Il Carnevale del Liceo Artistico Federico II ai tempi del coronavirus

Mariacarla Quaranta LiveYou - Attualità
Ruvo di Puglia - sabato 13 febbraio 2021
Il Carnevale del Liceo Artistico Federico II ai tempi del coronavirus

In questo Carnevale silenzioso, a cui la pandemia in atto ha tolto il suo spirito festoso e per sua natura aggregante, il Liceo Artistico Federico II Stupor Mundi, che da sempre partecipa con l’allestimento del palco, dove sfilano e vengono premiate le maschere più belle e originali, quest’anno, per mutate esigenze, ha scelto di partecipare con uno “spettatore” d’eccezione, Federico II.

Il grande sovrano svevo guarda stupito, con gli occhi di un fanciullo, questo mondo, questa nostra città, sospesa, tra la voglia di divertirsi e celebrare il Carnevale, e guardinga nel lasciarsi andare, perché il virus è sempre in agguato. L’opera realizzata in cartapesta dalle classi III, IV e V dell’indirizzo scenografia, sotto la guida e supervisione dei professori Emanuele Pastoressa, Costantino Ragusa e Sergio Rubini, e collocata sul portone d’ingresso del chiostro del Comune di Corato, rappresenta Federico II fanciullo, quando, in tenera età, viene incoronato re. La corona sul capo, però, è una corona speciale, il simbolo più rappresentativo del nostro territorio, Castel del Monte, il primo museo della Puglia per numero di visitatori, provenienti da ogni parte del mondo. Federico II amava l’Italia e il Meridione, in particolare, tanto da far costruire nel Sud Italia ben 200 castelli e,di questi, il più noto, patrimonio UNESCO, è proprio Castel del Monte. Tutta la figura è stata realizzata a mezzotondo con la tecnica della cartapesta modellata su un grande bassorilievo di circa 2,00 X 2,50 metri, lavorata su supporto in legno multistrato a sagoma e rete metallica, tutto intelaiato con listelli in legno massello di abete di varie sezioni e, successivamente, decorato con colori acrilici.

Inoltrandoci nel centro storico, in Piazza Sedile, davanti alla sede delle Pro Loco, l’anima organizzatrice del Carnevale coratino, si potrà notare l’altra installazione del Liceo Artistico, la sagoma in legno bidimensionale, con il volto forato, di Federico II con il suo falcone, realizzata dalla classe IV dell’indirizzo arti figurative, sotto la guida del professor Paolo De Santoli.

Chi vorrà, con le dovute precauzioni igienico-sanitarie, potrà sostituire la faccia del sovrano con la propria, scattarsi una foto e vestire i panni dell’imperatore!

Piacerà, soprattutto, ai nostri bambini, che metteranno il loro viso e, incuriositi, faranno mille domande e potranno avvicinarsi alla figura di questo imperatore poliedrico, che amava la scienza, la natura, la poesia, l’arte. In entrambe le opere i protagonisti sono, dunque, i giovani: Federico II Puer Apuliae e i ragazzi e i bambini che vorranno giocare a fare i “grandi” con la sagoma dell’imperatore svevo. Tutto questo perché, come afferma il dirigente scolastico Savino Gallo, il messaggio che l’Istituto vuole inviare alla comunità è un “messaggio di speranza, affinchè si possa tornare quanto prima alla normalità e la ripartenza cominci proprio dai giovani e dalla cultura, che, nei suoi aspetti più variegati, Federico II tanto apprezzava e coltivava”.

Altri articoli
Gli articoli più commentati
Gli articoli più letti