Riaperta la misura straordinaria “Custodiamo le imprese”

Covid, in arrivo nuovi ristori per le imprese. Beneficiari anche bar e ristoranti

​La domanda deve essere presentata entro le 16 del 28 febbraio 2022. L'assessore Delli Noci: «Tutte le categorie interessate sfruttino questa opportunità che non potrà essere più riproposta»

Attualità
Ruvo di Puglia sabato 15 gennaio 2022
di La Redazione
Un bar al tempo del Covid
Un bar al tempo del Covid © Unsplash

Riaperta la misura straordinaria “Custodiamo le imprese”. Con una dotazione di oltre 15,482 milioni di euro offre alle imprese micro, piccole e medie della Puglia, chiuse per decreto nel corso del 2021, un ristoro, cioè una sovvenzione diretta finalizzata a compensare la riduzione di ricavi dovuti all’emergenza sanitaria. La misura sarà aperta sino al 28 febbraio 2022. A stabilirlo la determina sottoscritta dal direttore generale di Puglia Sviluppo, Antonio De Vito, e in pubblicazione domani sul Bollettino ufficiale della Regione Puglia. Lo strumento di agevolazione è gestito infatti dalla Società in house e Finanziaria regionale in qualità di organismo delegato.
Chiusa il 9 dicembre del 2021 con la presentazione di 952 domande di ristoro, Custodiamo le imprese – che è, lo ricordiamo, una misura straordinaria legata al quadro temporaneo degli aiuti concessi dall’Unione Europea per il Covid - riapre con una novità rispetto alla precedente edizione: l’apertura anche a bar e ristoranti (codici Ateco 56.30.00 e 56.10.11), oltre che a tutte le altre categorie di commercio al dettaglio e dei servizi.

A spiegarne le motivazioni l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci: «Riapriamo questo avviso a sostegno del sistema produttivo pugliese e lo facciamo con una marcia in più. Abbiamo ritenuto fondamentale allargare le possibilità di ristoro offerte dalla misura anche agli esercizi impegnati nella “Ristorazione con somministrazione” e ai “Bar e altri esercizi simili senza cucina”. 
Queste attività durante i periodi di chiusura imposte per decreto, hanno potuto svolgere solo attività di asporto, con una riduzione considerevole nel fatturato. Bar e ristoranti si aggiungono dunque a tutti gli altri esercizi già inclusi nella precedente edizione dell’avviso. Dunque centri di estetica, parrucchieri, commercianti e ambulanti, attività sportive e di divertimento, varie tipologie di servizi tra cui asili nido e assistenza per disabili potranno chiedere i ristori previsti da questo avviso che - lo ricordiamo - possono arrivare fino ai 25mila euro. È importante che tutte le categorie interessate sfruttino questa opportunità che resterà aperta fino al 28 febbraio e non potrà essere più riproposta per restare nei tempi del quadro temporaneo degli aiuti concessi dall’Unione Europea (Temporary Framework). La riapertura di Custodiamo le imprese e la proroga di Microprestito Circolante mettono a disposizione delle aziende pugliesi più di 55 milioni di euro, un impegno concreto da parte della Regione Puglia e di Puglia Sviluppo ma soprattutto un supporto tangibile a sostegno della ripresa».

Come funziona lo strumento. La misura straordinaria di aiuto Custodiamo le imprese si rivolge alle imprese micro, piccole e medie con una sede operativa in Puglia, costrette alla chiusura per decreto nel corso del 2021. Potranno partecipare all’avviso le imprese che non abbiano ottenuto ulteriori aiuti specifici da parte della Regione Puglia tra i quali quelli previsti da Microprestito (edizioni 2020 e 2021) e Titolo II Circolante (Capo 3 e Capo 6) dalle misure Custodiamo il Turismo in Puglia 2.0 e Custodiamo la Cultura in Puglia 2.0.
L’impresa deve aver conseguito, nel periodo 1° luglio 2020-30 giugno 2021, un fatturato che non sia superiore al 70% di quello conseguito nel periodo 1° luglio 2019-30 giugno 2020. In sostanza dal confronto tra i due periodi deve risultare un decremento almeno pari al 30%. L’agevolazione consiste in un ristoro (a fondo perduto) che può arrivare fino a 25mila euro. 
La domanda deve essere presentata attraverso il portale custodiamoleimprese.regione.puglia.it entro le 16 del 28 febbraio 2022. La misura è legata al quadro temporaneo degli aiuti concessi dall’Unione Europea per l’emergenza sanitaria da Covid 19.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Rosanna Prisco ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 16:54 :

    I ristori? E a che servono se le persone per colpa delle regole imposte non vanno né in pizzeria né al bar....non è con 4 spiccioli che risolvete il problema Rispondi a Rosanna Prisco

  • Graziano ha scritto il 15 gennaio 2022 alle 09:01 :

    Avevano i ristori? Intanto hanno già chiuso 30 mila ristoranti e bar e 50 mila potrebbero farlo entro l'estate. Rispondi a Graziano