Il flash mob

Ecco “la Ruvo che resiste”

Poco più di 100 cittadini, fra cui rappresentanti di istituzioni, partiti e associazioni impegnate nel sociale, hanno partecipato all’iniziativa “autoconvocata” a livello nazionale in oltre 280 comuni

Attualità
Ruvo di Puglia domenica 03 febbraio 2019
di Elena Albanese
L’Italia che resiste a Ruvo
L’Italia che resiste a Ruvo © RuvoLive.it

Sono stati poco più di 100 i cittadini ruvesi che ieri alle 14 hanno partecipato al flash mob “autoconvocatosi” in circa 280 comuni a livello nazionale “L’Italia che resiste”. Non tantissimi, in effetti (colpa della controra?), ma abbastanza per abbracciare in un girotondo la grande piazza Matteotti, la giostra e i cavalli della Maraviglia, e gridare, con la sola amplificazione di un megafono, il loro No convinto e civile «alle scelte inumane di chi vorrebbe lasciar morire in mare chi scappa dalla guerra, dalla fame e dalla povertà; di chi interrompe i percorsi di assistenza e integrazione; di chi istiga all'odio e alla xenofobia dimenticando gli storici valori di accoglienza e convivenza civile».

C’erano le istituzioni, con il sindaco Pasquale Chieco, la sua vice Monica Montaruli, l’assessore Monica Filograno e alcuni consiglieri comunali. Tra i presenti le suore salesiane dell’istituto Sacro Cuore, il coordinatore della Camera del Lavoro della Cgil Alessandro Pellegrini, la presidente dell’Azione cattolica diocesana Nunzia Di Terlizzi, militanti di Rifondazione comunista e il direttore di Luce e Vita Luigi Sparapano. C’erano poi i rappresentanti di molte associazioni culturali e impegnate nel sociale. Alcuni ragazzi sono arrivati da Corato, che non è riuscita a organizzare un momento analogo.

E mentre alcuni striscioni invitavano a “Restare umani” e inneggiavano contro Salvini e la Lega, un paio di bandiere della pace svolazzavano cercando di non piegarsi al vento insistente.

«Non vogliamo essere come quelli che in tempo di guerra hanno fatto finta di non vedere cosa stava accadendo», ha detto il consigliere Antonio Mazzone, prima di lasciare spazio a un minuto di silenzio, ad alcune testimonianze e all’applauso finale dedicato al sindaco di Riace Mimmo Lucano.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Valentina D. L. ha scritto il 03 febbraio 2019 alle 19:18 :

    Bravissimi facciamo entrare tutti i migranti così aumenteranno i naufragi e la criminalità farà sempre più soldi a palate, così come tutte le Coop. nate in seno algli amici di sinistra loro ricchi e i poveri ospiti sempre poveri. Complimenti!!! Rispondi a Valentina D. L.