La decisione

Scuola, la Prefettura conferma il doppio turno alle superiori: «Ingressi alle 8 e alle 9.40»

La misura è valida fino al 31 dicembre negli istituti secondari di secondo grado dell'area metropolitana di Bari. Ora sarà fondamentale capire l'impatto di questa decisione sugli istituti superiori cittadini

Attualità
Ruvo di Puglia domenica 12 settembre 2021
di La Redazione
Studentessa alle scuole superiori
Studentessa alle scuole superiori © Unsplash

Dopo la proposta dei giorni scorsi, ora arriva anche il decreto: fino al 31 dicembre negli istituti secondari di secondo grado dell'area metropolitana di Bari sarà predisposto uno scaglionamento degli orari di ingresso e uscita con due turni a distanza di 100 minuti: il 75% degli studenti comincerà le lezioni alle 8 e il restante 25% alle 9.40.

La Prefettura di Bari ha stilato un documento che regolamenta l'avvio delle lezioni in presenza per il 100% dei 68.218 studenti che frequentano le 67 scuole superiori di Bari e provincia su complessivi 130 plessi.

Di questi, 21.324 frequentano le 20 scuole che hanno sede a Bari città. L'analisi coordinata dalla Prefettura con Regione, Città metropolitana, Ufficio scolastico e aziende di trasporto ha evidenziato che la mobilità studentesca riguarda circa il 50% degli studenti (il 60% riguarda la mobilità urbana e il 40% quella extraurbana). Per garantire il limite di riempimento dei mezzi stabilito dalle norme Covid all'80%, si è reso necessario lo scaglionamento degli orari con contestuale aumento delle corse (fino a 250 mezzi in più) con l'obiettivo, si legge nel provvedimento firmato dalla prefetta Antonia Bellomo, di «contemperare esigenze diverse: da un lato il diritto allo studio, garantendo la fruizione della didattica in presenza 100% degli studenti dell'istituzione scolastica di secondo grado, dall'altro la tutela della salute collettiva, assicurando un livello di servizi di trasporto pubblico locale adeguato a soddisfare la domanda in condizioni di massima sicurezza e nel pieno rispetto dei limiti previsti di riempimento dei mezzi». Ora sarà fondamentale capire l'impatto di questa decisioni sugli istituti superiori cittadini.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 13 settembre 2021 alle 08:43 :

    Presentato come l'uovo di Colombo ben presto si rivelerà per quello che è: un inutile provvedimento spot. Rispondi a Maria P.