La nota

Ecomafie, escalation in Puglia

​Palma nera - secondo la Coldiretti - alla provincia di Bari, che rientra nella top ten della graduatoria che fotografa l'intensità del fenomeno. Invocato l’intervento del Ministro dell’Interno​​

Attualità
Ruvo di Puglia martedì 09 luglio 2019
di La Redazione
Furto di ulivi nelle campagne di Giovinazzo
Furto di ulivi nelle campagne di Giovinazzo © Nc

Furti di alberi secolari, di ulivi appena reimpiantati in area infetta da Xylella, di mezzi e prodotti agricoli, campagne trasformate in discariche a cielo aperto, oltre alla sofisticazione e all’italian sounding che danneggiano ortofrutta e olio made in Puglia. Il fenomeno delle ecomafie, delle agromafie e della criminalità in agricoltura è sempre più dilagante in Puglia, dove si assiste - denuncia Coldiretti - anche a una escalation di furti nelle campagne di mezzi agricoli, prodotti, fili di rame e tutto quanto garantisce il sano svolgimento dell’attività agricola nelle aree rurali. La Puglia è – secondo i dati dell’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare - una regione a forte rischio ed è al terzo posto della classifica nazionale, con un livello di infiltrazione criminale pari all’1,31%, preceduta solo da Calabria (2,55%) e Sicilia (2,08%). È emerso, tra l’altro, come il fenomeno delle agromafie, nel corso degli ultimi cinque anni, abbia accresciuto la propria intensità in particolar modo in Puglia (Bari: 1,39%; Taranto: 1,30%; Barletta-Andria- Trani: 1,27%).

Palma nera - secondo la Coldiretti - alla provincia di Bari, che rientra a pieno titolo nella top ten della graduatoria che fotografa l'intensità del fenomeno delle agromafie nelle province italiane. Si piazza al decimo posto, seguita a ruota da Taranto al 15esimo, la provincia di Barletta-Andria-Trani al 18esimo posto, Lecce al 28esimo, Brindisi e Foggia rispettivamente al 46esimo e 47esimo posto. I ruoli si invertono se a essere fotografato è l’indice di permeabilità delle agromafie che raggiunge 100 a Foggia, 66,80 a Brindisi, 44,75 nella Bat, 34,56 a Taranto, 30,75 a Bari e, infine, 25,94 a Lecce.

«In Puglia sono 6.057 i terreni sequestrati alle mafie, il 20,4% dei 29.689 sparsi in tutta Italia. La destinazione dei beni di provenienza mafiosa si presenta lunga e confusa. Sono poi numerosi i casi in cui alcuni beni sono di fatto ancora nella disponibilità dei soggetti mafiosi. Così vengono sprecati tra i 20 ed i 25 miliardi di euro per il mancato utilizzo dei beni confiscati e in Puglia tra l’1,9 e i 2,37 miliardi», denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. «Dopo il furto degli ulivi monumentali, per rivendere legna da ardere per pochi spiccioli o per abbellire ville private, l’ultimo baluardo delle bande criminali è costituito dal furto di piante resistenti di Favolosa (FS17) e Leccino appena piantumate che spariscono durante veri e propri raid notturni. Dopo anni di blocco produttivo a causa della Xylella e della burocrazia, gli agricoltori stanno timidamente iniziando a reimpiantare e c’è chi vigliaccamente sta togliendo nuovamente una speranza di futuro alle nostre imprese, rubando le piante appena piantumate. Il danno economico è risibile rispetto all’impatto psicologico su un olivicoltore che, dopo anni di attesa, vede andare in fumo in una notte il sogno di poter ricominciare a produrre», conclude il presidente Muraglia.

Per questo Coldiretti Puglia ha invocato l’intervento diretto del Ministro dell’Interno Salvini, perché le aree rurali sono drammaticamente esposte alla "stagionalità" delle attività criminose in campagna, dove squadre ben organizzate tagliano i ceppi dell’uva da vino a marzo e aprile, rubano l’uva da tavola da agosto ad ottobre, le mandorle a settembre, le ciliegie a maggio, rubano le olive da ottobre a dicembre, gli ortaggi tutto l’anno, dimostrando che alla base dei furti ci sono specifiche richieste di prodotti redditizi perché molto apprezzati dai mercati, rubano gli ulivi monumentali perché qualcuno evidentemente li ricerca.

Si tratta di una realtà insidiosa con l’innovazione tecnologica e i nuovi sistemi di produzione e distribuzione globali rendono sempre più pericolose le frodi agroalimentari che per questo vanno perseguite con nuovi sistemi di indagine e un aggiornamento delle norme penali. In questo contesto è importante realizzare la riforma dei reati in materia agroalimentare per aggiornare le norme attuali, risalenti anche agli inizi del 1900. Un obiettivo – conclude la Coldiretti - sostenuto dall'importante decisione del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di chiedere la collaborazione di Giancarlo Caselli e dell`Osservatorio Agromafie proprio per procedere alla revisione delle leggi in materia.

Lascia il tuo commento
commenti