Diocesi Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi

Settimana Santa, gli orientamenti del vescovo Cornacchia sulle celebrazioni. Sospese le processioni

Anche quest'anno, a causa del perdurare della pandemia da coronavirus, non si svolgeranno le processioni. Incoraggiata la partecipazione in presenza alle celebrazioni, purché si rispettino le norme di sicurezza antiCovid

Attualità
Ruvo di Puglia giovedì 18 marzo 2021
di La Redazione
Processione degli Otto Santi
Processione degli Otto Santi © RuvoLive.it

Dal 15 marzo al 6 aprile, la Puglia è in zona rossa: conformemente a quanto indicato dalla Conferenza episcopale italiana, è possibile seguire le Celebrazioni eucaristiche rispettando le norme di sicurezza antiCovid applicate all'interno degli edifici di culto nonché munirsi di autocertificazione per gli spostamenti casa-chiesa.

Anche quest'anno, durante la Settimana Santa non si svolgeranno processioni. A proposito delle ritualità da osservare in questo periodo, il vescovo Domenico Cornacchia ha dato indicazioni in una nota. 

«Carissimi presbiteri, diaconi, consacrati e fedeli tutti,

in tempi eccezionali di crisi, come quelli che stiamo vivendo per il perdurare della pandemia, occorrono direttive chiare e comportamenti prudenti affinché le celebrazioni liturgiche possano svolgersi con la partecipazione attiva e orante del popolo di Dio, nel rispetto della salvaguardia della salute e di quanto richiesto dalle autorità responsabili del bene comune.

Pertanto, in vista delle prossime celebrazioni pasquali, tenuto conto della Nota della Congregazione per il Culto divino e la disciplina dei Sacramenti, del 17 febbraio u.s., e degli Orientamenti per la Settimana Santa promulgati dalla Presidenza della Conferenza Episcopale Italiana, il 24 febbraio u.s., consultato l’Ufficio diocesano per la Liturgia e sentito il Collegio dei Consultori dispongo quanto segue:

  1.  nella Domenica delle Palme, in tutte le parrocchie, per la Commemorazione dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme, con la benedizione dei rami d’ulivo, si adotterà la seconda forma prevista dal Messale Romano.
    Considerato il numero ristretto dei fedeli che possono partecipare alla S. Messa, se lo si ritiene opportuno, sarà possibile ripetere la benedizione dei rami d’ulivo nelle altre celebrazioni di Domenica 28 marzo. Durante la celebrazione si faccia attenzione che non ci sia consegna o scambio di rami da mano a mano.
  2. La S. Messa crismale è rinviata a sabato 24 aprile p.v., in coincidenza con la chiusura della Visita Pastorale, così da consentire la piena partecipazione di presbiteri e laici.
  3. Il Giovedì Santo, nella Messa vespertina della “Cena del Signore”, si omette la lavanda dei piedi. Al termine della celebrazione, dopo un momento di Adorazione, l’Eucaristia viene riposta nel Tabernacolo, dove è custodita solitamente.
  4. Il Venerdì Santo si celebri la preghiera delle Liturgia delle Ore al mattino, in un orario che favorisca la partecipazione dei fedeli. Durante la Commemorazione della Passione del Signore, l’atto di adorazione della Croce mediante il bacio sia limitato al solo presidente della celebrazione; gli altri ministri e fedeli potranno avvicinarsi per fare una riverenza.
  5. Il Sabato Santo si celebri al mattino la Liturgia delle Ore e, per tutta la giornata, i sacerdoti rimangano a disposizione per le confessioni.
  6. La Veglia pasquale potrà essere celebrata in tutte le sue parti come previsto dal rito. Si stabilisca di dare inizio alla Veglia non oltre le ore 20.00.
  7. Riguardo l’uso dei social media, va riconosciuto che i mezzi della comunicazione hanno molto aiutato i pastori a offrire sostegno e vicinanza alle loro comunità durante la pandemia. Tuttavia, nessuna trasmissione è equiparabile alla partecipazione personale all’Eucaristia, né può sostituirla. Il Dio incarnato, infatti, si è consegnato a noi non in modo virtuale, ma realmente, dicendo: “Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui” (6, 56) (Cfr. Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Torniamo con gioia all’Eucarestia, Lettera approvata da papa Francesco il 3 settembre u.s.). Da qui la necessità di coltivare il contatto fisico con il Signore.
    Pertanto, accogliendo i suggerimenti della Cei, «si esortino i fedeli alla partecipazione in presenza alle celebrazioni liturgiche nel rispetto dei decreti governativi riguardanti gli spostamenti sul territorio e delle misure precauzionali», mentre si invitino quanti sono impossibilitati a frequentare la propria chiesa a seguire gli appuntamenti liturgici proposti dai canali televisivi.
  8. Come lo scorso anno, sono sospese le processioni e le esposizioni delle statue dei misteri della Settimana Santa.

Grato per il vostro prezioso servizio pastorale, vi assicuro il mio costante ricordo nella preghiera».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 19 marzo 2021 alle 17:14 :

    Ormai Vescovi invece di aiutarci a ricordare il significato della Pasqua si preoccupano piuttosto di ricordarci le norme per il Covid. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 19 marzo 2021 alle 08:27 :

    Chiudiamo le chiese per le Messe ma le apriamo come centri vaccinali (come proposto da un parroco a Corato). Qualcuno vuole cambiare la ragione sociale della Chiesa. Trasformarla in una Onlus caritatevole o sanitaria. Rispondi a Franco

  • Graziano ha scritto il 18 marzo 2021 alle 13:50 :

    Sospese tutte le processioni, tranne quelle laiche, all'ingresso dei supermercati. E a Pasqua ne vedremo tante. Rispondi a Graziano

  • Maria P. ha scritto il 18 marzo 2021 alle 10:33 :

    La cosa strana è che non solo vengono recepite in toto le restrizioni dei vari Dcpm ma che addirittura le si peggiorino. Siamo andati in chiesa nello scorso lockdown e dovevano stare separati perfino i congiunti. C'è voluto quasi un anno per capire quanto fosse inutile. Rispondi a Maria P.

    Marina Ceci ha scritto il 18 marzo 2021 alle 11:18 :

    Non aver ancora capito a Maggio 2021 che gli sforzi fatti non solo erano necessari ma anche ragionevoli (vista una banale pandemia in corso) il lo reputo gravissimo. Rispondi a Marina Ceci

    Maria P. ha scritto il 18 marzo 2021 alle 12:42 :

    Sforzi "necessari"? Fin qui si sono rivelati inutili o perfino dannosi visto che siamo al punto di prima e peggio. Rispondi a Maria P.

    Maria P. ha scritto il 19 marzo 2021 alle 08:25 :

    Tana liberi tutti? Ma se avevano promesso che il vaccino ci avrebbe liberato e invece siamo tutti reclusi, anche quelli che hanno ricevuto la seconda dose. Evidentemente qualcuno lavora per prolungare lo stato di pandemia e il suo potere.

    Marina Ceci ha scritto il 18 marzo 2021 alle 16:08 :

    Un tana libera tutti avrebbe reso la situazione apocalittica. E' bene che questo lo si capisca finalmente. Forse non e' chiaro che senza restrizioni saremmo andati incontro a una instabilita' sociale devastante, con conseguenza drammatiche per le esistenti e future generazioni. La statistica, l'economia, la storia e, soprattutto, la scienza hanno salvato milioni di morti. Mi pare di capire che questo non sia ancora stato assimilato.

    Marco ha scritto il 18 marzo 2021 alle 11:16 :

    Per fortuna c'è stata una retromarcia anche sulle Messe in streaming, una vera banalizzazione se non una dissacrazione. Si ascoltava la Messa dal divano di casa in tempo di lockdown, magari mentre si faceva altro. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 18 marzo 2021 alle 09:14 :

    In pratica dopo il Natale ci cancellano anche la Pasqua. E viene modificato il rito non con un Concilio, come sarebbe stato necessario in altri secoli, ma semplicemente per adeguamento ad un Dcpm. Rispondi a Franco

    biagio anselmi ha scritto il 18 marzo 2021 alle 17:06 :

    le ricordo che non siamo in una teocrazia. e che anche la comunità credente e religiosa deve adeguarsi ed anzi osservare ossequiosamente le leggi statali. le festività, le celebrazioni, i riti che le sono tanto cari non sono stati aboliti ma solo sospesi. chissà che quando si potranno di nuovo praticare, presto ci si augura, non lo si faccia con una maggiore consapevolezza e devozione. Rispondi a biagio anselmi

    Marina Ceci ha scritto il 18 marzo 2021 alle 11:20 :

    E non le sembra la cosa piu' ragionevole infatti? Rispondi a Marina Ceci

    Franco ha scritto il 18 marzo 2021 alle 13:48 :

    Bisogna vedere qual'e' il significato che dai alla parola ragionevole. Non è univoco. Rispondi a Franco

    Marina Ceci ha scritto il 18 marzo 2021 alle 16:11 :

    Ma siamo o no in una pandemia, scusi? Il Concilio di cui parla lei, se ufficiale, non solo non si fa per questi eventi, ma non e' neanche auspicabile. Se invece parla di un consesso di religiosi che decidono il da farsi, beh suppongo ci sia stato a livello episcopale. O anche supponendo non ci sia stato, il Papa ha quel piccolo ma fondamentale diritto di essere un monarca assoluto a cui e' dato potere di motu proprio.