LA PONDE D’U AROTE - LA PUNTA DELL’ARATRO

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

“Sciorne a Checchenièlle, sciome stamatéin’a beneditte!” - deciàje Mechéle u andresone a la mìule ca faciàje fatéiche a trò u arote. Ma... tremendénne bbune rét’ a u’ anemole, se n’ avvertèje ca u’ arote a freccièdde na’ ngamenàje preccé avàje preddìute la ponde de firre. Fremmò u’anemole e se détte a cercò la ponde du arote rnmézz’a la praise c’ avàje già reveltote. “Mo, - disse a u scernatire – Cicci’ dalle n’ ucchje ddà, mmézz’ a le sulche de la pràise ca so arote, pe d’acchjò chéss’a benediètt’a puònde”. Preddièrne na bbon’a rnézz’àure a sci nnanze e rréte, ma la puònde d’u arote mang’ assàje.

Allore Mechéle se fremmò, pegghjò fiòte, alzò re dd’uòcchjere e re vràzzere a u cile e disse: “Sande Reccarde méje, do sté Ciccille e nnane ad’idde éje mo te déiche: Ce me fe acchjò la ponde d’u arote, éje, adevezzi’lun’a rnàje, te fazze fo na ponde d”ure!”. Angore avàj’a specciò de déisce, ca Ciccille, allenguanne l’ucchje rète a la mìule, vedi spendò da sott’a tièrre, la ponde d’u arote. “Nah! - disse u scernatire - cliièsse é la ponde d’u arote ca sande Riccarde t’é fatt’acchjò... Mo, na’nde re fo dèisce do vuòlte, ca me si’ ppuste mmièzze pur’a mmàiche. La parole é parole! Pùrtele la ponde d’àure a sande Riccarde!”.

Mechéle sestemò la puònde mbacce a u’arote e specciò d’arò la vigne. Po, mettìerne suòtte la mìule e se ne venirne a Rrìuve. Sop’a la strote, Ciccille repegghjò u descurse d’u arote: “Si viste - deciàje - grazzje a san Riccarde si petute spccciò la fatéighe!”. Siccome a Mechéle u trascurse na le trasàje, faciàje la facce du fièsse. Ma Ciccille repegghjò ad’arequerdò u fatte e u mettéje a re stritte.

Quanne Mechèle na ne peti cchjue. se veltò e disse: “Cicci’, na re si capite? Ce la cacchje dela puònde manghe la pozze fo de firre, vu mo tiue ca’nge la fazze d’aure a sande Reccarde? Idde chèsse ccàuse r’ov’a sapàje... “E pe d’achiude u trascurse, alzò re vràzzere e disse: “Sande Reccarde rnèje. chéss’a vuòlte ed’avàje paciiènze e m’ éd’ a cumbiatèje . E Ciccille: “E brave a Mechéle! Acchessje mo tiue te ne vu asséje?! Cume dèje?: Passote u debbesugne. gabbote u sande!!”.

“Orsù, Checchinella, avanti! Stamattina benedetta!” diceva Michele l‘andriese, alla mula che tirava faticosamente l’aratro. Ma... guardò dietro l’animale, vide che l’aratro a forcella non procedeva agevolmente, perché mancava la punta di ferro. Allora fermò l’animale cominciò a cercare la punta dell ‘aratro sulla striscia di terra giù lavorata.

“Senti, Francesco — disse all’operaio — cerca tra i solchi, questa benedetta punta! “. I due persero una buona mezz’ora a cercare avanti e indietro, ma la punta dell ‘aratro non fu ritrovata. Allora Michele si fermò per riprendere respiro, alzò gli occhi ai cielo e, con le mani giunte, disse: “Ascoltami, Riccardo mio, alla presenza di Francesco ti prometto che, se tu me la farai ritrovare, a mia devozione - ti farò costruire una punta d’aratro tutta d’oro! “.

Non aveva ancora terminato il discorso, quando Francesco, spingendo lo sguardo dietro alla mula, vide uscire dalla terra la tanto sospirata punta. “Nah! — disse il bracciante — Eccola! San Riccardo te l’ha fatta ritrovare! Ora non te lo far ripetere due volte, perché mi hai chiamato a testimone: la paro!a è parola! Offri al Santo quanto hai promesso!”. Michele intanto sistemò la punta all‘estremità dell‘aratro e completò il lavoro nella vigna. Dopodichè attaccò la mula al carro e s ‘incamminò con Francesco verso Ruvo. Lungo la strada / ‘operaio riprese: “Hai visto? Grazie a S. Riccardo, hai potuto terminare il lavoro! “.

Poiché a Michele il discorso non gli garbava, andava avanti facendo lo gnorri. Ma l’altro, tornando all’attacco, cercò di metterlo alle strette. Quando Michele non ne potette più,si voltò e sbottò: “Francesco, non hai proprio capito? Se la punta non me la posso fòggiare di ferro, vuoi tu che la faccia in oro per S. Riccardo? Lui questo lo deve sapere...!”.

E per chiudere il discorso, alzò le braccia al cielo e aggiunse: “S. Riccardo mio, per questa volta devi aver pazienza e mi devi compatire...!” E Ciccillo rimbeccò: “Già, cosi’ tu te ne vuoi uscire?” Come dire: passata la festa, gabbato lo santo!

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno