Il consigliere regionale Francesco La Notte ha chiesto aggiornamenti sullo stato di avanzamento dell’iter procedurale

Ospedale del Nord Barese, ieri audizione in Regione: «Iter fermo da un anno»

​Il bacino di utenza che beneficerebbe dell’Ospedale sarebbe di circa 230 mila persone residenti nei comuni di Molfetta, Trani, Bisceglie, Ruvo, Terlizzi, Corato e Giovinazzo

Cronaca
Ruvo di Puglia martedì 04 maggio 2021
di La Redazione
Corsia di ospedale
Corsia di ospedale © n.c.

Si è svolta ieri mattina nella III Commissione (Assistenza Sanitaria, Servizi Sociali) del Consiglio Regionale pugliese, l’audizione richiesta dal consigliere dei “Popolari con Emiliano” Francesco La Notte, finalizzata a conoscere l’attuale stato di avanzamento dell’iter procedurale circa la realizzazione del nuovo Ospedale del Nord Barese. 

«Come ricordato dal Dirigente dell’Area Tecnica Asl Bt, Carlo Ieva, e da Antonio Sanguedolce, direttore generale della Asl Bari, l’ultima riunione riguardante l’Ospedale del Nord Barese risale ormai ad un anno fa», afferma il consigliere proponente La Notte. «In quella Conferenza dei Servizi si discusse dell’ubicazione della struttura e dell’individuazione di un terreno di 20 ettari a cavallo tra i territori di Bisceglie e Molfetta. Da quel momento l’iter si è fermato e non ci sono state ulteriori riunioni. A oggi, non è ancora chiaro quale delle due Asl si dovrà interessare della struttura. L’audizione da me richiesta nasce proprio dalla volontà di riprendere nuovamente la discussione interrotta in quel momento, nella speranza che l’iter possa quanto prima proseguire».

«La pandemia ha determinato un cambiamento radicale nel modo di intendere la sanità territoriale e nel concetto di presa in carico dei pazienti. Non è accettabile che un territorio così vasto, cerniera tra due province, possa rimanere ancora a lungo sguarnito di un presidio ospedaliero di primo livello. Il bacino di utenza che beneficerebbe dell’Ospedale sarebbe di circa 230 mila persone residenti nei comuni di Molfetta, Trani, Bisceglie, Ruvo, Terlizzi, Corato e Giovinazzo» prosegue La Notte. «È oggi più che mai necessaria la stretta collaborazione tra le due aziende sanitarie e tra i diversi Comuni coinvolti per ottenere un presidio ospedaliero realmente in grado di soddisfare i bisogni di cura dei cittadini».

Nel corso dell’audizione richiesta dal consigliere regionale Francesco La Notte sono intervenuti il dirigente dell’area tecnica Asl Bat, Carlo Ieva, il direttore generale della Asl Bari, Antonio Sanguedolce, il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, e il sindaco di Bisceglie, Angelantonio Angarano. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Uomo nero ha scritto il 05 maggio 2021 alle 07:11 :

    Bravi abbiamo a Ruvo un ospedale abbandonato da anni, a Terlizzi completamente ridimensionato,. Se fanno il nuovo ospedale anche quello di Molfetta e Bisceglie saranno chiusi oppure destinati al ricovero medico di topi.Ma vogliamo finirla di creare nuovi Mostri che poi comportano spese e sperpero di soldi con enormi assembramenti di persone specie in presenza di pandemie attuali.Caro consigliere La Notte mantenga fede al proprio cognome e BUONA NOTTE. Rispondi a Uomo nero

  • EMANUELE VALENZA ha scritto il 04 maggio 2021 alle 14:47 :

    ...una nuova struttura per alimentare edilizia, impiantistica, ecc..... e delle strutture già esistenti, ristrutturate ogni tre anni da oltre un trentennio.....quindi almeno una decina di volte....che ce ne facciamo? le abbandoniamo alla polvere? sarebbe piu' produttivo riutilizzarle e quei soldi spenderli solo per macchinari più moderni e personale, così per gli esami non si aspettano mesi e mesi. Perchè si predilige le esigenze dell'edilizia e non la salute dei comuni cittadini???? Rispondi a EMANUELE VALENZA

    Tony ha scritto il 04 maggio 2021 alle 18:57 :

    Ottima osservazione. Mi sarebbe piaciuto anche sapere se, tutti quei soldi che si intendono sciupare in questi mega specchi per le allodole/elettori, fossero usciti dalle tasche da questi cervelloni dei nostri politici,... non credo li avessero buttati al vento in questo modo.... Rispondi a Tony