Se al Cimitero sono state rispettate le regole di sicurezza, questo non è avvenuto altrove

Avvio “Fase 2” in città, il Sindaco: «Molti comportamenti imprudenti e superficiali»

Anche in questo periodo, è necessario uscire solo per giustificati motivi portando con sé l’autocertificazione​

Attualità
Ruvo di Puglia martedì 05 maggio 2020
di Veronique Fracchiolla
Il sindaco Pasquale Chieco
Il sindaco Pasquale Chieco © Comune di Ruvo di Puglia

Ieri è iniziata la Fase 2, quella in cui l’Italia, a piccoli passi, si avvia alla ripresa con la riapertura in sicurezza di aziende, di alcune attività commerciali e uffici. Ma il livello di guardia non deve essere abbassato.

La Ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, fa appello al buon senso di tutti e al rispetto delle regole antiCovid-19 per evitare la diffusione del virus. Questo significa che si esce solo per giustificati motivi, quali salute, lavoro e stato di necessità (tra cui la visita ai parenti stretti). Per questo motivo deve essere sempre portata con sé l’autocertificazione scaricabile dal sito del Viminale (quella aggiornata al Dpcm del 26 aprile). Valido anche il modello precedente, chiariscono dal Ministero, purché si barrino le voci non più attuali.

A Ruvo di Puglia, purtroppo, l’avvio della “Fase 2” è stato caratterizzato da comportamenti «imprudenti e superficiali», come li ha definiti il sindaco Pasquale Chieco constatandoli nel centro cittadino. Un contraltare rispetto all’ordine e alla disciplina osservati nel primo giorno di riapertura del Cimitero.

«Il virus non è sconfitto, siamo ancora tutti a rischio; vedo che qualcuno finge di non saperlo» conclude.

Eppure era stato molto chiaro nel video messaggio ai ruvesi in cui parlava di come si sarebbe vissuta la Fase 2 in città: mai abbassare la guardia; usare dispositivi di protezione e uscire solo per motivi giustificati.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antica mente ha scritto il 05 maggio 2020 alle 18:48 :

    Io invece ho visto vigili e anche verbalizzare gente, certo che x ogni cittadino cioè 26000 servono 52000 poliziotti😉 Rispondi a Antica mente

  • Tony ha scritto il 05 maggio 2020 alle 15:17 :

    E per forza. Non si vede più l'ombra di un vigile etc.. Rispondi a Tony

    Innominato ha scritto il 05 maggio 2020 alle 18:40 :

    Ma perché dobbiamo necessariamente essere controllati per fare o non fare qualcosa?! Non si può pretendere un vigile urbano o un carabiniere per ognuno di noi. Rispondi a Innominato

    Prisco Rosanna ha scritto il 08 maggio 2020 alle 00:10 :

    Forse Perche' c'e la salute di mezzo? Rispondi a Prisco Rosanna

    Umberto Angelotti ha scritto il 05 maggio 2020 alle 20:00 :

    Quando ê in gioco la salute di tutti, non ci sono se e non ci sono ma!la gente non ha cognizione della gravità del problema sanitario.e lo dico da medico. I controlli devono esserci e devono essere potenziati, oggi più che mai. Non si scherza. Ma vedere gente in giro,senza precauzioni e senza distanza di sicurezza, é inaccettabile. Chiederei a questa gente di venire a lavorare in ospedale..e poi vediamo! Rispondi a Umberto Angelotti

    Prisco Rosanna ha scritto il 08 maggio 2020 alle 00:08 :

    Giusto

  • Prisco Rosanna ha scritto il 05 maggio 2020 alle 11:51 :

    Qua nemmeno con la fase uno si era capito Rispondi a Prisco Rosanna

    anacleto berardi ha scritto il 06 maggio 2020 alle 05:09 :

    quoto. stima. Rispondi a anacleto berardi