CEPODDE DULCE! - CIPOLLE DOLCI

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Nu vescegghjàise venàje a viènne sop’ a Rrìuve. Se fremmàje a u spendàune de Falinue e vennàje àgghje, spenzole, cepodde ruòsse, scarciuòffe, ambasciule e tand’ alte produtte de fore.

Na staggione arrevò da Vesciègghje cu na trainièlle a mmone chjàine de cepuòdde e, pe dalle tune a u banne, sciàje gredanne: “Cepuòdde! Cepodde dulce! Iàmme a re cepuòdde ca so dulce...! Mangiàteve u zùcchere! Cepuòdde de zùcchere,uéje!!”. E pe do a’ndiènne ca érene dulce addavére, afferràje cepuòdde e tràje muòzzechere. Re fièmene s’avvecenàine... ed iune l’addemannò: “... ma so proprie: dulce? Éje l’alt’a vuòlte r’acchjbbe furte! Ce sò ddulce me re d, ce se nàune…”

Ma cure, prime ca chére frennàje de parlò,: “Na re vedéite?! Néhe! Éje me re mange cume a re mméle... e na’nznde nudde!”. Nu meninne ca stàje a sc-candò, u tremùendi’bune e le disse: “Ma èje vàide ca te cjdene re llarme!?...”.

U vescegghjàise pe giustefecasse se veltò a re fièmene cu la vàuscj’ a ruòtte e chijanguiènde: “Éje mo - disse - ce sapisse, stoche a penzò ad’attàneme ca re chjandò... Ah, povr’attone mèje! ... manghe re si’ petiute némrnéne assaprò!”. E le cadàine re llàrme.

Un biscegliese veniva a Ruvo a smerciare i suoi prodotti, si fermava all’angolo di Fallinue, e vendeva: agli, cipolle, carciofi, lampascioni ed altri prodotti della campagna. Un giorno d’estate, Corrado giunse con una carretta a mano, piena di cipolle e, per incrementarne la vendita incominciò a gridare: “ Cipolle! Le cipolle sono dolci, mangiate lo zucchero! Cipolle di zucchero! Uehi!”.

Al fine di dimostrare che erano veramente dolci, prendeva le cipolle e le morsicava. Le donne si avvicinavano e una gli chiese: “ Ma sono proprio dolci? Perché io, l’altra volta le trovai forti. Se sono dolci me le dai, altrimenti…”.

Il venditore prima che quella terminasse: “ Ma non vedete? Ecco io le mangio come fossero mele e non accuso bruciore!”. Un bambino che lo vedeva incantato gli disse: “Ma io vedo che ti cadono le lacrime!”.

Corrado, per giustificarsi, si voltò alle donne con una voce lamentosa e disse: “Io se proprio lo volete sapere sto pensando a mio padre che le piantò. Oh, quel povero padre mio!... Non le ha potute nemmeno assaggiare…!”

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno