La Pinacoteca comunale di arte contemporanea

Paesaggi urbani di Michele Chieco

Ruvo di Puglia
dal 18 settembre 2018 al 30 settembre 2018 alle ore 19:00

Le 28 opere esposte, donate alla città di Ruvo dalla famiglia del pittore dopo la sua morte, erano conservate in un deposito. Hanno rivisto la luce grazie a un progetto di Alternanza Scuola Lavoro

Indirizzo Via Madonna delle Grazie, 2

Paesaggi urbani di Michele Chieco
Pro Loco Ruvo di Puglia © Pro Loco Ruvo di Puglia

Da oggi al prossimo 30 settembre nella Pinacoteca Comunale di Arte contemporanea di Ruvo di Puglia sarà possibile ammirare la mostra “Paesaggi urbani di Michele Chieco”. L’inaugurazione si terrà questa sera alle 19; vi prenderanno parte l’assessore alla Cultura Monica Filograno e il presidente dell’Unpli Puglia Rocco Lauciello.

È prevista per l’occasione la performance intitolata “Viaggiare in un sogno” - ispirata dalle opere in mostra -, di cui sono stati ideatori e saranno protagonisti i danzatori Federica Paparella e Leonardo Tumolo, che si esibiranno sulle note della tromba di Stefano De Astis e del flauto traverso di Mariateresa Ursi, tutti studenti coinvolti nel progetto.

L’iniziativa è stata organizzata dai ragazzi della 5a G del liceo scientifico “O. Tedone”, impegnati nel progetto di Alternanza Scuola Lavoro in partnership con la Pro Loco di Ruvo di Puglia e grazie alla disponibilità dell’Amministrazione comunale. Si tratta di Damiano e Francesco Avella, Caterina Cagnetta, Gabriella Carmen Caldarola, Barbara Catalano, Stefano De Astis, Serena De Lucia, Silvia Fabiano, Maria Lucia Fioretti, Aldo Giuga, Teresa Lonardelli, Michelangelo Panunzio, Federica Paparella, Lorenzo Sorice, Tumolo Leonardo e Mariateresa Ursi.
Gli allievi sono stati parte attiva nell’allestimento e nella preparazione della mostra, coordinati dal tutor interno alla Pro Loco, l’architetto e dottore di ricerca Mario Di Puppo e supervisionati dai tutor scolastici, le professoresse Giovanna Losacco e Francesca Sparapano.
Le 28 opere esposte – insieme ad altre - appartenevano ai familiari di Chieco che, alla morte del pittore, decisero di donarle alla città di Ruvo di Puglia. Prima della mostra, le tele erano chiuse nei depositi della Pinacoteca ma, grazie al progetto, hanno rivisto la luce.

L’esposizione non si limita ai paesaggi urbani del nostro paese, ma rappresenta lo sguardo in “tratto, colori e luce” dell’artista rivolto alle località pugliesi di Bari, Barletta, Bitetto, Conversano, Giovinazzo, Martina Franca, Ostuni, Palo del Colle, Polignano a Mare, Rodi Garganico, Sannicandro Garganico, Spinazzola e Vico del Gargano.

I quadri, realizzati con la tecnica dell’olio su tela o su masonite, si ispirano alla realtà costruita pur distaccandosene; è questa una delle cifre stilistiche dell’estro inventivo dell’artista. I vicoli stretti e chiusi fanno da sfondo a dimore ritratte come disabitate, suscitando nell’osservatore sentimenti altalenanti di pace e serenità o di riflessione. La varietà cromatica si caratterizza per il bianco e i grigi madreperlacei, accompagnati da colori tenui e delicati, che conferiscono staticità e compostezza ai dipinti.

L’autore

Michele Chieco, nato il 19 maggio 1922 a Santo Spirito, trascorre la sua infanzia a Ruvo di Puglia, luogo natale dei suoi genitori. All’età di 17 anni lavora come contadino nella residenza rurale della nobildonna Caputi Iambrenghi. In tale occasione si distingue agli occhi della committente per le sue abilità artistiche da autodidatta; la gentildonna decide così di indirizzarlo presso lo studio barese del famoso pittore Guido Prayer.

Nel 1942 presta il servizio militare a Roma e, fuggito dalla prigionia tedesca, inizia la sua carriera artistica. Ormai pittore affermato, riceve premi e riconoscimenti, fra cui spicca il Premio Nobel per la Pittura a San Marino conseguito nel 1983. Muore il 10 ottobre 1996 all’età di 74 anni.

Altri Eventi
Al cinemaVedi tutti