"Ripartenza" è la parola chiave dell'84esima edizione

La Fiera Campionaria del Levante 2020 dal 3 all'11 ottobre

Nei prossimi giorni conferenza stampa di presentazione a cui parteciperanno il governatore Michele Emiliano, il sindaco Antonio Decaro e il Presidente di Nuova Fiera del Levante, Alessandro Ambrosi

Attualità
Ruvo di Puglia mercoledì 01 luglio 2020
di La Redazione
La Fiera del Levante di Bari.
La Fiera del Levante di Bari. © n.c.

Ripartenza è la parola chiave della 84esima edizione della Campionaria Generale Internazionale che Nuova Fiera del Levante organizzerà dal 3 all’11 ottobre p.v., nel rispetto delle norme di sicurezza antiCovid-19.

«“Ancor più FIERA di esserci” – fanno sapere gli organizzatori -. Perché ripartire è importante, e perché riaprire le porte del quartiere fieristico perla Puglia, per Bari, per i baresi, per gli espositori, per i visitatori, per gli artisti per tutte le lavoratrici e i lavoratori che fanno ogni anno di questo appuntamento un momento importante e irrinunciabile, significa tornare a vivere. Anche quando vivere vuol dire affrontare una bufera in mare aperto. Ripartenza. È, poi inevitabilmente il punto più semplice e necessario su cui puntare per Nuova Fiera del Levante che nei giorni della Campionaria vorrà invitare il Governo Centrale, i governi regionali, le menti più illuminate dei nostri territori e del Mediterraneo, a confrontarsi su azioni e strategie comuni da adottare. Nel rispetto di una visione che vede nel dialogo tra Occidente e Oriente un futuro possibile su cui investire».

L’organizzazione degli spazi, lo svolgimento delle attività della Campionaria 2020 rispetteranno le misure di sicurezza e del distanziamento fisico sulla base delle linee guida regionali antiCovid-19.

I dettagli e i particolari di questa edizione speciale saranno illustrati nei prossimi giorni nel corso di una conferenza stampa a cui parteciperanno il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, e il Presidente di Nuova Fiera del Levante, Alessandro Ambrosi.

Lascia il tuo commento
commenti