ADDICHE U PALLUNISTE - DIEGO, IL PALLONISTA

Poesie, racconti, canzoni popolari, filastrocche, motti, soprannomi.

a cura di

Ove bbune ca vé murte rnéste Feteciucce. Ére nu palluniste féine; a re ffiste u chjamàine ad’arnmenò le pallone ca sapàje fo de tande furme e designe. Cusse mestire s’u avàje mharote da nu palluniste chjù fèine, nu vére artiste c’arecuòdene tutte: AddicheJurille. Ere nu vere dritte: te sapàje criò avvule chère ca t’ ahhesignàje, na vér’irnhrése pe fo tutte. Se cresciàje na scemmiende de Ternose Puòrre ca chjamàje Bige e se fessiàje sop’a na sciarrettièlle curne a nu signore.

Na’rnhassàje na lièste, nu matrernuònje, n’ accassiàune ‘mbortande ca na u chjamàine ad’ addubbò chjsie, càsere, baldacchéine... Sapàje criò e organezzò tutte da siule; cummannàje la quadriglje: te venàje u guste a sendiue cumannò e vedàje move la ggiènde. Na’ nze faciàje na fièste inde a re famigghje de Spote e Jatte ca na u chjarnàine a preparò salone e derigge véglione.

Da chèsse famigghje se faciàje le rnégghje denore. Donn’ a Lecèje de le Jatte u pegghjò tande a bènvolére, ca urdenàje spisse e velendire, fiste e deverteminde. Chire ca u’bonne canescìute s’ arecuòrdene ca camenàje tise-téise cu na giacchiètt’a strote cume se déve e re ccalze cu la chjàic’a frièsc-che. U fatte cchjù resapìute de cusse palluniste é la scummièsse fatte cu nu amèiche: “Vu vedàje - disse Addiche - c’arnmàine nu cavadde ca fosce u’nghéine e n’alte e ddu pallone ca fascene la uièrre lor’e-llore?”.

Le pallone érene nu vére capelavore: sàupe designàje ad’ucchje: avvucote, galandurne e politecande d’u piéise. U pennidde d’Addiche prettàje sop’a le pallone re petriòte de le Forcaiùle e de le Mariùle e le fatte chjù mhortande d’u paéise. Sotte a le pallone appennàje trik-trak, retidde, truònere, feltinnarje e scisc-che. Amrnenàje parécchje pallone tutte’ nzime e suòtte mettàje nu ciste cu le sultote de cartone e, da ‘mhonde a le fecéile assaine le fettinnarje; paràje na vér’a battaglie.

U pallone chjò curiòse ère u cavadde ca, salènne-saliènne se nn’arcàje a la vi’ de nande, fosch’ a faciàje u’ nghèine. A chèss’ a scène la ggiènde abbattàje re rnmone e gredàje a u meràcue d’Addiche u palluniste.

È passato molto tempo dalla morte di mastro Feteciucce, un abile costruttore di palloni aerostatici. Per le feste paesane, lo chiamavano a lanciare, per il corso, palloni da lui confezionati con sagome e disegni diversi. Il mestiere lo aveva appreso da un mastro più raffinato di lui, un vero artista, che sapeva fare di tutto e che la gente ancora rammente: Diego Iurilli. Quest’ultimo allevava la giumenta di Porro, a cui dette il nome di Bice, e soleva attaccarla al calesse e poi andare in giro, pavoneggiandosi come un signore.

Non passava una festa, un matrimonio o un’ occasione importante che non lo chiamassero ad addobbare chiese, case e baldacchini. Creava ed organizzava da solo ogni tipo di lavoro. Dirigeva la quadriglia con tanta arte che era un piacere vedere come si muoveva la gente ai suoi comandi.

Ad ogni festa che si faceva nelle famigli Jatta o Spada, venia chiamato ad addobbare i saloni e a dirigere i balli. Da queste due famiglie ricavava il maggiore guadagno. Donna Lucia degli Jatta lo prese tanto a bel volere, che organizzava spesso feste e divertimenti per dargli lavoro.

Il fatto più eclatante di questo pallonista fu la scommessa fatta con un amico: “Vuoi vedere – disse Diego- che sono capace di lanciare un cavallo che fa l’inchino a altri due palloni che fanno la guerra tra di loro?”. I suoi palloni erano veri capolavori, vi disegnava ad occhio avvocati, politicanti e galantuomini. Il suo pennello vi trasferiva le sassaiole tra “forcaioli e mariuoli” e gli avvenimenti più importanti del paese. Sotto i palloni attaccava “trik-trak”, rotelline, colpi e fischi. Lanciava contemporaneamente molti palloni, ciascuno dei quali portava appesi soldati di cartone armati di fucili, dalla cui punta uscivano colpi saettanti da sembrare una vera battaglia.

Il pallone più curioso era il cavallo che, salendo in alto, beccheggiava come se facesse un inchino. A questi spettacoli, la gente batteva le mani e gridava al miracolo di Diego il pallonista

La città

La morfologia della città, le sue peculiarità, l’economia, la flora e la fauna.

Vai alla sezione

Volantini

Le migliori offerte in città e dintorni.

Vai alla sezione

Meteo

Consulta le previsioni meteo della tua città fino a 5 giorni grazie ai dati aggiornati del nostro bollettino metereologico.

Vai alla sezione

Strumenti di segnalazione

Hai una segnalazione da fare o una buona storia da condividere con la nostra redazione e con i nostri lettori? Segnalaci subito la tua notizia.

Vai alla sezione

Autocertificazione Online

Online moduli di Autocertificazione da compilare e stampare velocemente.

Vai alla sezione

Farmacie di turno a Ruvo di Puglia

Visualizza i turni delle farmacie di turno.

Le farmacie di turno