Sinergie internazionali

“Sviluppo territoriale e dieta mediterranea”, workshop italo-argentino

Promosso dalla rete turistica Murgia Slow Travel di Ruvo di Puglia con "Pugliesi nel Mondo" di La Plata - Argentina e i comuni di Poggiorsini, Spinazzola e Minervino Murge. Oggi a Minervino alle 18.00

Attualità
Ruvo di Puglia martedì 10 dicembre 2019
di La Redazione
Murgia slow travel
Murgia slow travel © Murgia slow travel

Nell'ambito del Corridoio Produttivo Turistico Culturale Italia-Argentina, la rete turistica Murgia Slow Travel di Ruvo di Puglia, in collaborazione con associazione "Pugliesi nel Mondo" di La Plata - Argentina e i comuni di Poggiorsini, Spinazzola e Minervino Murge, promuove un workshop su "Sviluppo Territoriale e dieta mediterranea", nella sala consiliare di Minervino oggi, alle 18.00.

L'obiettivo del seminario è elaborare strategie territoriali per favorire interscambi istituzionali tra Italia e Argentina nelle aree della produzione, del turismo e della cultura con la partecipazione di imprese, istituzioni pubbliche e private.

In particolare si affronteranno i seguenti temi:

-stato delle relazioni economiche tra Italia e Argentina;

-ruolo e iniziative delle istituzioni e dei comuni delle aree interne del territorio Murgiano, per promuovere gli scambi Italia-Argentina;

-scenari e nuove opportunità in America-latina nei settori del turismo e dell'agroalimentare;

-proposte di Corridoi transfrontalieri.

-dieta mediterranea e valenze uomo-natura.

Saluteranno la sindaca di Minervino MurgeMaria Laura Mancini; il sindaco di Poggiorsini Ignazio Di Mauro e il sindaco di Spinazzola Michele Patruno.

Interverranno Mario Pansini, coordinatore della rete turistica Murgia Slow Travel; Nicolas Moretti, direttore dell’Agenzia di Cooperazione Territoriale Italia Argentina; Luigi Spina founder di WeTipico; Irene Cornacchia biologa nutrizionista.

Durante il workshop si discuterà anche di "dieta mediterranea" o “mediterranean way”, perché la nozione di quest’ultima non si riferisce solo a un modello nutrizionale condiviso da numerosi popoli del bacino del Mare Nostrum, ma abbraccia concetti più ampi e profondi che afferiscono a un peculiare stile di vita, a una specifica modalità di produzione e consumo del cibo, a un determinato modo di concepire il rapporto tra l'uomo e l'ambiente.

Come sottolineato dall'UNESCO, che ha riconosciuto la dieta mediterranea uno degli elementi costitutivi il Patrimonio Intangibile dell'Umanità, il modello alimentare mediterraneo va oltre il semplice cibo, abbracciando valenze salutari e nutrizionali (in quanto è uno dei regimi alimentari più sani tra quelli conosciuti), ambientali (più limitato impatto sull'ambiente in confronto alle diete basate su un eccesso di grassi animali; rispetto dei principi di biodiversità, stagionalità, ruralità e frugalità), di qualità e sicurezza alimentare (la qualità dei prodotti e tutela della sicurezza alimentare dei consumatori);sociali (consapevolezza alimentare, legame con il territorio, convivialità, agricoltura sociale, identità, scambio tra i popoli del Mediterraneo), economiche (riduzione della spesa sanitaria nazionale, lotta allo spreco alimentare, risparmio per i consumatori, valorizzazione delle imprese locali, dei territori e del paesaggio rurale).

Murgia Slow Travel, promotrice assieme ad altri partner dell’evento, è una rete di imprese che, in linea con il Piano strategico del turismo 2016-2025“Puglia 365”, ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo integrato del territorio dell’Alta Murgia, stimolando attraverso la cooperazione regionale, nazionale einternazionale processi di rete e collaborazione tra tutti gli attori che partecipano al sistema turistico locale: imprese, istituzioni, enti pubblici e privati, professionisti del settore.

Lascia il tuo commento
commenti