La Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne è una ricorrenza istituita dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999

Giornata contro la violenza sulle donne, Chieco: «Lavorare sulla educazione e prevenzione»​​

«Da anni a Ruvo sono attivi diversi servizi a supporto di donne vittime di violenza: luoghi protetti, supporto legale, aiuto a tornare al lavoro, a rientrare nella società e altro ancora». Le iniziative dei Lions e di RuvoLab

Cronaca
Ruvo di Puglia giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: un momento del flashmob organizzato dagli studenti della
Giornata internazionale contro la violenza sulle donne: un momento del flashmob organizzato dagli studenti della "Cotugno-Carducci-Giovanni XXIII" © Comune di Ruvo di Puglia

Ruvo di Puglia dice "no" alla violenza contro le donne nella Giornata internazionale per la eliminazione della violenza contro le donne attraverso alcune iniziative simboliche. Questa mattina, in piazza Matteotti, le terze classi della scuola secondaria di I grado hanno dato vita a un flash-mob: con loro Nico Curci, assessore al Benessere e alla Giustizia sociale. «L'eliminazione della violenza sulle donne è un percorso collettivo - dichiara il sindaco Pasquale Chieco -, un valore da costruire ed è importante che le fondamenta di questa costruzione siano gettate a scuola. Grazie allora a chi ha voluto la piazza di oggi, a chi ci ha lavorato e a chi ha partecipato: è stato utile, darà frutto. Da anni a Ruvo sono attivi diversi servizi a supporto di donne vittime di violenza: luoghi protetti, supporto legale, aiuto a tornare al lavoro, a rientrare nella società e altro ancora. Ma questi sono servizi che provano a riparare il danno avvenuto, a ricucire le ferite già aperte, ma potrebbero non bastare, potrebbero arrivare troppo tardi. Per questo è necessario lavorare sulla prevenzione, costruire appunto un clima culturale diverso, più sano. Abbiamo anni di silenzio e di sottovalutazione da recuperare, grazie alle giovani voci in piazza oggi per aver fatto rumore». 

Nel pomeriggio, inoltre, in collaborazione con l'Amministrazione, il Lions Club Ruvo di Puglia-Terlizzi "Appia Traiana" ha donato alla città una libreria sociale che servirà come punto di scambio gratuito di libri secondo la modalità "prendi un libro e lascia un libro". La libreria è stata installata nel Parco della Musica "Antonio Summo", alla presenza dell'assessora alle Politiche di comunità Monica Filograno, dell'assessore Curci, dell'ingegnere Gildo Gramegna. Inoltre, sempre su iniziativa dei Lions, la Torre dell'Orologio è stata avvolta dalla luce rossa, «nella speranza di non doverla più illuminare in futuro». Si tratta di «iniziative simboliche ma pregne di significato, propedeutiche a generare coscienza collettiva e a catalizzare attenzione - aggiunge Biagio Catalano, presidente Leo Club Ruvo di Puglia e Terlizzi-. Non a caso diversi passanti si sono fermati incuriositi ad ammirare l'antica torre avvolta di luce rossa, domandandoci il significato». A Catalano fa eco Elena De Chirico, presidente Club Lions Ruvo di Puglia - Terlizzi "Appia Traiana": «Anche quest'anno, per la giornata internazionale dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne, abbiamo voluto essere testimoni attivi attraverso l'attività di service, fulcro della operatività dei Lions International. L'obiettivo è contribuire nel nostro piccolo a promuovere una corretta cultura della relazione uomo-donna al fine di rafforzare il messaggio che sottende al cammino verso una società libera dalla violenza e dagli stereotipi di genere». Nel piazzale antistante la Santa Famiglia, l'associazione RuvoLab, presieduta dall'avvocata Mariatiziana Rutigliani, in collaborazione con l'associazione sportiva Olympya Grifo, ha organizzato lezioni aperte di difesa personale. All'incontro era presente l'assessore Nico Curci con il quale Rutigliani ha sottolineato la necessità di creare rete tra associazioni e istituzioni per una più efficace difesa delle donne, vittime di violenza.

Lascia il tuo commento
commenti