Le dichiarazioni del presidente Savino Montaruli

Contributi agli ambulanti, approvata la convenzione con Anci e Unioncamere

Accede chi dimostra di aver fatto registrare un calo del fatturato annuo nel periodo tra il 1° gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020 pari o superiore al 50% rispetto al fatturato annuo dello stesso periodo del 2019

Attualità
Ruvo di Puglia sabato 19 giugno 2021
di La Redazione
Mercato settimanale a Ruvo di Puglia
Mercato settimanale a Ruvo di Puglia © RuvoLive.it

La Giunta regionale pugliese ha approvato lo schema di convenzione con Anci Puglia ed Unioncamere Puglia per l’erogazione dei fondi (4 milioni di euro) stanziati a sostegno degli ambulanti della Regione Puglia, con imprese attive da data antecedente al primo gennaio 2020 e che non devono aver cessato l’attività alla data del provvedimento di liquidazione del contributo oggetto del bando che sarà emanato.

Le imprese ambulanti ammesse alla partecipazione al bando ed alla erogazione del contributo devono avere la loro sede nel territorio della Regione Puglia e devono dimostrare di aver fatto registrare un calo del fatturato annuo nel periodo ricompreso tra il primo gennaio 2020 ed il 31 dicembre 2020 pari o superiore al 50% rispetto al fatturato annuo dello stesso periodo dell’anno 2019.

A divulgare l’informazione dell’avvenuta approvazione del provvedimento il presidente CasAmbulanti, Savino Montaruli, che ha aggiunto: «Finalmente si sblocca un provvedimento atteso da dicembre scorso, che ci ha visti protagonisti, in un’intesa tra tutte le associazioni di rappresentanza regionali del settore commercio su aree pubbliche, di continue e frequenti interlocuzioni con l’assessore regionale Alessandro Delli Noci e i dirigenti degli uffici regionali preposti».

«Un provvedimento atteso che ora si tramuterà in partecipazione al bando e la conseguente erogazione agli aventi diritto del contributo, che è a fondo perduto. Un primo passaggio che sicuramente non è per nulla esaustivo ma sicuramente un primo segnale di attenzione verso la categoria degli ambulanti. Abbiamo fatto in modo che, elevando l’indice percentuale delle perdite di fatturato, si andasse incontro alla categoria dei cosiddetti fieristi che più di tutti hanno fatto registrare le perdite dovute ad un anno e mezzo di fermo assoluto delle attività», ha concluso Montaruli di CasAmbulanti.

Lascia il tuo commento
commenti