Su impulso dell'Assessorato alle Politiche sociali, in collaborazione con quello all'Istruzione, del Comune di Ruvo di Puglia

Ruvo Città Educante, candidato il progetto "Lego: costruiamo insieme la casa, la famiglia, la città"

Candidato all'avviso pubblico ministeriale "Educare in Comune" del Dipartimento per le Politiche della famiglia. L'obiettivo è finanziare un percorso di contrasto alla povertà educativa

Cronaca
Ruvo di Puglia lunedì 01 marzo 2021
di La Redazione
Una piccola famiglia
Una piccola famiglia © Comune di Ruvo di Puglia

Il Comune di Ruvo di Puglia ha candidato il progetto “Lego: costruiamo insieme la casa, la famiglia, la città” all'avviso pubblico ministeriale "Educare in Comune" del Dipartimento per le Politiche della famiglia, che potrebbe finanziare un importante percorso di contrasto alla povertà educativa con particolare riferimento a quelle situazioni che si sono aggravate a causa della pandemia. 

«Con il prezioso impulso della nostra assessora Monica Montaruli - spiega il sindaco Pasquale Chieco - e la collaborazione dell'assessora Monica Filograno e dei funzionari della nostra Area delle Politiche Sociali, Educative e Culturali, abbiamo portato a termine un complesso lavoro di coprogettazione teso a declinare i valori di "Ruvo Città Educante" in azioni concrete che potremo realizzare con queste risorse. 

Ringrazio le Assessore, gli uffici e i partner che hanno collaborato sia alla raccolta dei bisogni (le scuole cittadine tutte si sono impegnate nella somministrazione di un questionario alle famiglie) sia con ottimi contributi alla progettazione delle azioni, ispirate ai principi della Convenzione Onu per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza con l'obiettivo di potenziare la partecipazione attiva e consapevole di infanzia (fascia 6-12 anni), adolescenza (da 12 anni in su) e famiglie al proprio contesto di vita.

Abitare la strada, la casa, le relazioni, il digitale. Farlo senza farsi del male. Né a sé, né agli altri.

Il progetto punta, infatti, a migliorare nei più piccoli il senso di responsabilità e cura per gli spazi pubblici e privati e le loro relazioni con coetanei e adulti, nei genitori invece a rafforzare le skills educative, integrando nuclei familiari di cittadini stranieri o di famiglie in condizioni di fragilità economica. 

Ogni progetto che candidiamo è l'approdo di un percorso fatto con alcune parti di città e porta con sé un sogno che contiene visione e concretezza al tempo stesso. 

Un sogno che, fatto insieme a una comunità, cerca sempre di diventare realtà».

Lascia il tuo commento
commenti