Non una promessa ma una realizzazione apre il secondo “Giovedì del Tannoia”

Al Tannoia un nuovo laboratorio tecnologico di ultima generazione per il Corso Geometri

Per una professionalità tra le più richieste dal mercato del lavoro

Contenuti Suggeriti
Ruvo di Puglia martedì 15 gennaio 2019
Il secondo “Giovedì del Tannoia”
Il secondo “Giovedì del Tannoia” © n.c.

Domanda: perché scegliere il Corso per Geometri dell’ITET “Tannoia” di Corato? Risposta: Per una serie di ragioni molto importanti. Quali? Sono queste: per la grande varietà delle opportunità di lavoro che il Corso, denominato Costruzione-Ambiente e Territorio, offre nel settore pubblico quanto in quello privato e della libera professione; perché promuove una gamma ampia di conoscenze e di competenze in rapporto con le trasformazioni in atto nella gestione del territorio e dell’ambiente; perché consente la prosecuzione degli studi in qualsiasi Università; perché la figura professionale del geometra è molto richiesta dal mercato del lavoro su tutto il territorio nazionale; per la professionalità dei suoi docenti; per la qualità dei suoi laboratori. Ragioni, queste, emerse durante l’incontro-dibattito “Edilizia 4.0” tenuto presso l’Istituto Tecnico Economico e Tecnologico di Corato qualche giorno fa. L’occasione: il secondo appuntamento con i “Giovedì del Tannoia”, giornate di Open Day offerte a studenti e famiglie secondo la nuova formula dell’approfondimento tematico dei Corsi, e, contestualmente, della presentazione dei laboratori, delle strutture e degli spazi attrezzati della scuola. Perché la scelta dell’Indirizzo formativo da parte di famiglie e studenti sia sempre più motivata e consapevole.

Uno studio risalente a giugno o luglio di quest’anno ha messo in evidenza che nelle aziende italiane mancano 12mila ingegneri. Il 25% dell’offerta di lavoro nazionale riguarda questa professionalità” ha sottolineato l’ingegnere Francesco Piccinini durante l’incontro introdotto dal prof. Raffaele Nappi docente di Progettazione, Costruzione e Impiantidel Corso Geometri del “Tannoia”. Per una scuola quale il “Tannoia”, che per il terzo anno consecutivo si colloca al primo posto nella provincia barese nelle rilevazioni della Fondazione Agnelli sui risultati ottenuti dagli studenti iscritti al primo anno dell’Università, la qualità del parterre dell’incontro avvalora non soltanto la validità della formula di orientamento scelta quest’anno, ma anche la peculiarità dell’offerta formativa del “Tannoia” spendibile con successo sia mediante l’acquisizione del diploma del quinto anno, sia nella continuazione degli studi. E dunque ecco la platea degli ospiti che ha sviluppato il dibattito: i geometri Giovanni Disabato libero professionista e consigliere del Collegio provinciale dei Geometri, Francesca Muolo vicepresidente del Collegio provinciale, che ha portato i saluti del presidente Angelo Addante impegnato a Roma, Michele Piccione che ha già collaborato con il “Tannoia” in percorsi di alternanza scuola-lavoro, Enzo Laterza direttore commerciale della Geomax, azienda che fornisce strumentazioni tecnologiche per il rilievo di alta precisione, e l’ingegnere Francesco Piccinini docente di Fisica del Politecnico di Bari.

Il mercato del lavoro oggi lamenta una forte carenza di geometri ha ricordato il dirigente scolastico prof.ssa Nunzia Tarantini aprendo i lavori di fronte a un pubblico interessato e attento. Ne sono richiesti in tutta Italia e con il Veneto è stato stipulato un accordo per la segnalazione alle aziende di quella regione di professionalità formate in Puglia. “Il Corso Costruzioni, Ambiente e Territorio fa parte del Settore Tecnologico del Tannoia che, voglio ricordarlo -ha continuato il Dirigente scolastico- da sei anni non è più soltanto Economico, e che con la varietà dei suoi Indirizzi ha inteso rispondere alle esigenze di una formazione che deve tenere il passo delle trasformazioni in corso. E anche per questo mi fa piacere poter dare una notizia importante: apriremo il prossimo anno scolastico con un nuovo laboratorio per il corso Geometri, che stiamo realizzando con tecnologie di ultima generazione, tra cui i droni, grazie al finanziamento che la scuola ha saputo aggiudicarsi con la partecipazione a un bando europeo”.

La conferma della vocazione della scuola a formare giovani in grado di applicare le conoscenze acquisite nella pratica quotidiana del lavoro è venuta anche questa volta dalla testimonianza diretta degli studenti: “Durante il percorso formativo di un mese vissuto a Dublino -ha raccontato una ragazza del quinto anno- abbiamo sperimentato l’occupazione in un ambiente di lavoro internazionale, uno studio ingegneristico, dove abbiam utilizzato software già in uso nella nostra scuola, fino all’elaborazione di progetti, in stretto e costante contatto con i clienti”. Presentando inoltre la progettazione di un appartamento, gli studenti hanno messo in evidenza la completezza di un Corso che coniuga studio teorico e applicazione pratica delle conoscenze, anche oltre l’alternanza scuola-lavoro.

Ogni anno -ha informato il moderatore dell’incontro, il geometra Giovanni Disabato, che è padre di uno studente del Corso all’ITET di Corato- al Collegio provinciale dei geometri di Bari arrivano richieste di questa figura professionale che trova occupazione in tanti contesti: nella libera professione -negli ambiti della progettazione, delle stime, delle visure catastali, ecc-, ma anche nelle Aziende Sanitarie Locali, presso il Corpo dei Vigili del Fuoco, e negli Enti locali, Comuni, Città metropolitane, Regioni. Perché il geometra è un profondo conoscitore del territorio.

La forte differenziazione della collocazione nei contesti lavorativi costituisce davvero il dato significativo che riguarda le prospettive occupazionali dell’Indirizzo CAT, come è stato rimarcato anche da Francesca Muolo, vicepresidente del Collegio dei geometri di Bari, che ha ricordato fra l’altro come la professione risalga all’epoca romana, quando erano geometri coloro che accompagnavano le legioni per identificare le aree dove potevano accamparsi: “Il diploma che questa scuola attribuisce è un diploma finito. Ciò significa che al termine degli studi si può subito scegliere cosa fare: concorsi nelle amministrazioni, lavorare per le imprese, dedicarsi alla libera professione, scegliere di continuare gli studi. Il che spiega perché questo titolo di studio è così prezioso e consente una molteplicità di scelte. E sono felicissima di essere qui per parlare di una professione che amo e che svolgo da 25 anni, cioè dal giorno dopo quello in cui mi sono diplomata. Prima come praticante, poi come collaboratrice e infine come titolare di uno studio. Una professione che non ti permette di annoiarti mai e che richiede mentalità flessibile e capace di rispondere ai cambiamenti che questa occupazione ha avuto negli ultimi 25 anni.

Vero: una professione in continua evoluzione, ha concordato il geometra Michele Piccione. “Oggi -ha spiegato- è in corso la digitalizzazione di ogni attività e anche la nostra casa è sempre più digitalizzata, sempre più smart. La nostra professione si affaccia su un mondo nuovo: non si tratta più solo del progetto della casa, ma del miglioramento dei suoi impianti, delle sue strutture, del sistema energetico, che richiedono conoscenze ampie e diversificate. L’impiantistica diventa essenziale in tal senso: con un unico elemento, probabilmente il cellulare, gestiremo tutto, luce, gas, telefonia, web, acqua, strumentazioni tecnologiche, dalla TV alla lavatrice, dal frigorifero all’hifi. Tutto ciò è progettazione che riguarda l’attività del geometra, come l’attenzione ai valori del territorio e dell’ambiente.

Ed ecco sullo schermo alle spalle dei relatori le immagini topografiche che mostra Enzo Laterza, direttore commerciale della Geomax: “Sono state rilevate con il drone -informa-. Non c’è più il tecnico che va sul campo, prende le misure, scatta le foto: oggi si fa tutto con strumenti molto più precisi e in un tempo molto ridotto rispetto a qualche anno fa. Il mio stesso lavoro documenta la trasformazione della professione di geometra: io mi occupo di commercializzare tecnologia per le costruzioni e di fare assistenza perché ormai i rilievi vengono realizzati con i droni e il laser scanner, dunque la tecnologia ha trasformato la professionalità del geometra legandola molto più che nel passato alla strumentazione disponibile.

A chiusura dell’incontro sono così risultate più che parole di invito quelle dell’ingegnere Francesco Piccinini circa la prospettiva della formazione continua a cui il geometra può e deve guardare perché “l’Informatica ha fatto evolvere in maniera enorme le tecnologie. Sistemi di calcolo che un tempo non lontano erano riservati ai ricercatori ora sono obbligatori per legge, e vi si accede attraverso software dedicati. Per questo il titolo di geometra non può che essere un titolo di formazione superiore che consente agli studenti di affrontare poi anche l’aggiornamento di tipo universitario.

Lascia il tuo commento
commenti