Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Gravina in Puglia
il 25 novembre 2018 alle ore 10:01

Il 25 Novembre anche in città convegni e mostre per sensibilizzare l’opinione pubblica

Indirizzo via San Vito Vecchio - Officine culturali

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne
Fidapa © Fidapa

Ci sarà anche il nome di Gravina in Puglia nell’elenco delle città che il 25 novembre promuoveranno iniziative legate alla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La giunta municipale presieduta dal sindaco Alesio Valente ha infatti condiviso con voto unanime la proposta – avanzata dall’assessora alle pari opportunità, Claudia Stimola – di sostenere una serie di eventi legati alla Giornata, istituita nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite allo scopo di favorire processi di conoscenza, sensibilizzazione ed educazione nel campo del contrasto alla violenza sulle donne.

«Un tema – sottolinea l’assessora Stimola – di tragica attualità, come dimostrano le cronache che ogni giorno riportano notizie di femminicidi ed altri episodi di prevaricazione e discriminazione. Una scia di sangue e dolore, che testimonia la necessità di un grande impegno, soprattutto sul versante culturale e formativo, per prevenire e comunque almeno arginare un fenomeno inquietante, che mina alla base le ragioni stesse della convivenza civile e le prospettive di crescita e progresso delle nostre comunità».

Da qui l’organizzazione anche in città di una serie di iniziative che conosceranno il loro culmine il 25 Novembre. Fondamentale, al riguardo, la collaborazione con la Regione Puglia e le associazioni culturali “Sezione Aurea” e “I Presìdi del Libro”, queste ultime vero motore delle azioni programmate. Appuntamento proprio Domenica 25 Novembre nella cornice delle Officine Culturali di via san Vito vecchio.

Dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 21 mostra fotografica curata da Lorenzo Ciaccia. Alle 18, invece, dialogo sul libro “Per non dargliela vinta”, scritto da Giovanna Ferrari (e divenuto poi base di una puntata della trasmissione Rai “Amore criminale”) per ricordare e raccontare la storia della figlia Giulia Galiotto, uccisa a colpi di pietra - l’11 Febbraio del 2009 - dal marito, che ne rinchiuse poi il corpo in un sacco gettandolo in fiume, per farlo sparire per sempre e provare così a giustificare la tesi di un suicidio.

All’incontro, insieme all’autrice, prenderanno parte il sindaco Alesio Valente, l’assessora Stimola, la presidente di “Sezione Aurea”, Raffaella Iannetti, lo psicoterapeuta e criminologo Francesco Saverio Abbruzzese. Il dibattito vivrà sulle letture di Patrizia Occhiato, Marina Delvecchio ed Angela Angellotti e sul contributo di alcune classi degli istituti superiori cittadini. Ad arricchire la serata, la partecipazione straordinaria dell’attrice Annalisa Insardà.