​All’indomani della mobilitazione che ha portato gli olivicoltori di Coldiretti dalla Puglia nella Capitale

Piano salvaolio, avviato il pressing sui parlamentari

Un confronto serrato per sostenere gli emendamenti al Decreto Semplificazione, fino a quando non saranno assunti e operativi, con responsabilità a livello regionale e nazionale

Attualità
Ruvo di Puglia giovedì 10 gennaio 2019
di La Redazione
Mobilitazione Salvaolio
Mobilitazione Salvaolio © Coldiretti Puglia

All’indomani della mobilitazione Salvaolio, che ha portato gli olivicoltori di Coldiretti dalla Puglia nella Capitale, è partito un confronto serrato con i gruppi parlamentari per sostenere gli emendamenti al Decreto Semplificazione, fino a quando non saranno assunti e operativi, con responsabilità a livello regionale e nazionale.

Il ministro Centinaio ha presentato gli emendamenti specificando che i parlamentari dovranno votarli e approvarli. Ha annunciato che farà nomi e cognomi di quanti riterranno le gelate pugliesi un argomento non prioritario.

«Per questo abbiamo avviato un pressing sui parlamentari, perché appoggino gli emendamenti», dichiara il presidente di Coldiretti Puglia Savino Muraglia. Oltre agli impegni sui danni da gelate, sull'emergenza Xylella e sulla lotta alle frodi nel piano salvaolio della Coldiretti «è stata accolta anche la proposta di interventi di sostegno dell’Ismea – aggiunge Muraglia - sui debiti bancari degli olivicoltori, come già fatto per il settore lattiero».

Nel 2018 la Puglia ha perso 317 milioni di euro di produzione lorda vendibile del settore oleario e oltre 1 milione di giornate risultano azzerate, mentre il settore olivicolo e l’intero indotto non sanno come andare avanti da gennaio a settembre sono stati importati 304 milioni di euro di olio dall’estero.

È forte la preoccupazione del moltiplicarsi di frodi e speculazioni, con olio di bassa qualità venduto come extravergine od olio straniero spacciato per italiano. Bisogna stringere le maglie della legislazione per difendere un prodotto simbolo del Made in Italy e della dieta mediterranea e togliere il segreto sulle importazioni di materie prime alimentari dall’estero, perché sapere chi sono gli importatori e quali alimenti importano rappresenta un elemento di trasparenza e indubbio vantaggio per i consumatori.

Lascia il tuo commento
commenti