meno, te li vedevi sbucare davanti a sorpresa, da tutte le strade. Sembrava che camminassero distratti, ma i loro occhi erano fissi alle bettole e alle cantine. Spesso giungevano soffiate alle orecchie.., perché i ruffiani sono sempre esistiti a questo mondo, soprattutto quelli che se la intendevano con i dazieri. Angelo, un giovane della bettola, stava trasportando vino dalla cantina di padron Raffaele. Aveva già fatto quattro viaggi, quando si vide pedinato dai dazieri che controllavano contemporaneamente lui e la cantina.

Il ragazzo, che aveva il caraffone nascosto in un sacco, pensò di ingannarli: svuotò il vino prima di uscire e riempi’ la caraffa dal cantero di Raffaele coprendola poi con la giacca. Usci’ quindi sicuro dalla cantina e , a dispetto, passò loro davanti. I dazieri intanto. Si erano appostati all’angolo del fabbricato vicino e uno di loro si fece avanti al ragazzo e cercò di fermarlo. Angelo, fingendo di non vederli, continuò a camminare.

“Ragazzo, fermati!- dissero i dazieri – Vediamo un po’ cosa porti!”. E il ragazzo: “ Niente!... Che volete?”. “ Macchè niente e niente! Poggia a terra, che dobbiamo controllare!”. “Se lo volete proprio sapere…questa è…”. E un daziere, cadenzando la voce terminò la frase: “…vino! Che altro può essere! Ti abbiamo fatto la posta e ti stavamo aspettando!”.

Il secondo aggiunse: “ Il signorino l’ha fatta franca più di una volta! Ora, sai che c’ è di nuovo? Posa in terra il caraffone, che dobbiamo stendere il verbale!”. Angelo scaricò dall’omero il caraffone, ma lo fece urtare di proposito al taglio del cordone del marciapiede e il contenuto cominciò a scorrere nella cunetta. Passarono due contadini e dissero: “ Che puzza!”.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno