Cinema di casa nostra

Ecco “Bella di papà”, il cortometraggio girato tra le vie di Ruvo

Una commedia girata dal regista Enzo Piglionica. Tra i protagonisti Giorgio Colangeli, Nicola Nocella, Ivana Lotito e Nicola Vero. Una produzione di “Abbinante Produzioni” e della “Vertigo Imaging”.

Cultura
Ruvo di Puglia domenica 13 ottobre 2013
di Francesca Elicio
Presentazione "Bella di papà"
Presentazione "Bella di papà" © RuvoLive.it

Standing ovation per la presentazione di “Bella di papà”, l’ultimo cortometraggio realizzato da Enzo Piglionica scritto con la collaborazione dell’attore Nicola Nocella.
Il cortometraggio, vede tra i protagonisti Giorgio Colangeli, Ivana Lotito e Nicola Vero con la produzione di “Abbinante Produzioni” e della “Vertigo Imaging”.

La trama.
È il giorno del matrimonio di Enrica (Ivana Lotito) e Filippo (Nicola Nocella). In chiesa tutti i parenti aspettano l’arrivo della sposa, cercando di ingannare il tempo e il caldo soffocante, accompagnato dal frinire delle cicale.
Filippo è nervosissimo e il suo testimone (Nicola Vero) cerca di rassicurarlo. Finalmente la sposa arriva, accompagnata trionfalmente da suo padre (Giorgio Colangeli), attraverso le panche della chiesa. Ma è un attimo.
Enrica ci ripensa e scappa, lasciando sull’altare Filippo sbalordito come tutti quanti. Il papà di Enrica e Filippo cercheranno di parlare con Enrica, che nel frattempo si è barricata nel bagno della sacrestia, dando vita ad uno scontro esilarante tra genero e suocero in attesa del colpo di scena.
Molto entusiasta,il produttore Daniele Abbinante, nonché anche attore nel ruolo del celebrante, che ammette che è la sua prima esperienza nel campo della cinematografia in quanto ha sempre e solo lavorato nel campo della musica.

Il regista Enzo Piglionica e l’attore Nicola Nocella da subito si sono definiti “due pazzi” che insieme fanno scintille. Quando infatti hanno creato il corto, hanno da subito pensato ai volti di Ivana Lotito e Giorgio Colangeli senza permettere ai due di poter rifiutare.
Non sono mancati i ringraziamenti a tutti coloro che hanno partecipato nel ruolo di comparse e che hanno lavorato per la realizzazione del progetto. Un ringraziamento particolare però va a Ruvo di Puglia, che ha ospitato il cortometraggio, e soprattutto agli sponsor che hanno finanziato il progetto.
Vediamo però cosa gli attori ne pensano di questo progetto.

Ma se i protagonisti dovessero raccontare questo corto con un aggettivo, come lo descriverebbero?
Giorgio Colangeli: per me è una commedia etnica. Vi è infatti raccontato un tipico matrimonio del sud, dove però la cultura e la tradizione si mescolano con innovazione.
Ivana Lotito:  Io lo definirei scanzonato e massacrante.
Nicola Nocella: Per me invece è inaspettato, dall’inizio alla fine.

Come è già noto, Ivana e Nicola sono originari di Corato, paese limitrofo a Ruvo di Puglia. Cosa vuol dire tornare alle proprie origini per voi?
Ivana Lotito: Io credo che questo sia un atto coraggioso per la forza di intraprendere questa cosa. Mi sono sentita onorata di far parte di questo cast, perché mi hanno subito fatta sentire in famiglia. E’ importante però far notare che se queste cose accadono è solo perché bisogna ringraziare la volontà dei singoli, che credono in questi progetti.
Nicola Nocella: Abbiamo girato il cortometraggio a Ruvo perché ci ha ospitati sin da subito. Siamo contenti di aver girato in questo paese, ma diciamo che è stata una semplice coincidenza. Purtroppo per la realizzazione di questo corto non abbiamo goduto di nessun tipo di finanziamento, ma siamo comunque estremamente propositivi. Non abbiamo voluto rappresentare la realtà di Ruvo di Puglia, ma quella di un ipotetico sud. La Puglia infatti ne viene fuori per bellezza, ma non per linguaggio.

Avete progetti per il futuro? Cosa vi aspettate dopo la realizzazione del cortometraggio?
Ivana Lotito: Io spero vivamente di lavorare di nuovo con questo cast, perché mi sono trovata veramente a mio agio.
Giorgio Colangeli: Diciamo che adesso stiamo pensando ad una piccola serie. Mi auguro vivamente di ripetere questo tipo di progetto e soprattutto di ripeterlo a Ruvo di Puglia. Questa è una esperienza di grande passione, calore e simpatia, che è molto utile quando i soldi sono pochi. Amo particolarmente i cortometraggi perché mi avvicinano alla mia più grande passione ovvero il teatro.

Lascia il tuo commento
commenti