Quarta edizione

"La carica dei 100 e lode", Gaetano Pascale

Coratino, si è diplomato al liceo "Tedone". «Il mio sogno nel cassetto è giocare a basket in Nba»

Attualità
Ruvo di Puglia giovedì 15 agosto 2019
di Elena Albanese
Gaetano Pascale
Gaetano Pascale © Gaetano Pascale

Giunto ormai alla sua quarta edizione, prosegue l’appuntamento estivo di RuvoLive.it con “La carica dei 100 e lode”, la serie di interviste agli studenti ruvesi che hanno conseguito la maturità col massimo dei voti o a quelli dei paesi limitrofi che hanno ottenuto questo importante risultato negli istituti superiori della nostra città.

Oggi è la volta di Gaetano Pascale, coratino diplomatosi al liceo scientifico “O. Tedone” nell’indirizzo tradizionale.

Anche a lui abbiamo rivolto le nostre domande a cavallo tra passato, presente e futuro.

Gli esami

Che traccia hai svolto nella prima prova?

Nella prima prova ho svolto la traccia A2 di analisi del testo su Leonardo Sciascia.

Qual è stato il momento più difficile degli esami?

Il momento più difficile degli esami è stato sicuramente la seconda prova, per la sua lunghezza e per la compresenza di matematica e fisica in uno stesso problema, cosa a cui non eravamo certo abituati.

Raccontaci com'è andato l'orale.

Per quanto riguarda l'orale, a parte l'ansia per la nuova modalità d'esame, è filato tutto per il verso giusto, avendo nei giorni precedenti cercato di ripetere tutto il programma; la commissione non mi ha messo particolarmente in difficoltà all'infuori di qualche domanda specifica, nonostante agli scritti i docenti esterni si fossero mostrati particolarmente pignoli e severi. Ad ascoltarmi c'erano la mia famiglia e i miei amici.

Tra passato e futuro

Cosa ti mancherà di più della scuola superiore?

Della scuola superiore mi mancheranno ovviamente il rapporto con i miei compagni e le attenzioni dei docenti nei nostri confronti, cosa rara all'università.

A quale facoltà ti sei iscritto?

Mi sono iscritto alla facoltà di Ingegneria elettrica a Bari.

Cosa vorresti fare da grande?

Da grande vorrei lavorare in un’azienda che si occupi di fonti di energia rinnovabile.

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Il mio sogno nel cassetto è giocare a basket in Nba.

Il presente

Ti aspettavi questo risultato?

Sinceramente sì, perché ho sempre avuto il massimo dei voti e dei punti di credito e a entrambi gli scritti ho avuto il massimo.

Come hai festeggiato quando l'hai saputo?

Quando l'ho saputo non mi trovavo nel mio paese, ma nella nostra casa al mare nel tarantino, dove sono tutt' ora in vacanza, ragion per cui ho dovuto rimandare i festeggiamenti al mio rientro.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • BIAGIO ha scritto il 17 agosto 2019 alle 07:09 :

    Molto eloquente quell'indice e mignolo rivolti verso l'alto. Rispondi a BIAGIO