​La settimana delle celebrazioni si concluderà il 17 dicembre

“Project M” inaugura a Corato “Umana mente”

​La webserie dà il via al 70esimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, approvata e sottoscritta dall'assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948​

Attualità
Ruvo di Puglia lunedì 10 dicembre 2018
di La Redazione
La webserie “Project M”
La webserie “Project M” © n.c.

Inizia oggi a Corato “Umana mente”, la settimana di incontri ed eventi in occasione del 70esimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, approvata e sottoscritta dall'assemblea generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre del 1948. La settimana delle celebrazioni, che si concluderà il 17 dicembre, è stata organizzata da Interassociativo Rete Attiva di Corato, Presidio del Libro di Corato e Punto Pace Pax Christi.

Alle 19, nella sede del Corato Open Space di viale Ettore Fieramosca 169, sarà proiettata “Project M”, pluripremiata webserie sui diritti umani e la libertà d’espressione diretta dal regista ruvese Michele Pinto.

Inserita all’interno di una serata intitolata “Diritti umani a rischio? Riflessioni tra reale e surreale”, la proiezione sarà preceduta da una lettura scenica intitolata “La rabbia”: uno studio critico, con declamazione di versi e brani, sui diritti umani e la consapevolezza universale a cura degli allievi del Centro di Orientamento ed Educazione Teatrale, coordinati da Francesco Martinelli.

La webserie, scritta dal molfettese Francesco Tammacco, è un’opera coraggiosa, provocatoria e innovativa che narra di un mondo in cui il consumismo e la produzione più sfrenati diventano principi cardine su cui si basa tutta la società. Di conseguenza, spiriti ribelli ed irrazionali come gli artisti diventano di colpo pericolosi ed inutili e per questo incarcerati.

“Project M” sottolinea come l’arte, in ogni sua forma, sia elemento inalienabile della natura umana e strumento indispensabile per scardinare le gabbie del pensiero e tendere alla libertà e all’affermazione dell’individuo. Proprio per questo rappresenta il nemico principale della società tesa al consumismo e alla omologazione di massa, da mortificare sopprimere e scoraggiare. Col suo suggestivo impatto scenico e stilistico, costringe ad una riflessione doverosa e ad una presa di coscienza dell’attualità del vivere umano.

Con un cast formato da attori di provenienza teatrale e cinematografica come Isabella Ragno, Fabrizio Fallacara e lo stesso Francesco Tammacco, impreziosito dalla modella, attrice e produttrice cinese Xin Wang, “Project M” ha collezionato numerosi riconoscimenti, come il secondo posto a livello mondiale allo World Human Rights Awards, tenutosi a Bali a gennaio 2018, che premia i cortometraggi, le serie e gli attori che meglio hanno saputo focalizzare l’attenzione del pubblico sui temi dei diritti fondamentali dell’uomo.

Prodotta da Morpheus Ego, in collaborazione con il Carro Dei Comici, “Project M” è attualmente in concorso al Premio David di Donatello 2019 e, solo in quest’anno, ha ricevuto il Premio come Miglior Fantasy/Fantascienza al Tuscany Web Fest 2018, il riconoscimento per il miglior episodio pilota, a livello internazionale, del Caorle Film Festival 2018, ed è stato selezionato all’Asia Web Awards 2018.

Già premiato all’International Webseries Trophy per la migliore regia e la migliore sceneggiatura, dopo Ustica, Caorle, Seoul, ed Amburgo, il distopico lavoro filmico, tutto made in Puglia, ha trionfato ai Rome Web Awards 2017 (gli Oscar italiani del web), vincendo nove premi, tra cui miglior sceneggiatura (scritta da Tammacco) a livello assoluto, miglior cast, miglior prodotto di fantascienza. Ha inoltre ottenuto nominations all’International Online Webfest 2017 di Londra e all’Underground Sci-fi Film Fest di Monaco di Baviera dove Michele Pinto è stato l’unico regista italiano in gara. Con 12 nominations, ha rappresentato la regione Puglia al Roma Web Fest, organizzato in collaborazione con Siae, Mibact, Sky, Regione Lazio e Cinecittà.
Lascia il tuo commento
commenti