LA GRANENOTE - LA GRANDINATA

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Ind’a la chjsje u prièvete avàje ditte ca “Criste fosce chjove e nevecò”, dé a mangiò a r’ acièddre ca manghe semenièscene e dé a mangiò a le figghje siue. Chér’ a di de sciugne u timbe arnmenazzàje e nescìune petàje mé penzò a la granenote. Cadàje cume a le cicere quanne se venduiièscene e t’azzeppàje ‘ngope, sope a re trainille e da tutte vanne. Le zappatìure, sconfortote, deciàine: “Ih, Maduònne! Ddò so delìure!”. E u Vemmàune cu le fìgghje sci fore a u Pedole pe rénnese cunde de le danne.

La vigne ca stàje tott’ a pambanìute, prime de sci a mrnennò …... mo ére nu desastre: frunze, iuve e valistre da sop’a re felire d’u capannone mézz’abbannote o scettote ndièrre, sfrenzuòte e malvesciote; le ceppìune, ci spezzote e ci allaniude, ammenote ndièrre... S’ avàje cuvirt’u cambe suzze-suzze de frunze, fuve e valistre. Patrune Mengucce remani’ squengertote a vedàje cure desastre... doppe tand’ a fatèiche...! Faci’ sop’a luche ducinde passe e arrevò a la casièdde, addò stàje la nnicchje du crucefisse.

U afferrò e le disse: “Vi-a’ndò, vine! Vine cu rnmàiche a vedàje ccé me si’ cumbenote!”... e u attaccò a nu credduidde, u metti’ndièrre cume a nu arote e u trò mmèzze-mmièzze a le ceppìune e dcci àje: “E mo si vviste ccé me si’ fatte? So càuse ca se fscene mo chjèsse?”. Ogn’ e ttande nu vrazze de la cràusce appendàje a le ceppìune... ma cure u tràje e gredàje: “E inùtele ca te firme!::: Ddò apre re d’uòcchjere e affitte bbune... carnine appirse a mmàiche pe mò, ca po facirne le cunde tutte e ddiue”... e u ammenazzàje ogn’e vuòlte ca’ndreppeqùàje. “Proprie cuss’anne c’avàj’a spesò ffgghjeme...! Me la si’ cumbenote grosse assé...”.

Allore Criste parlò e disse: “E tiue na re sapive ca la vigne te fosce veni’ la tigne?”. E cure: “Séine, séine!... ma sté pure scritte ca la vigne te fosce passò la tigne!”. “Na’nde la si pegghjanne... ca: vign’a granenote zit’apparote!”.

In chiesa il sacerdote aveva detto che Cristo fa piovere e nevicare, da il mangiare agli uccelli e provvede a tutti i suoi figli. Quel giorno di giugno il tempo minacciava, ma nessuno poteva mai prevedere una grandinata. La grandine cadde come i ceci, quando si ventilano in campagna, e picchiava in testa , sui carri, ovunque. I contadini preoccupati dicevano: “ Oh, madonna mia qui son dolori!”. E si recarono in campagna, al Pedale, per vedere cose era successo.

Nella vigna già piena di pampini, dove non era ancora stata eseguita la punta verde, era un vero disastro. Nei filari e nei capannoni il suolo era disseminato di foglie, uva e tralci, i ceppi erano spezzati e nudi, la terra nascosta dal fogliame scomposto e sfrangiante. Padron Domenico rimase esterrefatto e vedere quello scempio…dopo tanto lavoro. Percorse a piedi duecento metri e giunse al trullo, dove era un crocifisso dentro una vecchia edicola. Lo strappo e disse: “ Vieni qua! Vieni! Vieni con me a vedere cosa mi hai combinato!”…e lo attaccò ad una cordicella, lo poggiò a terra e a mò di aratro lo trascinò in mezzo ai filari, dicendo: “ Hai visto adesso quanti danni? Sono cose da farsi?”.

Di tanto in tanto un braccio della croce si incastava nei ceppi… ma il contadino contava a tirare e a gridare:” E’ inutile che ti fermi, apri gli occhi ed osserva bene…cammina appresso a me che poi faremo i conti!...” E lo stimolava ogni qualvolta si bloccava. “ Proprio quest’anno che dovevo sposare mia figlia! Me l’hai combinata grossa, troppo grossa!”. Allora Cristo parlò e disse: “ E’ tu non lo sapevi che la vigna ti fa venire la tigna?”. E quello: “Si , ma sta pure scritto che la vigna ti fa guarire dalla tigna!”. “Non te la prendere, perche’ la vigna grandinata è sposa preparata!”.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno