All'azienda Guastamacchia

Tentava di rubare rame da impianto fotovoltaico, arrestato rumeno

In azione una banda di quattro persone. Fuggiti i complici. Furto sventato grazie alla videosorveglianza in dotazione ai Metronotte Ruvo.

Cronaca
Ruvo di Puglia sabato 07 aprile 2012
di La Redazione
Gli arnesi sequestrati dai Carabinieri
Gli arnesi sequestrati dai Carabinieri © Comando Provinciale Carabinieri

Intorno alle 23,30 di giovedì scorso, le guardie giurate Metronotte srl Ruvo di Puglia hanno sventato il furto di cavi di rame dall'impianto fotovoltaico della azienda Guastamacchia sito in C.da Polvino, agro di Ruvo di Puglia ed hanno arrestato sul posto un giovane rumeno.

Presso la centrale operativa dell'istituto è giunto un segnale di allarme dall'impianto. Contemporaneamente l'operatore di centrale, tramite i disapositivi di videosorveglianza di cui il parco è dotato, poteva vedere quattro persone introdottesi nell'area recintata che dopo aver tentato di sabotare l'impianto di allarme, hanno cominciato ad armeggiare intorno ai pozzetti dove passano i cavi di rame, obiettivo della loro azione.

Nell'immediatezza sono scattate le contromisure: otto le guardie giurate della Metronotte Ruvo che, capitanate sul posto dall'amministartore dell'istituto cav. geom. Pasquale Scaringella, si sono avvicininate all'impianto con modalità discreta e l'hanno circondato. Ad un certo punto i malviventi, accortisi della trappola che stava per scattare, hanno mollato sul campo tutti gli arnesi da scasso e si sono dati alla fuga nei campi circostanti.

Uno di loro, un giovane rumeno, è stato bloccato da due vigilantes. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della locale stazione che hanno tratto in arresto il furfante e hanno avviato le indagini per risalire agli altri componenti della banda. Minimi i danni all'impianto. Soddisfazione è stata espressa dai vertici dell'azienda Guastamacchia proprietaria dell'impianto in seguito al buon esito della operazione, atteso che negli ultimi tempi gli assalti a questo tipo di impianti sono stati numerosi, oltre che causa di danni ingenti.

Il titolare dell'istituto, Pasquale Scaringella, che ha coordinato l'intervento le guardie giurate, ha voluto sottolineare la grande professionalità e disponibiltà dei vigilantes della Metronotte Ruvo di Puglia che hanno consentito e consentono ogni giorno di offrire un servizio di vigilanza reale ed efficace sia nei centri abitati dove l'istituto è presente sia in un ambiente difficlie e sconfinato, come quello murgiano, una terra di nessuno, dove si muovono praticamente indisturbate bande di delinquenti di questo tipo.

Un grande aiuto viene oggi offerto dalla tecnologia, la videosorveglianza da remoto, che consente la sorveglianza costante e in tempo reale di obiettivi sensibili, tecnologia in cui l'istituto Metronotte Ruvo ha profondamete creduto e investito, con risultati che non sono mancati.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • jagorione ha scritto il 08 aprile 2012 alle 07:14 :

    Monellacci razzisti colle dita nel naso, vergognatevi! Rivergognatevi! Vergognaetvi ancora! E ringraziate chi sapete, se abbiamo ospiti a pioggia, gocce d'ogni dimensione, colore e qualità; ripeto, OGNI, non solo buoni. Rispondi a jagorione

  • donmingo ha scritto il 07 aprile 2012 alle 12:21 :

    ......complimenti a tutti coloro che hanno operato! Peccato che fra qualche giorno uscirà fuori "dall'albergo" sito in via Andria a Trani!!!!!!!!!!! Rispondi a donmingo

  • mistero90 ha scritto il 07 aprile 2012 alle 08:45 :

    che pekkato che nn e rimasto folgorato. che schifo vorrei di nuovo la legge del taglione altro che galera.scandaloso solo in italia certe cose. Rispondi a mistero90