Ieri pomeriggio la carovana ha attraversato le nostre città

“Apeggiando per l’Italia”, ovvero «fare del bene col sorriso sulle labbra»

​Il pluricampione di handbike Luca Mazzone e altri ciclisti hanno accompagnato i “ragazzi” dell’associazione Solidape in una delle tappe pugliesi del viaggio lungo la Penisola a bordo di alcune Apecar

Attualità
Ruvo di Puglia giovedì 13 settembre 2018
di Raffaella Anna Dell'Aere (riprese e montaggio Francesco De Marinis)
Apeggiando per l'Italia
Apeggiando per l'Italia © Francesco De Marinis

«Fare del bene col sorriso sulle labbra». È il sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma a riassumere in poche parole l’impresa dei “ragazzi” dell’associazione Solidape che, dopo gli ottomila chilometri dal Veneto a Capo Nord percorsi nel 2016, sono in questi giorni nel bel mezzo della loro nuova avventura.

“Apeggiando per l’Italia” è infatti l’iniziativa solidale nata per raccogliere fondi da donare ad associazioni di beneficenza, che vede un gruppo di amici della provincia di Venezia attraversare tutta la Penisola a bordo di alcuni coloratissimi Apecar.

Ieri l’allegra carovana ha attraversato le nostre città, partendo da Ruvo di Puglia e sostando a Terlizzi, Molfetta e Giovinazzo (con degustazione di prosecco di Valdobbiadene), prima di proseguire verso sud, in direzione Torre Santa Sabina, in provincia di Brindisi. Ad accompagnarla, una “scorta” d’eccezione, composta dal pluricampione di handbike Luca Mazzone, a bordo del suo immancabile bolide, e da altri ciclisti, normodotati e non. «Mi hanno invitato a fare un tratto di strada con loro – ci ha raccontato Mazzone – nei paesi dove mi alleno, dove risiedo e sono nato».

Detto fatto.

Lascia il tuo commento
commenti