«Ho risposto la sera stessa del 20 marzo, subito dopo l'appello straordinario del premier Conte per creare una task force di 300 medici per l'emergenza Covid-19»

Luciano Lorusso parte contro il Covid 19

​Il medico ha ricevuto la convocazione a Roma, dalla Protezione civile, per l'8 aprile, da dove ripartirà, con altri medici volontari, per raggiungere le zone maggiormente colpite dalla pandemia

Attualità
Ruvo di Puglia domenica 05 aprile 2020
di Raffaella Anna Dell'Aere
Il dottor Luciano Lorusso
Il dottor Luciano Lorusso © Luciano Lorusso

«È un viaggio che parte da lontano, quello di portare conforto dove c'è bisogno».

Un messaggio intriso di solidarietà e senso civico, di religiosità nel suo più nobile significato e di profonda umanità, quello di Luciano Lorusso, nell'ufficializzazione del suo “Sì” al bando per il reclutamento di medici per l'Emergenza Covid-19.

Medico e direttore del Centro Trasfusionale dell'Ospedale “Bonomo” di Andria, Luciano Lorusso, che vive a Ruvo da sempre, ha già un percorso di impegno sociale, solidale e di volontariato che l'ha visto in prima linea negli innumerevoli viaggi della speranza verso Lourdes per l'assistenza ai malati dell'Unitalsi, a sostenere i giovani tossicodipendenti ospiti della comunità “Casa” di don Tonino Bello e ad assistere e dare conforto ai migranti sulle coste di Lampedusa, nel corpo della Croce Rossa.

«Ho risposto la sera stessa del 20 marzo, subito dopo l'appello straordinario del premier Giuseppe Conte per creare una task force di 300 medici per l'emergenza Covid-19, compilando il modulo del bando diffuso sulla piattaforma della presidenza del Consiglio dei Ministri del Dipartimento della Protezione Civile. Ma solo pochi giorni fa ho ricevuto una telefonata da un addetto dell'Agenzia della Protezione Civile in cui mi si chiedeva conferma circa i miei dati personali e la mia disponibilità a far parte della task force coordinata da Giulio Borrelli».

Il dottor Lorusso, senza “se” e senza “ma”, ha confermato tutto con spirito di dedizione verso questa vera e propria “chiamata alle armi della sanità” come lo stesso Francesco Boccia, ministro per gli Affari Regionali, ha denominato.

«Venerdì 3, alle 13, mi è arrivata la mail di risposta da parte della Protezione civile in cui c'era scritto che dovrò presentarmi mercoledì 8, a Roma, presso un hotel nei pressi della stazione Termini, da dove, nel giorno seguente, ripartirò con altri colleghi medici volontari per raggiungere la sede di destinazione in una delle zone maggiormente colpite dal coronavirus, per un periodo non inferiore a tre settimane».

Luciano Lorusso, mosso dalla forte abnegazione che lo contraddistingue, manifesta una grande vicinanza ai colleghi medici: «Mi auguro di poter essere utile e di supporto ai colleghi che hanno affrontato in modo magistrale questa prima fase dell'emergenza». Ma esprime una critica nei confronti dell'intera macchina organizzativa: «Emergenza che avrebbe dovuto comportare provvedimenti preventivi, precoci, per ridurre la diffusione dell'epidemia e il numero delle vittime».

Il dottore intravede l'epilogo dell'emergenza solo con l'arrivo del vaccino: «Secondo me le misure di contenimento sociale dovranno essere mantenute per diverso tempo per evitare un'onda di ritorno di casi e di contagi. Mi aspetto che il virus riduca la sua contagiosità e si arrivi in tempi brevi al vaccino».

Partendo verso la sua missione, Luciano porterà la sua Ruvo con sé, nel cuore, e ciascun ruvese sarà lì, con lui per condividere con forza e senso comunitario la sua opera al servizio degli altri, e alla domanda «Ma lei ha paura?» risponde «È naturale. Essere consapevoli del pericolo può salvarti la vita. Prendo spunto, come messaggio per tutti i miei concittadini, dalle parole di Alessandro Magno Vincete la paura e vi prometto che vincerete la morte”».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mario Ottombrini. ha scritto il 07 aprile 2020 alle 16:23 :

    "OMNIA VINCIT ANIMUS".TANTI AUGURI! Rispondi a Mario Ottombrini.

  • Paolo e Flora Leovino ha scritto il 07 aprile 2020 alle 11:31 :

    Scelta forte e generosa, caro dottor Lorusso. Ti fa immenso onore. Buona missione. I tuoi amici della comunità CASA Rispondi a Paolo e Flora Leovino

  • ANTONIO DE ASTIS ha scritto il 06 aprile 2020 alle 15:40 :

    CUORE E PROFESSIONALITA DOTT, LORUSSO (COMPLIMENTI) da un concittadino che vive lontano da RUVO a SOLBIATE ARNO(VA) Rispondi a ANTONIO DE ASTIS

  • Nicoletta Campanale ha scritto il 06 aprile 2020 alle 15:13 :

    Buon lavoro Dottor Luciano Lorusso, esempio di professionalità e soprattutto di elevata competenza umana. Il tuo impegno è motivo di orgoglio per noi concittadini. Rispondi a Nicoletta Campanale

  • Caterina montaruli ha scritto il 05 aprile 2020 alle 13:51 :

    Bravo Luciano. I soldati si vedono in tempo di guerra, diceva mio padre. Auguri con stima. Rispondi a Caterina montaruli

  • Maurizio Vernice ha scritto il 05 aprile 2020 alle 13:49 :

    Conoscendo Luciano da tanti anni la sua scelta non mi ha meravigliato. È un vero professionista e da ufficiale medico riservista, ancora in attività , dimostra sempre la sua vicinanza verso il prossimo. In bocca al lupo amico mio . Rispondi a Maurizio Vernice

  • Francesco Raffaele ha scritto il 05 aprile 2020 alle 12:28 :

    Buon lavoro dott lorusso, Ruvo e vicina a te e a tutti i colleghi, fiero di aver un amico come te'. Rispondi a Francesco Raffaele

  • anacleto berardi ha scritto il 05 aprile 2020 alle 09:37 :

    un grande. non c'è altro da aggiungere. ti abbracciamo. Rispondi a anacleto berardi

  • francesco basile ha scritto il 05 aprile 2020 alle 08:39 :

    Sei un grande dottore. Vi porgo i migliori Auguri. Lei fa grande anche Ruvo. AUGURI. Rispondi a francesco basile

  • Giulia Basile ha scritto il 05 aprile 2020 alle 07:42 :

    Carissimo Luciano, ti giunga dall'Avis di Noci che rappresento e da me un forte abbraccio per l'abnegazione ed entusiasmo che metti nelle cose che fai, e per l'amore per la vita che ti spinge a raggiungere i tuoi magnifici colleghi, nostri paladini contro il male odierno. Un forte abbraccio e a presto. Porta anche qui da noi la tua preziosa esperienza. Rispondi a Giulia Basile