La storia

La generosità del signor Cantatore “risuona” da oggi nella chiesa del Redentore

L’ex dirigente d’azienda morto nel 2016, nato a Ruvo e vissuto a Bologna, ha donato una cospicua somma di denaro ​alla parrocchia per l’acquisto del nuovo organo, che verrà inaugurato questo pomeriggio

Attualità
Ruvo di Puglia domenica 07 ottobre 2018
di La Redazione
Domenico Cantatore al momento della donazione per “La casa delle donne”
Domenico Cantatore al momento della donazione per “La casa delle donne” © www.casadonne.it

Il signor Domenico Cantatore, morto nel 2016, era un dirigente d’azienda in pensione, originario di Ruvo ma residente a Bologna da quando aveva un anno.

Nel maggio 2010 donó un milione di euro a “La casa delle donne”, un’associazione che si batte contro la violenza di genere. Il gesto non passò inosservato. Molti giornali, tra cui il noto quotidiano cittadino Il Resto del Carlino dedicò alla vicenda un articolo, dando ampio risalto alla notizia.

Il signor Cantatore, come tutte le persone generose e sensibili, «non vuole elogi», scrisse il giornalista. Purtroppo di donne maltrattate si parla soltanto quando si verificano aggressioni che finiscono sui giornali. «Ma episodi di violenza, anche tra le mura domestiche, si verificano tutti i giorni», disse all’epoca il benefattore; come del resto confermano purtroppo le notizie che apprendiamo dai media quotidianamente. La somma è servita per comprare un appartamento in cui ospitare le vittime insieme ai loro figli.

Ma questa - seppur la più eclatante - non fu l’unica opera di beneficenza dell’uomo.

Tra le altre, vi è infatti anche una cospicua donazione alla parrocchia del Santissimo Redentore di Ruvo, sua città di origine, per l’acquisto di un nuovo organo, che è stato poi realizzato dalla ditta Zanin di Udine.

Lo strumento sarà inaugurato e benedetto dal vescovo della nostra Diocesi monsignor Domenico Cornacchia proprio oggi pomeriggio alle 18.30 nel corso di una solenne concelebrazione eucaristica, a cui seguirà un concerto.

All’organo siederà la professoressa Grazia Salvatori, con l’intervento della corale polifonica “Michele Cantatore”.

Lascia il tuo commento
commenti