Fino al 26 novembre

Il "Tedone" al Festival nazionale di Service Learning: esperienze di apprendimento solidale

​Il Liceo scientifico e linguistico a Mestre, al festival dedicato a una metodologia basata sull’apprendimento di competenze e life skills, in cui gli alunni individuano una tematica sociale e rendono solidale un servizio

Cronaca
Ruvo di Puglia venerdì 26 novembre 2021
di La Redazione
Liceo scientifico e linguistico
Liceo scientifico e linguistico "O. Tedone" © n.c.

Si terrà a Mestre, al Museo del 900, sino al 26 novembre, il Festival Nazionale del Service Learning. Il Liceo Tedone, selezionato dall’Indire tra le numerose esperienze di Service Learning italiane e premiato per le Buone pratiche nel 2020, è impegnato in questi giorni, nell’ambito del Festival, a relazionare sulle progettualità svolte. Il Service Learning, inserito nell’offerta formativa del Liceo Tedone da quattro anni e curato dalla professoressa Silvia Valentini, è una metodologia diffusa in tutto il mondo, basata sull’apprendimento delle competenze e delle life skills, che vede gli alunni protagonisti nell’individuazione di una tematica sociale e nell’organizzazione di attività per rendere un servizio solidale.

Nel corso del convegno le studentesse Simona Salerno della classe 4L e Safaa Ouidad della classe 4F, accompagnate dalla prof.ssa Silvia Valentini e dalla dirigente scolastica, Domenica Loiudice, relazioneranno sui due progetti selezionati a livello regionale dal Comitato Tecnico Scientifico: Sos Planet, finalizzato ad adottare modelli di comportamento alternativi per ridurre lo spreco e i rifiuti, abituare al riciclo e alla pulizia degli ambienti scolastici; Aiutiamoci a sorridere, finalizzato ad alleviare la degenza ospedaliera dei pazienti pediatrici attraverso l’organizzazione di attività ludiche e lo scambio di doni.

Caratteri innovativi del Service Learning, che si configura a pieno titolo come un’esperienza pratica di cittadinanza attiva, sono la problematizzazione, la riflessione, l’apertura al territorio e, infine, l’impatto sugli studenti in merito alla consapevolezza, allo sviluppo civico, personale e sociale. «Da quando sono la dirigente di questa scuola – ha dichiarato entusiasta Loiudice - formare i ragazzi, educarli alla vita e alla bellezza è la mia priorità. Il Liceo che dirigo si sforza, quotidianamente, di conoscere ogni singolo studente, la sua storia, rispondendo alle sue domande e cercando risposte insieme. Naturale, pertanto, in un contesto scolastico caratterizzato da una forte vocazione inclusiva, di accoglienza continua, di comunicazione e di dialogo l’apertura alla dimensione del Service Learning, l’approccio pedagogico che coniuga l’apprendimento e servizio, grazie all’intuizione della prof.ssa Silvia Valentini. Una metodologia, quella del Service Learning, che ben si sposa con quella che è sempre stata la mission del Liceo Tedone: una scuola che sa essere inclusiva e sa arricchirsi attraverso la diversità e il confronto con l’altro, una scuola orientata a perseguire il connubio cittadinanza attiva - impegno formativo, costantemente impegnata nella crescita globale (cognitiva, affettiva, sociale) di persone libere, consapevoli e responsabili, capaci di elaborare un’identità soggettiva e di partecipare in modo critico e attivo alla vita associata, sulla base dei valori  umani e sociali come la democrazia, la legalità, la tolleranza, la solidarietà, il rispetto di sé e degli altri (Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio europeo del 18 Dicembre 2006)».

Lascia il tuo commento
commenti