L'appello

Assalto Cgil, solidarietà della Cdal alle sezioni diocesane: «Si sciolgano associazioni neofasciste»

​«Nella nostra Costituzione è presente il divieto di qualsiasi forma di riorganizzazione del partito fascista. La nostra fede ha a che fare con l’intelligenza della relazione e dell’incontro»

Attualità
Ruvo di Puglia martedì 12 ottobre 2021
di La Redazione
La sede della Cgil a Ruvo di Puglia
La sede della Cgil a Ruvo di Puglia © Cgil Ruvo di Puglia

In una nota, la Consulta diocesana delle Aggregazioni Laicali condanna «fermamente il violento, ingiustificato attacco alla sede della Cgil romana di sabato scorso ed esprime solidarietà e vicinanza alle realtà sindacali della Cgil locale, in particolare quelle site nelle quattro città della diocesi. Quanto è successo ha il sapore amaro e terribile di scene a cui mai avremmo pensato di assistere, specialmente in un tempo in cui ci è richiesto con responsabilità di fare fronte comune nella difficile gestione delle emergenze. Invece l’esasperazione dei toni, delle dichiarazioni, delle manifestazioni di dissenso, alimentano un clima ostile, brutale, privo di dialogo e di buonsenso. 

Ribadiamo a gran voce, se mai ce ne fosse bisogno, che le associazioni e i movimenti cattolici che rappresentiamo ripudiano ogni forma di fascismo, vecchia e nuova e stigmatizzano ogni tipo di violenza, di per sé ottusa, ignorante, gratuita. Il nostro richiamo è alla Costituzione Italiana, risultato di un lavoro sinergico tra anime differenti, fedi e linee di pensiero distanti tra loro che, in un momento storico di ricominciamento molto simile a questo, individuarono insieme i presupposti fondamentali del vivere civile nel nostro Paese e garantirono il rispetto di una libertà che non prescinde da tutto e tutti, ma tutto e tutti comprende, valorizza, riequilibra.

Proprio nella nostra Costituzione è presente, non a caso, il divieto di qualsiasi forma di riorganizzazione del partito fascista. Auspichiamo dunque l’immediato scioglimento di ogni esistente organizzazione che si ispiri nel linguaggio, nelle azioni, nelle idee a quel modello. Dette organizzazioni, più volte, hanno esternato riferimenti a concetti quali Dio, patria e famiglia che, a loro dire, difendono; da credenti, riteniamo ciò in assoluta, stridente contraddizione con la natura e la violenza che caratterizza tali gruppi e formazioni. La nostra fede ha a che fare con l’intelligenza della relazione e dell’incontro, non con la follia dei muri (ideologici e reali) e degli assalti punitivi».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giuseppe Greco ha scritto il 14 ottobre 2021 alle 12:09 :

    Una cosa è protestare, altra è entrare in una sede di un sindacato e devastare. Poi chi pensa che la fede non implichi l'espressione del proprio essere cittadini anche con la politica, è fuori come un balcone. Rispondi a Giuseppe Greco

  • Anonimo Veneziano ha scritto il 13 ottobre 2021 alle 06:47 :

    È come la mettiamo con i no TAV che fanno parte di altrl partiti politici e sono anni che distruggono i cantieri ed altro? Per non parlare poi di aderenti a quel partito politico che hanno protestato e danneggiato per la posa del gasdotto a Melendugno? Ora cari amici cattolici Gesù insegnava che chi non ha mai peccato può scagliare la prima pietra per colpire la peccatrice condannata a morte.Certamente voi non potrete scagliare nessuna pietra perché attualmente la chiesa sta vivendo momenti troppo bui. Rispondi a Anonimo Veneziano

  • Uomo nero ha scritto il 13 ottobre 2021 alle 05:20 :

    Buon giorno.Se parlate a nome delle associazioni diocesane mi sa tanto che il vostro articolo sia fuori luogo.A prescindere la mia ferma condanna di quando è successo sabato scorso a Roma, Gesù insegnava che bisogna perdonare sempre il prossimo porgendo anche l'altra guancia.E' vero che la costituzione vieta le organizzazioni di tipo fascista ma secondo me tale articolo di legge è interpretato in modo errato.In un paese democratico devono essere vietate organizzazioni fasciste è comuniste perché sono due facce della stessa medaglia.Ora con tutto il rispetto cari amici diocesani pensate al bene delle anime è lasciate perdere la politica che è un altra cosa.Saluti. Rispondi a Uomo nero

    Pippo ha scritto il 13 ottobre 2021 alle 08:38 :

    Forse non avete capito il significato della prima parte dellacostituzione art.1 Repubblica democratica ( fondata sul lavoro ) art 2 ,diritti inviolabili dell'uomo""doveri inderogabili di solidarietà,art . 3 uguaglianza davanti alla legge "" pari dignità " art 4 Diritto al lavoro ,capite non volete capire con il grim pass ,cosa fanno ???? Rispondi a Pippo

    Franco ha scritto il 13 ottobre 2021 alle 08:49 :

    Più che grimpass è un Green Pass....ticcio. Rispondi a Franco