Ieri l'incontro tra "I cittadini delle strisce bianche" e i rappresentanti dell'Amministrazione comunale

Strisce blu, in arrivo agevolazioni per disabili, auto elettriche e medici di famiglia

Per usufruirne, dovranno essere forniti di apposito contrassegno rilasciato dall'azienda​ concessionaria ed esposto in maniera visibile all'interno del veicolo in sosta​

Attualità
Ruvo di Puglia venerdì 12 aprile 2019
di Irene Tedone
Le istanze de
Le istanze de "I cittadini delle strisce bianche" © Facebook

È da un po' di tempo che a Ruvo si parla a colori. Intendiamoci, nulla che ha a che fare con la primavera e i suoi arcobaleni. Tutt'altro.

I discorsi da oltre tre mesi sono monocorde o, per meglio dire, bicolore: blu di qua e bianco di là, anche se poi, di tanto in tanto e forse pure giustamente, a spezzare la monotonia cromatica argomentativa interviene il giallo e le polemiche, tanto per cambiare, incalzano.

Giovedì 11 aprile. Sala consiliare di Palazzo di città. Convenuti: una rappresentanza de "I cittadini delle strisce bianche", il sindaco Pasquale Chieco, il presidente del Consiglio comunale Michele Scardigno, il comandante della Polizia municipale Salvatore Berardi, la consigliera Pina Picciarelli. Oggetto? "The same", dicono gli inglesi. Rieccoci. Sul piatto della bilancia nuovamente strisce bianche e strisce blu.

Proviamo a fare il punto della situazione, partendo da un interrogativo. Dal 2 gennaio (giorno di avvio del piano di sosta veicolare a pagamento) a oggi, pesano più le ragioni del neo comitato delle strisce bianche o quelle delle istituzioni sostenitrici della bontà del pacchetto "sosta a pagamento" nato come servizio al cittadino e non come una pena capitale? Dal 2 gennaio, su quella vessata bilancia pesano di più gli svantaggi, gli inconvenienti (per tutti o solo per alcuni) oppure gli aspetti positivi di questa giostra colorata iniziano già a intravedersi e col tempo e gli opportuni aggiustamenti tutti potremo gioirne?

Sincerità per sincerità, bisogna ammettere che 90 giorni sono un po' pochi per azzardare un bilancio sulla positività o negatività assoluta di questo piano. Diciamo pure che nessuna opera, neppure la più maestosa, è nata perfetta ab initio. Bisogna sempre lavorarci, affinare, ritoccare, riaggiustare finché la soddisfazione sia di tutti o quasi.

L'amministrazione, effettivamente, dopo il necessario periodo di assestamento e col supporto tecnico della Polizia municipale nella persona del comandante Berardi, sta mettendo a punto tutti gli aggiustamenti opportuni di un piano a pagamento che, come ribadisce il Primo cittadino, è stato concepito nel 2017 su sollecitazione dei commercianti e a loro vantaggio. Acquietati gli animi dei dipendenti di enti pubblici e di aziende private con la previsione di abbonamenti agevolati (60 o 120 euro annui), tolto l'assillo del ticket di cortesia a chi vuole farsi un caffè al volo e ipotizzata l'introduzione di strumenti tipo card o app telefoniche a vantaggio esclusivo della clientela, l'incontro animato di ieri a palazzo di città ha mirato ad andare ulteriormente incontro alla cittadinanza.

Presa visione dei 7 punti dell'istanza dei cittadini delle strisce bianche e col favore dell'azienda concessionaria del servizio di gestione dei parcheggi a pagamento, si è giunti a ufficializzare altre agevolazioni. Innanzitutto quella nei confronti dei diversamente abili che così potranno parcheggiare franchi da pagamento negli stalli blu se in possesso di un apposito contrassegno fornito dall'azienda concessionaria e che sarà rilasciato all'esito di valutazione positiva sulla sussistenza di taluni requisiti.

La concessionaria si impegna inoltre a introdurre, in via sperimentale per il 2019, la gratuità tariffaria in favore delle auto elettriche in titolarità o uso dei soli residenti, dotate di contrassegno rilasciato dall'azienda ed esposto nel veicolo.

Ulteriore gratuità, anche questa sperimentale e della durata di due mesi eventualmente rinnovabile, riguarda i veicoli intestati ai medici di famiglia (inclusi i pediatri) in visita domiciliare d'urgenza. Tali veicoli, solo nei predetti interventi, dovranno essere accompagnati da un contrassegno personale ben visibile all'interno del mezzo.

Non ultima è la previsione di una rivisitazione del numero e della dislocazione degli stalli di sosta attualmente esistenti sulla base di un monitoraggio continuo che tenga conto anche dell'insieme degli aggiustamenti or ora apportati.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • saccotelli antonio ha scritto il 17 aprile 2019 alle 11:34 :

    non si rispetta la libera informazione - radiare alcuni commenti e conservarne altri. mai più - che delusione! Rispondi a saccotelli antonio

  • Mario Camelio De Benedittis ha scritto il 12 aprile 2019 alle 10:58 :

    Un plauso va al sindaco Chieco per aver approntato iniziative al piano parcheggi in favore di determinate categorie di cittadini (Diversamente abili e medici di famiglia). Rispondi a Mario Camelio De Benedittis