FARFARILLE - FARFARIELLO

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

“Pe fo lèite sté sémbre timbe!” disse Sambite a Paulucce ca l’avàje prettote chjù de na vuòlte re prétèse de Farfarille u capendrinseche d’u ‘mbirne. U fatte accumenzàje ad’affetièsce, peccé cure, u Caperusse avvambesciote, non’nzole na’ nzè faciàje caposce ca u paravèise sté saùpe e u’mbirne suòtte, ma prètènzioniste cum’ére, dàje fuòdde a resolve u fatte; avàie capéite c’a Sambite, u pertenore d’u paravèise, picche le trasàje ind’a la checuòzze la soluzzione e... se l’avàje pegghjote felanne-felanne.

“Na-a-a-a! - disse na dej ‘a Paulucce - Uèje, u spadaccine, ce ddò manghe assudome re cumbèine, seccéde u nevandanovee mrnizze. Arecùrdete ca éje so caposce de rnmette tutte sotte-sàupe. Éje... tènghe ggiènde ammassote sope a nu strapizze ‘mbequote... e vviue spasciote sop’ a tand’ arie cu quatte gatte. Cusse sestéme na’mhote sci’ chjù nnanze! Na’nge vole nudde a menatte ‘ndièrre u prettàune ca tine bè11’achìuse... e n’alluggione ind’u paravèise. Ca... ce pò v’ abbresciote cu le carevìune e le scalfalitte ‘mhequote, è mégghje ca re ssè: ci sé vviste, s’é vviste e ci s’abbrìusce, s’abbrìusce”. “Ce le fatte se métten’ acchessèje, mettime nu avvucote e na’ nze ne parle cchjue”. “E... va bbène! mettime u avvucote!”.

U Capecifre acchjò sùbbete rnmèzze a tand’avvucote ca tenàje, nu ggiuòvene, ‘nziste e resendìute, ère Pitetrrune de Napue. Quanne Sambite sendèje ca cure nègacriste na’ nzarraggiunàje e avje acchjote chér’ a pèste d’ avvucote, se dètte da fo. Gire e vulte, ma... picche ièrene I’ avvucote d’ind’ u paravèise. Allore pregò Paulucce: “So gerote tutt’u paravèise e mangh’ àcchje nu avvucote cume se dève. Datte tiue na gerote ed’acchjamìue ìune ca pote combète. Veide ddà, mmèzze a chire d’u scude crociote, ca chire sàpene bbune ‘ndrezzuò”.

Paulucce chjù ca se mètti’ cu penùrje e combromettinde, na’nfò càuse d’acchjò nu avvucote cumo so dève. Sci’ arrète da Petrucce: “Eje nan’acchje nesciune - disse - ca se cunfrunne c’u Pitetrune manghe chire d’u scudo crociote ca me si’ ditte: s’àcchjene tutte a chèr’a vanne du Capecifre, u crenniute”. Matté ca s’acchjò mmézz’u trascurse le disse: “Angore da ddo sciote viue?! Pot’èsse mè ca le mhregghìune c’honne cazzote la liègge, se pòten’acchjò ind’u paravèise? U paravèise, deciàje u vècchje Guedone è de le sfessote... e a ‘mhirne è del’avvucote! Vedite sùbbete d’acchjò nu alte sestéme e achjedite u fatte!”.

Sambite pe fall’a frenniute, metti’ pe lo mièzze du combromettinde, mullò a Farfarille nu strapizze de paravèise e tutte specciò dda. Però, nesciune è me sapute ci fo a passò la buste a u Capecifre.

“Per litigare c’è tempo” disse Pietro a Paolo che gli aveva comunicato più volte le pretese di Farfariello, il comandante dell’inferno. Il fatto cominciava a prendere una brutta piega, perché quel “Caporosso Avvampato” non solo non si convinceva che il Paradiso stava al di sopra e l’inferno al di sotto, ma sollecitava anche la soluzione della contesa, avendo capito che S. Pietro, portinaio del Paradiso, volutamente trascurava e snobbava il problema.

‘Na-a-ah!” - disse un giorno Farfariello a Paolo – “Ohè, lo spadaccino, se qui non stabiliamo i confini, succede la rivoluzione. Ricordati che io sono capace di menarti tutto per aria, perché ho gente ammassata in un triangolo infuocato, mentre voi scialate in tanto spazio con pochi ospiti. Questo sistema non può più durare! E’ facile abbattere il portone che custodite gelosamente e sistemarci in Paradiso! Se poi vi brucerete con i carboni e gli scaldini infuocati, vi avverto che: chi s’è visto s’è visto e chi si brucia si brucia!”. “Se i fatti si mettono cosi’, cerchiamo un avvocato e non se ne parli più! “. “E... va bene! Mettiamo l’avvocato!”.

Il capo dell’ ‘inferno trovò subito, tra i tanti avvocati che aveva, un giovane attivo e convincente: era questi Pietrotuono di Napoli. Appena Pietro seppe che quel negacristo non addiveniva a trattative e aveva già affidato la lite a quella peste di avvocato, cominciò a darsi da fare. Ma, per quanto cercasse, pochi erano gli avvocati in Paradiso; allora disse a Paolo: “Ho girato tutto il Paradiso e non ho trovato un avvocato come s i deve. Datti da fare e trovamene uno in grado di competere! Vedi lì, ai mezzo a quelli dello scudo crociato, che sanno imbrogliare! “. Paolo, nonostante il suo impegno personale e quello degli intermediari, non riusci’ a trovare un avvocato all’altezza della situazione.

Tornò da Pietro: “Non ho trovato nessuno” — disse — “disposto a confrontarsi con Pietrotuono; quelli dello scudo crociato, che mi hai indicato, sono tutti nel regno del cornuto”. Matteo che era stato presente alla discussione, disse loro:”Ancora di qua andate voi? E’ mai possibile che chi imbroglia la legge possa trovarsi in paradiso- diceva il vecchio Guidone- è dei disgraziati, l’inferno è degli avvocati. Cercate un’altra via per comporre la lite!”. Pietro per farla finita incaricò due intermediari, mollò a Farfariello un angolo di Paradiso e cosi’ la contesa ebbe termine. Però…nessuno ha mai saputo chi fu quel mestatore…che posò la busta al capo dell’ inferno.

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno