Ieri l'incontro nella sede dell'Ascom Confcommercio

App, abbonamenti agevolati e card promozionali, ecco le possibili variazioni al piano parcheggi

Resta fermo il beneficio della sosta di cortesia gratuita in prossimità degli esercizi commerciali, ma si è pensato di rimettere in uso lo strumento di misurazione del tempo tipo “disco orario”​

Attualità
Ruvo di Puglia mercoledì 10 aprile 2019
di Irene Tedone
L'incontro di ieri nella sede dell'Ascom Confcommercio
L'incontro di ieri nella sede dell'Ascom Confcommercio © RuvoLive.it

Ieri sera, 9 aprile, nella sede dell’Ascom Confcommercio di Ruvo di Puglia, si è tenuto un incontro su un tema che nell’ultimo periodo è molto sentito e che coinvolge soprattutto la categoria dei commercianti.

All’invito del padrone di casa, il presidente Vito D’Ingeo, avente per oggetto il “concordamento di modifiche/integrazioni alla disciplina sul funzionamento delle aree di sosta veicolare a pagamento”, hanno risposto il sindaco Pasquale Chieco, il presidente del Consiglio comunale Michele Scardigno, il comandante della Polizia municipale Salvatore Berardi e un cospicuo numero di esercenti commerciali più o meno lambiti dalle “strisce blu”.

L’occasione è stata utile al primo cittadino, col supporto tecnico del comandante Berardi, per prospettare il quadro di aggiustamenti elaborato dopo il necessario periodo di rodaggio del servizio che, dal 2 gennaio scorso, ha visto l’avvio nelle strade del nostro paese.

L’amministrazione comunale, di concerto con i vertici dell’azienda concessionaria e prendendo spunto anche dai suggerimenti e dalle proposte lanciate da cittadini e associazioni, ha elaborato una serie di soluzioni armonizzanti un sistema che sin dagli albori è nato con la finalità di essere uno degli strumenti di “sostegno al commercio”.

Si parte con la rivalutazione degli abbonamenti con tariffe agevolate per i dipendenti di enti pubblici ovvero privati e di attività economiche in generale che hanno sede all’interno degli ambiti territoriali interessati dalla disciplina della sosta veicolare a pagamento.

Nello specifico, l’agevolazione tariffaria è stata pensata funzionalmente alle necessità lavorative del dipendente e dunque pari a 60 euro annui se questi utilizza l’auto nelle fasce orarie antimeridiane o pomeridiane, elevabile a 120 euro annui se per esigenze di lavoro utilizza le zone a pagamento in entrambe le fasce orarie. I beneficiari di questa agevolazione avranno la possibilità di parcheggiare, in quanto dipendenti di un'attività ricompresa in una maglia di strade predeterminata, in un ventaglio di vie a loro riservate.

Ulteriore novità è l’introduzione di strumenti tipo card o app telefoniche, che gli esercenti delle attività commerciali possono attivare per fidelizzare la clientela. La card, rilasciata dall’azienda concessionaria al costo di 4 euro (se con propria pubblicità 5 euro), andrebbe caricata dal commerciante a sue spese (con un credito tra il 10 e il 20% in più rispetto al corrispettivo pagato) e consegnata alla clientela per consentirle la sosta franca da pagamento in prossimità dell’attività.

Identica finalità di fidelizzazione della clientela avrà l’introduzione dell’app telefonica (senza costi aggiuntivi di commissione) che potrà essere avviata dal commerciante dal proprio esercizio senza necessità di recarsi ai parcometri, così esonerando i clienti dal pagamento della sosta della propria autovettura. Anche l’accredito di somme sull'app beneficerà di un bonus variabile tra il 10 e il 20% dell’importo versato.

Resta fermo il beneficio della sosta breve o di cortesia senza corresponsione di corrispettivo in prossimità degli esercizi commerciali (10 minuti al giorno e per veicolo), ma si è pensato di rimettere in uso lo strumento di misurazione del tempo tipo “disco orario”. Trattandosi, però, di un dispositivo che dovrà consentire anche la misurazione dei minuti, gli utilizzatori potranno servirsi solo di quegli strumenti loro forniti dagli esercenti stessi o, per loro conto, dalle associazioni di categoria che li rappresentano.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • MF 5700 ha scritto il 10 aprile 2019 alle 12:25 :

    le possibilità sono solo due:" tutto il paese strisce bianche, oppure tutto il paese strisce blu a 20 - 25 euro/anno; non ci saranno discriminazioni; COSTO ACCESSIBILE A TUTTI; introito (fatevi il conto); senza distinzione di zone, in quanto l'auto non serve per girare l'isolato, ma per recarsi lontano dalla propria abitazione e quindi per necessità; senza discussioni, scontri e litigi; allo stato attuale si rischia di venire in televisione per fatti di CRONACA a Ruvo di Puglia. Non serve complicare e rendere incomprensibile tante leggi e leggine. Rispondi a MF 5700

    Antonio Saccotelli ha scritto il 13 aprile 2019 alle 18:41 :

    PARLIAMO DELL' ABBONAMENTO COSTO € 500 PER I CITTADINI CHE RISIEDONO A CALENDANO E IN ESTREMA PERIFERIA, COSTRETTI PER LA NOTEVOLE DISTANZA A RECARSI IN CENTRO QUOTIDIANAMENTE PER LE COMPERE, VISITA MEDICA O SEMPLICE PASSEGGIATA LUNGO IL CORSO. TALE FASCIA E' ANCHE COSTITUITA DA ANZIANI - NON DISABILI MA CON PATOLOGIE CHE COMUNQUE INVALIDANO ANCHE PARZIALMENTE. SONO FORSE CITTADINI PRIVI DI OGNI CONSIDERAZIONE? SI PRIVILEGIANO TUTTI COLORO CHE ABITANO IN CENTRO CHE CON POCHI EURO HANNO OTTENUTO IL PRIVILEGIO DI PARCHEGGIARE COMODAMENTE SOTTO CASA, QUANDO INVECE PRIMA IL PARCHEGGIO ERA PER LORO UN VERO TORMENTO. SINDACO LA INVITO UNITAMENTE AI SUOI SOSTENITORI POLITICI DI RIVEDERE QUESTA ESTORSIONE IMMOTIVATA NEI CONFRONTI DI QUEI CITTADINI CONSIDERATI NON RUVESI MA FORESTIERI. GRAZIE Rispondi a Antonio Saccotelli